QUELLA CONSULENZA TRA AMICI BRUNO INDAGATO A ISERNIA (Antonio Massari).

Originally posted on Triskel182:

Donato BrunoIL FORZISTA, IN CORSA PER LA CORTE COSTITUZIONALE, INQUISITO PER UN INCARICO DA CURATORE FALLIMENTARE. GLIELO DIEDE L’AVVOCATO CON CUI DIVIDE LO STUDIO.

Quella consulenza da circa 2,5 milioni di euro è ora nei cassetti della Guardia di finanza e della Procura di Isernia. E rischia di far tramontare ogni velleità per Donato Bruno, parlamentare di Forza Italia, candidato a diventare giudice della Corte costituzionale. Il Fatto Quotidiano è in grado di rivelare che Bruno è indagato per concorso in “interesse privato del curatore negli atti del fallimento”. Parliamo del fallimento della Itierre di Isernia, ex colosso del tessile, con ben 600 dipendenti ormai in cassa integrazione.  PER COMPRENDERE questa vicenda bisogna procedere con ordine e mettere a fuoco un dato: Bruno è molto amico di Stanislao Chimenti, commissario straordinario della Itierre, così amico da condividerne le stanze dello studio. Per intendersi, Bruno e Chimenti hanno assistito insieme Stefano…

View original 530 altre parole

Pubblicato in unica categoria | Lascia un commento

UNA DOMANDA AL”CAZZARO” CHE INCIUCIA CON IL PREGIUDICATO.

Dopo inseguimento, tre arrestati con 13 kg droga

 

    Ci spieghi come mai quest’auto di servizio dei Carabinieri sia una BMV mentre gli operai della Fiat in Italia sono in cassa integrazione o licenziati???

  E’ questa la tua riforma del lavoro concordata con la destra del PREGIUDICATO, come quella elettorale e della giustizia, per la quale vuoi il voto di fiducia del Parlamento?

     NON AVRAI MAI LA FIDUCIA DEI CITTADINI CHE SI RIFIUTANO DI PORTARE IL CERVELLO ALL’AMMASSO!!!                                                                                                                                     

Pubblicato in unica categoria | 3 commenti

IL PADRE DI MATTEO RENZI INDAGATO PER “BANCAROTTA FRAUDOLENTA”!

    Il padre di Matteo Renzi indagato per bancarotta fraudolenta

     La notizia l’aveva data un’agenzia ANSA di ieri alle 17,32 ma, secondo “il Fatto Quotidiano” di oggi, in prima pagina, il figlio Matteo “””SAPEVA TUTTO GIA’ MARTEDI’ QUANDO HA ATTACCATO I MAGISTRATI””” piuttosto pesantemente affermando che “Arrivare a sentenza preventiva sulla base dell’iscvrizione nel registro degli indagati è un atto di barbarie”.

     Il protagonista della vicenda è Tiziano Renzi, padre di Matteo, indagato dalla Procura di Genova per “BANCAROTTA FRAUDOLENTA” insieme ad altre due persone che potrebbero anche aumentare di numero,  secondo il Procuratore.

     Le indagini sono partite dopo il fallimento della società “CHIL” che si occupa di  distribuzione di giornali.

     Secondo i PM, Tiziano Renzi avrebbe svuotato l’azienda attraverso una vendita fittizia che avrebbe consentito alla sua famiglia di sottrarre ai creditori le attività più redditizie.

     L’azienda, attraverso vari passaggi,, sarebbe diventata una scatola vuota ma l’interessato alla domanda dei giornalisti che gli chiedevano se fosse preoccupato, con la stessa arroganza che caratterizza il figlio, avrebbe risposto, dopo una breve risata, “NO, ANZI SONO MOLTO PREOCCUPATO; COSI’ PREOCCUPATO CHE NON HO ANCORA NOMINATO UN AVVOCATO”.

     La società, dopo i vari trasferimenti e cambiamenti di ragione sociale, era stata trasferita a Genova, prima in via Fieschi e poi nella centrale Gallerisa Mazzini ma il poroprietario dell’immobile di via Fieschi aveva presentato denuncia perchè non aveva ricevuto gli ultimi tre mesi di locazione e la società era stata condannata al pagamento di 8000 euro.

     Nel 2010, Tiziano Renzi aveva cevuto un ramo dell’azienda ad un’altra società di famiglia dello stesso settore, con sede a Rignano sull’Arno mentre la “CHIL” passava nelle mani di Gianfranco Massa, residente a Varazze.

     La società NON AVEVA PIU’ CAPITALI e, nel marzo 2013, i giudici genovesi la dichiararono FALLITA.

     L’indagine della magistratura partì proprio dal prezzo di vendita della società in questione, 3.878,67 euro, apparentemente troppo pochi.

     Ma la vicenda, piuttosto complessa, ruota su tutte le società dei Renzi, società delle quali Matteo, attuale Segretario del Pd e presidente del Consiglio, è stato prima socio e poi UNICO DIPENDENTE assunto pochissimi prima della candidatura e delle elezioni alla guida della Provincia di Firenze che HA DOVUTO VERSARE, COME SUCCESSIVAMENTE IL COMUNE DI FIRENZE, I CONTRIBUTI PRESIDENZIALI PER IL “boy scout” parolaio di Rignano.

     Se l’inchiesta della Magistratura confermerà i sospetti circa la girandola di cambiamenti di nome della CHIL ed i passaggi dell’azienda da marito a moglie e poi a Gianfranco Massone, si tratterebbe di una “Furbata” di provincia che adotta il più classico e vecchio metodo per evitare di pagare i propri debiti! Sarà così?

     Quel che è certo che, Matteo, “””GRAZIE ALLA DITTA PATERNA (distribuzione di giornali), HA UNA BUONA ANZIANITA’ CONTRIBUTIVA E UN TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO TENUTO AL SICURO””” come scrive nel sottotitolo di Marco Lillo, oggi a pagina 3, “Il Fatto Quotidiano”.                  

Pubblicato in unica categoria | 1 commento

Napolitano sostiene Renzi? Appoggiava pure Stalin…(Silvia Truzzi).

Originally posted on Triskel182:

ColomboGherardo Colombo. Le riforme frettolose.

L’ostinazione con cui si vuole procedere – senza fare prigionieri, hic et nunc – sulle riforme, desta molti sospetti. Per l’intesa sulla quale si fondano, il famoso e ancor oggi ignoto Patto del Nazareno. Per l’inopportunità del momento, visto che a metter mano alla Carta è un Parlamento delegittimato dalla sentenza della Consulta che in gennaio ha dichiarato incostituzionale il Porcellum. E poi per i contenuti rischiosi. Di tutto questo abbiamo parlato con Gherardo Colombo, ex pm di Mani pulite, oggi presidente di Garzanti e membro del cda Rai. Dottor Colombo, perché questa fretta e perché  questi toni ultimativi secondo lei?  Non capisco la fretta e i toni ultimativi. Non li capisco perché si tratta di modificare una parte molto rilevante dell’assetto costituzionale, che non riguarda soltanto il modo per fare le leggi, ma coinvolge il sistema di equilibrio dei poteri, cui…

View original 710 altre parole

Pubblicato in unica categoria | Lascia un commento

LA MINORANZA HA RESPINTO INTROMISSIONI, RIMBROTTI, MINACCE E RICATTI DI CHI PROTEGGE I DELINQUENTI E CANDIDA INQUISITI, RIAFFERMANDO, QUANDO PUO’, IL PRIMATO DEL PARLAMENTO CONTRO GLI INCIUCI DEI NAPORENZUSCONI!

    

Parlamento in seduta congiunta-il 23 si voterà ancora!

    Nonostante “L’IRA DI NAPOLITANO”,  sia la 12^ che la 13^ votazione hanno dato “FUMATA NERA” e la prossima votazione è stata rimandata a martedì 23 settembre.

     Quel che è certo è che LA MINORANZA , nonostante l’incontro di ieri tra Renzi e Berlusconi e quello successivo di Renzi con Napolitano, HA RESPINTO INTROMISSIONI INDEBITE, RIMBROTTI INACCETTABILI, MINACCE E RICATTI di chi protegge i delinquenti e candida inquisiti, RIAFFERMANDO, quando può e ne ha l’occasione, IL PRIMATO DEL PARLAMENTO!

     Certo che a rendere la situazione meno incandescente non concorre assolutamente l’irato, ma ignorato dal Parlamento, comunicato di Re Giorgio: “””IL SUCCEDERSI SENZA RISULTATI CONCLUSIVI DELLE VOTAZIONI DEL PARLAMENTO IN SEDUTA COMUNE PER LA ELEZIONE DEI COMPONENTI LAICI DEL CSM E DEI GIUDICI DELLA CORTE COSTITUZIONALE DESTINATI A SUCCEDERE A DUE CHE HANNO COMPLETATO IL MANDATO, SOLLEVA GRAVI INTERROGATIVI. CHE SI SIANO VERIFICATI NEL PASSATO ANALOGHI INFELICI PRESEDENTI, NULLA TOGLIE A TALE GRAVITA’. NON SO SE TUTTI I PARTECIPANTI ALLE VOTAZIONI IN CORSO ABBIANO CHIARA IN MODO PARTICOLARE UNA IMPORTANTE QUESTIONE SU CUI DESIDERO RICHIAMARE LA LORO ATTENZIONE. DI RECENTE – E SPECIALMENTE NELLA DISCUSSIONE IN SENATO SUL SUPERAMENTO DEL BICAMERALISMO PARITARIO – SI E’ SOLLEVATO DA VARIE PARTI POLITICHE IL TEMA DI UN ELEVAMENTO DEI QUORUM PREVISTI DALLA COSTITUZIONE DEL 1948 PER L’ELEZIONE DA PARTE DEI PARLAMENTARI A DETERMINATI INCARICHI DI RILEVANZA COSTITUZIONALE. SI RITENNE NECESSARIO L’ELEVAMENTO DI TALI QUORUM DOPO L’ADOZIONE – 1993 E NEL 2005 – DI LEGGI ELETTORALI MAGGIORITARIE E IN VISTA DELL’ADOZIONE  DI UNA NUOVA (PER IL MOMENTO APPROVATA SOLO IN PRIMA LETTURA DALLA CAMERA) ANCH’ESSA MAGGIORITARIA. MA QUORUM ELEVATI PER TASLI OPERAZIONI ELETTORALI IN PARLAMENTO IMPLICANO TASSATIVAMENTE CONVERGENZE SULLE CANDIDATURE E PIENA CONDIVISIONE NELL’ESPRESSIONE DEI VOTI TRA FORZE POLITICHE DIVERSE, DI MAGGIORANZA E DI MINORANZA. OVE VENGANO DA PARTE DI QUALUNQUE FORZA POLITICA, O DI SINGOLI SUOI RAPPRESENTANTI IN PARLAMENTO, E FINISCANO PER PREVALERE IMMOTIVATE PRECLUSIONI NEI CONFRONTI DI CANDIDATURE DI ALTRE FORZE POLITICHE O LA SETTARIA PRETESA DI CONSIDERARE IDONEI SOLO I CANDIDATI DELLA PROPRIA PARTE, IL MECCANISMO SI PARALIZZA E LO STESSO ISTITUTO DI GARANZIA RAPPRESENTATO DAL SISTEMA DEI QUORUM QUALIFICATI SI LOGORA E PUO’ ESSERE IN DISCUSSIONE IN SENSO OPPOSTO ALL’ORIENTAMENTO CHE HO PRIMA RICHIAMATO. SI RIFLETTA DUNQUE BENE ANCHE SU QUESTO ASPETTO NON SECONDARIO DELLE CONSEGUENZE DEL PROTRARSI DI UN COMPLESSIVO NULLA DI FATTO NELLE VOTAZIONI IN CORSO, CHE INNANZITUTTO IMPEDISCE L’INSEDIAMENTO DEL NUOVO CSM”””.

     Il cittadino che sta scrivendo, si permette di fare osservare all’autore del comunicato, CHE SEMBRA VOGLIA SORVOLARLO, che la Costituzione vigente, quella che egli definisce del 1948, ma è QUELLA VIGENTE, afferma che ciascun parlamentare risponde del suo voto solo alla sua coscienza ed ai cittadini che lo hanno eletto (ma, tradendo la Costituzione, oggi sono SOLO NOMINATI DA 5 CAPIBASTONE ) SENZA ALCUN VINCOLO DI APPARTENENZA. Trascurare tale particolare valore della DEMOCRAZIA PARLAMENTARE e, indirettamente, sostenere che ciò che hanno deciso DUE CAPIBASTONE CON UN PATTO SEGRETO CHE HA RICEVUTO LA SUA APPROVAZIONE E SUCCESSIVE CONSEGUENZE debba essere ritenuto dal Parlamento nel suo insieme e da ogni singolo parlamentare oro colato e, quindi, immodificabile, costituisce proprio sostenere la logica di chi vorrebbe calpestare il concetto stesso sul quale si basa la costituzionale democrazia del nostro Parlamento. Gravissimo poi l’accenno, che qualcuno potrebbe ritenere un suggerimento o una minaccia ad abbassare i quorum per meglio facilitare gli inciuci politici come quello del cosiddetto “Patto del Nazareno” del quale non credo possa andare orgoglioso chi ricopre la carica istituzionale di Presidente della Repubblica  e di custode della COSTITUZIONE VIGENTE, anche se del 1948. approvata da un’ASSEBLEA COSTITUENTE APPOSITAMENTE ELETTA DAL   PO P O L O   E NON decisa DA DUE “COSPIRATORI”, di cui uno PREGIUDICATO, ED APPROVATA DAI PROPRI “SERVI MANUTENGOLI” anche cambiando i membri delle Commissioni parlamentari in carica IN CORSO D’OPERA SENZA CHE NESSUNO ABBIA AVUTO NULLA DA OBIETTARE!                                                                                                            

Pubblicato in unica categoria | Lascia un commento

NUOVO PASSO DA GIGANTE PER GLI AMANTI DEL WEB!

   

Presto, addirittura prestissimo, potremo leggere notizie, ascoltare musica, controllare la nostra corrispondenza email e chattare con gli amici molto più semplicemente di quanto avvenga adesso: un gruppo di ragazzi della provincia di Bolzano, notizia di ieri, ha creato Flash Being, un portale che raggruppa su un’unica piattaforma tutti i servizi che utilizziamo di solito su internet.

      Eurac: presentazione portale web FlashBeing

     Anche chi non ha molta dimestichezza con internet, riuscirà a navigare su Flash Being ha assicurato in conferenza stampa Matteo Biasi, amministratore e fondatore diciannovenne del progetto.

  Il portale definito “tutto in uno” funzionerà, assicurano, su pc, tablet e smartphone.

    Esprimendo i nostri complimenti ai ragazzi bolzanini, attendiamo gli sviluppi dell’annunciato progetto!

Pubblicato in unica categoria | Lascia un commento

POCO FA ERAVAMO 258.305 AD AVER FIRMATO LA PETIZIONE E LE PROPOSTE DEL “FATTO QUOTIDIANO”

Firma contro i ladri di democrazia

          FIRMA ANCHE PER IMPEDIRE CHE IL PARLAMENTO DIVENTI LA SEDE DELLE INTERFERENZE E DEI RICATTI!

Pubblicato in unica categoria | Lascia un commento

ELEZIONE DUE GIUDICI COSTITUZIONALI: DECIMA ED UNDICESIMA FUMATA NERA!

     La decima votazione di ieri pomeriggio alle 18, il cui scrutinio era finito poco dopo le 22, aveva già dato FUMATA NERA per Violante e Vitali ma, vergognosamente, il risultato non è stato reso noto prima di mezzanotte dal Parlamento in seduta congiunta in forte imbarazzo perchè erano in corso su Rai 3 e La 7 le due trasmissioni politiche più seguite.

     Anche l’undicesima votazione, quella di stamattina, però, nonostante la pesantissima, indebita interferenza del Presidente della Repubblica, “””CANDIDATURE BLOCCATE DA PRETESE SETTARIE”””, sui parlamentari e sul Parlamento come Istituzione, ha dato. ancora una volta, FUMATA NERA, costringendo il candidato di Berlusconi, Vitali, a rinunciare mentre il più coriaceo, Violante che da almeno dieci anni sogna la Corte Costituzionale, continua a farsi impallinare anche in quella in corso, la dodicesima, mentre non si sa  chi è il nuovo candidato di Forza Italia.

     Certo che non ci fanno una bella figura nè Renzi, che minaccia i suoi di nuove elezioni, nè Napolitano che, con le sue interferenze, offende il Parlamento in quanto tale con l’aiuto dei due rispettivi presidenti di Camera e Senato che da giorni continuano a spingere, indebitamene anche loro, col ritornello che si bloccano le urgenze del Parlamento,invece di preoccuparsi del fatto che l’unica occasione in cui i parlamentari nominati dai loro capi partito in cui sono veramente LIBERI, senza subire ricatti individuali, è quando in aula IL VOTO E’ SEGRETO. Il che la dice lunga sia sul rispetto della Costituzione e sia sul concetto di DEMOCRAZIA da parte di chi viola la Costituzione mentre avrebbe il compito di farla rispettare dopo averla rispettata per primo.

     Forse stasera, prima di mezzanotte, sapremo, con lo scrutinio della dodicesima votazione. se i Parlamentari  cederanno alle minacce ed ai rimbrotti indebiti, per stanchezza, oppure dimostreranno di avere quel minimo di dignità, personale e politica, per dire NO AI CANDIDATI, RE TRAVICELLO, DECISI IN ALTRE SEDI ED A LORO IMPOSTI!!!

       DA POCHISSIMI MINUTI E’ STATO RESO IL RISULTATO DEL 12° SCRUTINIO: 

                                              N U O V A   F U M A T A   N E R A!     

                                               

Pubblicato in unica categoria | Lascia un commento