BURGUSIO – FRAZIONE DI MALLES – ALTA VAL VENOSTA: ULTIME IMMAGINI PRIMA DI LASCIARLA!


                                ANGOLI   –   SITUAZIONI   –   ATMOSFERE

18-HPIM3407A soli 20 chilometri dalle sorgenti, l’Adige, a Burgusio, è già così. Da non credere!

19-HPIM3409

           Ibidem

01-HPIM3355

02-HPIM3356

03-HPIM3357

04-HPIM3358

05-HPIM3359

06-HPIM3362

08-HPIM3365

10-HPIM3373

12-HPIM3380

15-HPIM3384

16-HPIM3385

20-HPIM3410

La Certosa di Monte Maria è visibile da ogni angolo!

21-HPIM3411

La latteria costituita in cooperativa da una sessantina di allevatori.

22-HPIM3412

24-HPIM3416

27-HPIM3419

Notevole osservare che in un piccolo centro agricolo come Burgusio la Cultura ha la sua centralità insieme alle scuole dell’infanzia ed elementare ed alla banda musicale

28-HPIM3420

Il caratteristico aguzzo campanile della Chiesa parrocchial

30-HPIM3422

32-HPIM3424

35-HPIM3427

37-HPIM3429

Giardini colmi di fiori, dai più noti a quelli tipici della zona

39-HPIM3433

40-HPIM3434

Il bosco a ridosso dei giardini fioriti. Tra breve tempo tutto sarà coperto di neve!

41-HPIM3435

In questo edificio abito ancora io per pochissimi giorni!

43-HPIM3437

42-HPIM3436

44-HPIM3438

  

Pubblicato in unica categoria | Lascia un commento

2015-ALLE SORGENTI DELL’ADIGE


     Alle sorgenti dell’Adige, così pomposamente definite, ci andai la prima volta 26 anni fa quando non era indicato nemmeno il sentiero da seguire, bisognava indovinarlo e lasciare l’auto molto lontano dalla destinazione.

     La delusione fu enorme!

    L’estate 2014 sull’ANSA regionale avevano pubblicato un articolo in cui si decantavano i lavori effettuati per valorizzare il sito delle sorgenti. Poichè il mercoledì successivo al ferragosto, trovandosi in questa zona, era venuta a trovarmi un’amica bergamasca insieme a sua sorella e ad una sua amica, ho proposto di arrivare sino a Resia il giorno dopo perchè mi sembrava carino che, amanti della montagna, potessero visitare il sito delle sorgenti dell’Adige.

     Era, tra l’altro, una giornata freddissima cin vento teso da nord e temperatura che non superava i 6 gradi!

         Mi resi subito conto che, rispetto a 26 anni prima l’unica novità di rilievo er avere allargato ed asfaltato la strada ed aver creato numerosi posteggi sia nel tratto asfaltato che in quello successivo sterrato e che indicazioni erano carenti esattamente come prima. Per fortuna, ricordavo ancora dove imboccare il sentierino notando che rispetto alla mia prima visita l’acqua delle cosiddette sorgenti era stata intubata e spostata più in basso di pochi metri di quota e che la quantità d’acqua era più o meno quella che emette Spillo quando alza la zampa posteriore destra o sinistra per una delle sue minzioni!      

      1-HPIM3402

     E’ sufficiente guardare!

     La targa è sempre la stessa affrancata, però, ad un grosso masso.

    E’ stato, invece ripulitò l’ambiente e falciata l’erba rendendo il sito più gradeole o, meglio, più decente!                                                                                                     

2-HPIM3403

     Apprezzabile, invece, la cartina che indica con sufficiente precisione il percorso dell’Adige per raggiungere il mare

3-HPIM3404

4-HPIM3405

ed il foglio esplicativo sul fiume. Entrambi, però su foglio di dimensioni A4 con caratteri di stampa troppo piccoli per indurre a leggere quanto c’è scritto se non si è proprio interessati. Per fortuna ci sono le fotocamere che ci permettono di ingrandire e scattare per leggere più agevolmente a casa.

Pubblicato in I siti turistici andrebbero valorizzati di più e meglio., unica categoria | 2 commenti

ALTA VAL VENOSTA: INCENDIO NELLA NOTTE A TUBRE – SALVATE TRE FAMIGLIE – DISTRUTTE LE LORO CASE E DUE FIENILI.


                        (FONTE E FOTO ANSA)

 

Bolzano - Incendio di tetto presso un maso a Nova Ponente.

        Nella notte tra sabato e domenica scorsi, un violento incendio si è sviluppato a Tubre, in Alta Val Venosta al confine con la Svizzera.

            Oltre 200 vigili del fuoco, provenienti sia dagli altri centri della zona che dal vicino cantone svizzero dei Grigioni, hanno combattuto per tutta la notte per circoscrivere l’incendio ed impedire alle fiamme che si estendessero agli edifici ed ai fienili vicini.

               Tre famiglie sono state salvate dalla violenza delle fiamme che hanno distrutto le loro case e due fienili e bloccato il transito alla frontiera di Tubre tra l’Italia e la Svizzera del cantone dei Grigioni attraverso l’unica strada di comunicazione tra   Tubre e S.Maria.

            Ignote ancora le cause dell’incendio ma si sospetta che sia partito da uno dei fienili.

         Sono in corso le indagini ed i rilievi del caso sia da parte dei Carabinieri che dei tecnici del corpo permanente dei Vigili del Fuoco di Bolzano.

           

Pubblicato in Fienili e pericolo d'incendi | Lascia un commento

TRENTO: TROVA E CONSEGNA ALLA POLFER PORTAFOGLIO CON CIRCA MILLE EURO!


      Esemplare comportamento di una donna 40enne polacca che ha trovato sul sedile di un treno un portafoglio ed, appena scesa alla stazione di Trento, lo ha consegnato alla polizia ferroviaria che lo ha consegnato al suo legittimo proprietario con tutto il suo contenuto di 930 euro.

Trova in treno un portafoglio e lo consegna alla Polfer

     Il  proprietario, un altoatesino di 65 anni, ha voluto incontrare personalmente la signora per ringraziarla e ricompensarla per la sua onestà e senso civico.                               

Pubblicato in unica categoria | Lascia un commento

PUNTUALE ANCHE IERI SERA IL TEMPORALE CON FULMINI, TUONI ED ACQUA A SECCHI! STAMANI NUVOLE NERE A VOLONTA’.


Fulmini a grappolo e tuoni a volontà

          Come previsto, ieri sera, fulmini a grappolo e tuoni da far tremare i vetri quanto per terrorizzare il povero Spillo e tutti gli altri cani e gatti. Oggi nuvole con probabile pioggia da un momento all’altro e molti turisti che si affrettano a rientrare alle loro residenze. Una volta tanto, anche i commercianti di Merano e Bolzano sono soddisfatti. Infatti, i turisti che non potevano andare in alto sui sentieri di montagna, sono scesi a valle con la speranza, a volte certezza, di trovare qualche occasione in questi ultimi giorni di saldi.

        Ombrelli a portata di mano e, data la temperatura in caduta libera, indumenti più caldi.

           Previsioni per domani simili a quelli odierni. Presto i pascoli alti resteranno deserti. Le pecore stanno già rientrando a valle ed anche le mucche presto lasceranno le malghe per rientrare alle rispettive stalle a mangiare il fieno che, stando al giudizio dei pastori, quest’anno è eccezionale per qualità e profumo. Anche il latte sarà più buono ed avrà nuovi profumi più intensi che avevamo dimenticato.

         Nota dolente, il prezzo della frutta è schizzato in alto, a volte raddoppiato!

           E’ ora di preparare le valige per il rientro a casa, archiviando l’estate 2015 che è stata abbastanza generosa, altrove troppo, con i turisti.                                                                                                                             

Pubblicato in L'estate sta finendo.I temporali in montagna impazzano!, unica categoria | 4 commenti

TRENTINO ALTO ADIGE: LA TEMPERATURA MASSIMA PRECIPITATA TRA I 15 ED I 25 GRADI!


   Fulmini in montagna in Alto Adige

        Dopo i temporali ferragostani dei giorni scorsi che hanno colpito la regione, oggi non piove, di tanto in tanto, dietro le nubi si intravede un raggio di sole ma resta ancora valida la previsione di rovesci e temporali improvvisi di forte intensità con il conseguente consiglio da parte degli esperti di evitare le escursioni in alta montagna.

          La speranza resta quella che,da domani, torni il sereno insieme ad un leggero rialzo della temperatura.

          Sembra, invece, assodato che il “caldo africano” che ha preceduto il ferragosto anche in montagna non ritorni più anche se ci saranno bellissime giornate ancora anche in settembre ed, in questa aspettativa, è stato previsto di lasciare aperti anche i rifugi più alti sino a fine settembre.                                                                                          

Pubblicato in unica categoria | 2 commenti

USA-WEST VIRGINIA: POLIZIOTTO PUNTA LA PISTOLA CONTRO CANE CHE ABBAIA, LA PADRONA LO DIFENDE – ARRESTATA!


I poliziotti americani, evidentemente, indipendentemente dallo Stato in cui operano, hanno la postola facile e la usano indiscriminatamente contro i ragazzi afroamericani, che hanno il torto di essere neri, ma anche contro i cani, nel caso specifico, pure bianchi!

E’ ciò che si è verificato nel West Virginia dove, col traffico fermo ed incolonnato e con gli automobilisti che edscono dalle auto per capire cosa sia successo e per sgranchirsi le gambe, un poliziotto punta la pistola contro un cane che si limita ad abbaiargli.

     Lo avrebbe fatto anche il mio Spillo che ODIA TUTTE LE DIVISE ed abbaia sia al veterinario come al farmacista, al carabiniere come al finanziere in dogana, al prete o alla suora che incrocia per strada.

     La padrona del cane che abbaia contro il poliziotto si avvicina per difenderlo ed ottiene come unico risultato uno spintone che la fa traballare e l’effetto di essere ARRESTATA non si sa bene con quale accusa.

     Uno degli altri automobilisti ha registrato col suo cellulare l’episodio e da ieri il video sta facendo il giro del mondo forse con l’evidente scopo di farci capire anche perchè la polizia americana abbia il grilletto facile!

Pubblicato in unica categoria | 4 commenti

“ROSETTA” HA FOTOGRAFATO L’INCONTRO DELLA COMETA COL SOLE!!


          (Fonte ANSA – Scienza & Tecnica)

     3dbd21bcb5fbcb459f03e39add87bdf3-ROSETTA e la foto esplosiva

             Rosetta dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea, è riuscita a sorprendere i tecnici del progetto fotografando l’incontro ravvicinato ed esplosivo della Cometa 67P/CHURYMOV-GDERASIMENKO  con il Sole!

          Continuerà la sua eccezionale attività per molte settimane e forse gli scienziati della missione con impazienza sperano di cogliere altri particolari nelle immagini mandate e che continuerà a mandare con gli effetti dell’esplosione che ha determinato un getto di vapore scagliato a migliaia o milioni di chilometri di distanza.  

                                                 

Pubblicato in "Rosetta" e l'eccezionale incontrro esplosivo della cometa col sole! | Lascia un commento