UNA FOTO CHE HA COMMOSSO IL MONDO DEL WEB!


             (foto e fonte ANSA-MONDO)

una foto che dovrebbe insegnarci alcune cose.

     Questa foto che ha commosso il coriaceo mondo del Web, questa sera mi permetterà di andare a dormire in pace con me stesso e col mondo per ciò che mi ha insegnato ma chi l’ha scattata non dice.

    La foto è stata scattata e postata su Facebook dalla signora Jone Tazz, mamma di Maliyah, una delle due bambine ritratte.

     Le due piccole e sfortunate bimbe, gravemente ammalate, guardano dalla finestra di un ospedale di Pittsburgh, in Pennsylvania.

    L’intenzione della sig.ra Tazz quando l’ha postata era quella di mostrarla al mondo, a questo nostro mondo così indifferente, la bellissima storia di un’amicizia tra due bambine che, abbracciandosi l’una all’altra in modo così dolce, sembra vogliano sostenersi e consolarsi vicendevolmente.

   Io che normalmente sono un attento osservatore ho colto qualcosa che questa madre coraggio non dice, credo per pudore o per evitare di gettare in faccia a buona parte del mondo questa tenerezza che urla.

    Non è difficile rilevare che queste due bimbe che si amano teneramente hanno tutto in comune, un letto d’ospedale, la loro malattia,un ambiente particolarmente asettico, la perdita dei loro capelli frutto delle terapie alle quali sono sottoposte e, credo, molte altre cose comprese i giocattoli che hanno ricevuto e con i quali giocano sicuramente insieme.

    HANNO SOLO UNA COSA DIVERSA TRA LORO E, NOTANDOLA CI UMILIA: IL COLORE DELLA LORO PELLE MA CIO’ NON IMPEDISCE LORO DI AMARSI!

     VOGLIAMO, INSIEME, CONSIDERARLO UN MESSAGGIO A NOI STESSI ED AL MONDO E REGALARLO AI RAZZISTI ITALIANI E DI TUTTI GLI ALTRI PAESI??? GRAZIE!

Pubblicato in due piccole ammalate sconfiggono il razzismo | 7 commenti

PROVINCIA DI TRENTO: SETTE NUOVE CUCCIOLATE DI ORSETTI!


epa00771485 Handout photo dated 'Fall of 2004' of orphaned Grizzly bear 'Boo' living in captivity in the world's largest enclosed and protected Grizzly bear habitat, a 22-acre facility at the Kicking Horse Mountain Resort Grizzly Refuge, where it has resided since August 2003, a short time after he was orphaned, with his brother Cari, when a hunter killed their mother. Boo escaped his enclosure 10 July 2006 after breaking down a 180kg steel door and getting past the electronic fence surrounding his enclosure at a resort in British Columbia. Boo reportedly now has returned on his own to his enclosure, apparently because of the ease of getting food and the end to the mating season, officials said.  EPA/KICKING HORSE MOUNTAIN RESORT/HO

(Uno stupendo esemplare di Mamma Orsa-foto d’archivio)

          Lo scorso anno avevamo protestato e pianto l’uccisione per troppa frettolosità di Daniza che, proprio in provincia di Trento, per la fregola dell’amministrazione provinciale di volerla catturare nel più breve tempo possibile per proteggere i fungaioli professionisti protetti dagli albergatori insensibili alla distruzione  i boschi, habitat naturale degli orsi, la piccola Daniza che proteggeva i suoi due cuccioli credendoli in pericolo dall’insana curiosità di un fungaiolo che si era avvicinato troppo ai suoi due orsetti, contro il parere degli uomini della forestale che la volevano catturare con altri mezzi, monitorandola e ponendo adeguate trappole per poterla trasferire altrove, complici i veterinari del tutto inesperti che non seppero adeguare il sedativo al peso della bestia, venne, di fatto, condannata a morte per fucilazione. 

     Con gioia abbiamo appreso dai forestali che i due piccoli stupendi figli di Daniza sono vivi, ben nutriti e forti e la natura, quasi  volesse vendicare la morte della loro madre, ha abbondato mettendo al mondo SETTE NUOVE CUCCIOLATE per un totale di almeno 12 – 13 cuccioli che adesso hanno circa 4 mesi di età.

     Speriamo che i turisti senza criterio abbiano compreso che in casi di incontri o di avvistamenti BISOGNA EVITARE DI AVVICINARE MADRE E CUCCIOLI LIMITANDOSI AD OSSERVARLI DA LONTANO ED ALLONTANANDOSI LENTAMENTE SOPRATTUTTO SE SONO VICINI, A MENO DI 50 METRI RICORDANDOSI CHE SE L’ORSA PRESUME SIA ECCESSIVA LA VICINANZA DELL’UOMO PUO’ ASSUMERE COMPORTAMENTI AGGRESSIVI, SIMULANDO DEGLI ATTACCHI PER CONVINCERE GLI INTRUSI AD ALLONTANARSI E PERMETTERE AI CUCCIOLI, A LORO VOLTA, DI ALLONTANARSI.

     ALTRA NORMA DA OSSERVARE NON MOLESTARE GLI ANIMALI SEGUENDOLI IN AUTO, CERCANDO DI DARE LORO DEL CIBO; CIO’,SOPRATTUTTO, IN PRESENZA DI CUCCIOLI.

     E torniamo alla piccola dolce Daniza ed ai suoi due stupendi figli che da soli hanno imparato a procurarsi il cibo, hanno individuato una tana per svernare durante il loro letargo  ed oggi sono stati ripresi dai forestali che ce li hanno presentati attraverso YouTube.

   Eccoli; ve li presento con gioia mista ad assoluta emozione:

 

Ciao a tutti ed impariamo a rispettare e proteggere la fauna selvatica!!!                                                                                                                           

Pubblicato in SANI E FORTI I CUCCIOLI DI DANIZA! | 1 commento

S.O.S. ELEFANTI!


   SOS elefanti

     E’ allarme rosso per il pericolo di estinzione degli elefanti!

     In Africa, infatti, i bracconieri ne uccidono almeno un centinaio al giorno. Negli ultimi 5 anni si calcola che siano stati uccisi il 50% degli elefanti del Monzambico!

     Stando ai dati diffusi dall’ong Elephant Without Borders, in tutto il continente africano rimangono oggi solo circa 470mila elefanti contro i 550 mila del 2006.

      Per combattere il bracconaggio ed il traffico illegale di avorio bisognerebbe rafforzare le intese ela collaborazione tra gli Stati confinanti, zona nelle quali i bracconieri ed i contrabbandieri di avorio operano indisturbati approfittando anche della mancanza di una legislazione omogeneacome disomogenee sono le pene comminate ai bracconieri colti sul fatto.

         Senza provvedimenti del genere a tutela degli animali, gli elefanti africani in pochi anni potrebbero essere solo un ricordo!                            

Pubblicato in allarme estinzione elefanti., unica categoria | 2 commenti

MISURAZIONE PRESSIONE SANGUIGNA.


 

Young doctor checking patient pressure by special gauge

Young doctor checking patient pressure by special gauge

         Per conoscere il grado di rischio cardiovascolare è sufficiente misurare la pressione alla caviglia ed al braccio e farne il rapporto. Questo è ciò che ha stabilito una revisione dei dati dello studio ARAPACIS della società italiana di Medicina Interna (Simi) secondo cuiu i pazienti con un indice pressorio caviglia/braccio inferiore a 0,9 hanno un maggior grado di ateroschlerosi e soprattutto una riduzione consistente della funzionalità dei reni.

    L’indice di cui trattasi è utile soprattutto per individuare i soggetti con fibrillazione atriale sui quali intensificare i controlli: uno su cinque ha un ABI index troppo basso e ciò aumenta di una volta e mezzo il pericolo di insufficienza renale.

     La fibrillazione  atriale è l’aritmia cardiaca più diffusa. Gli esperti del SIMI hanno deciso di valutare se vi sia un’associazione fra la pressione arteriosa registrata in diversi distretti del corpo ed il pericolo di danni renali e cardiovascolari in tali pazienti, andando a rianalizzare i dati di circa 900 partecipanti allo studio osservazionale ARAPACIS, condotto in tutta Italia per verificare la presenza di complicanze periferiche della fibrillazione atriale.

     “””LA NUOVA ANALISI DEI DATI RACCOLTI ATTRAVERSO LO STUDIO ARAPACIS HA MOSTRATO CHE SOLO IL 23% DEI PAZIENTI CON FIBRILLAZIONE ATRIALE HA UNA FUNZIONA RENALE NORMALE, UNO SU TRE HA ALMENO UN LIEVE DEFICIT.

     I risultati hanno dimostrato soprattutto che i soggetti ad alto rischio di rapida progressione del danno renale e, quindi, a maggior rischio cardiovascolare in generale possono essere riconosciuti efficacemente e semplicemente con questo test di rapida esecuzione”””  sia, con un po’ di pratica in casa per mezzo di uno “Sfigmomanometro automatico del costo di poche decine di euro che, molto più agevolmente, nell’ambulatorio del proprio medico di  base eseguendo solo una divisione tra i due dati misurati che ci dà appunto il rapporto.

     Quello che è certo è che attraverso tale  test è possibile salvare in tempo molte vite umane.  Tra l’altro la misurazione della pressione arteriosa è sempre consigliabile, in condizioni normali, almeno una volta ogni due o tre mesi. Molto di più, ovviamente, in presenza di patologie conclamate.

     Non basta misurarla la pressione: ogni volta bisogna annotare su una scheda, un semplice foglio di carta, la data, i valori delle due misurazioni ed il rapporto ricavato per poterlo esibire al proprio medico di base o allo specialista, al cardiologo, al momento di una successiva visita. E un’altra cosa molto importante NON FUMARE e bere poco e solo durante i pasti.

     NON E’ DIFFICILE!                                                                                                                                             

                                                                                                                                                  

Pubblicato in TENERE SOTTO CONTROLLO LA PRESSIONE ARTERIOSA PUO' SALVARCI LA VITA | 2 commenti

RENZI, IL PIAZZISTA DELLE FUTILITA’.


 

Il presidente del consiglio Matteo Renzi in visita a La Spezia per sostenere Raffaella Paita, candidata del Pd alla presidenza della Liguria, 25 maggio 2015. ANSA/RICCARDO DALLE LUCHE

         Matteo Renzi per sostenere la difficile candidatura di Raffaella Paita non è andato a Genova dove immaginava avrebbe trovate un po’ di ostilità. Ha mandato al suo posto con lo stesso incarico quelle ritenute le più servizievoli e leggiadre ministre del suo governo.

            Lui, per svolgere lo stesso compito ha ritenuto più facile, o almeno meno arduo, affrontare il pubblico di La Spezia ma non in piazza. La piazza lo terrorizza!

            E come spesso gli succede, ne ha approfittato per parlare di mare, di porti, di progetti, di prodotti , di lavoro ed anche di governance che era, quest’ultimo, l’argomento principe, in una situazione del genere, per interessare le Autorità Portuali di almeno Spezia, Savona e, naturalmente Genova e sollecitare loro a gareggiare per presentare il più presto possibile i loro progetti, dire cosa intende ciascuno fare.

        Per meglio essere a suo agio, ciò che pensava in merito lo ha condensato in una intervista all’emittente ligure “Primocanale” affermando “””DEVE ESSERE CHIARO che non possiamo accettare un sistema in cui Rotterdam da solo fa più di tutte le  27 Autorità Portuali italiane, perchè è una barzelletta. Sei nel cuore dell’area più strategica del mondo e cosa fai? Fai tutto il giro più lungo perchè non hai infrastrutture. Si esca, però, dslla fase delle chiacchiere. Chi ha qualcosa da dire lo faccia, chi ha qualche cosa da fare tiri fuori le carte e smetta dim chiacchierare, anche perchè si tratta di posti di lavoro”””.

      E ti pareva che non moltiplicasse i posti di lavoro per poi essere smentito dall’Istat!

     Ma la parte più interessante della sua intervista è stata la successiva affermazione, una dichiarazione alla vasellina! “””SUL MARE C’E’ TANTO SPAZIO PER CRESCERE: vale per i porti, ma vale anche per la cantieristica, per Fincantieri, per Finmeccanica, vale anche per la nautica di lusso. Si è pensato di poterla bloccare perchè si è detto LA ROBA DI LUSSO NON CI INTERESSA. E’ come dire via Prada, via Armani perchè i vestiti troppo belli non vanno bene. SI DEVE RECUPERARE BUONSENSO – autocritica? –  e LAVORO, LAVORO, LAVORO. Io SONO OSSESSIONATO DAL LAVORO””” – quello degli altri, naturalmente! Ed ha concluso. Proprio un bel discorso con il quale ha accontentato i produttori, i lavoratori e, soprattutto i clienti che possono comprarsi quelle cose belle evadendo le tasse di cui lui non parla mai, frega solo i pensionati!

      Ma, prima o poi, io spero che siano i pensionati, i disoccupati, gli esodati, i morti di fame a “fregare” lui VOTANDOGLI CONTRO!!! 

Pubblicato in UN PERFETTO PIAZZISTA DELLE, unica categoria | Lascia un commento

UNA SCOPERTA FRUTTO DI UNA RICERCA MOLTO IMPORTANTE PER LE DONNE.


              MATERNITA-MODIFICA CERVELLO DONNE PER SEMPRE

                                                         (FOTO DI REPERTORIO)

      Una importante ricerca,condotta da Liisa Galea dell’università  della British Columbia e presentata dall’Annual Canadian Neuroscience Meeting, ha fornito un esito importante che non solo aiuterà a capire meglio se la terapia sostitutiva nelle donne in menopausa aumenti il rischio di Alzheimer ma come LA MATERNITA’ CAMBIA IL CERVELLO DELLE DONNE PER SEMPRE a causa dell’ondata di estrogeni (gli ormoni femminili) che durante la gravidanza influenzino lo sviluppo di aree chiave del sistema nervoso centrale.

      Dallo studio è emerso che un tipo di estrogeno. l’estradiolo (predominante nelle donne giovani) ha effetti benefici,  mentre l’estrone, predominante in quelle più anziane, no e che spiega come l’ondata di estrogeni della gravidanza, centinaia di volte superiori ai livelli normali, può alterare la neuroplasticità o ricrescita delle cellule nervose nell’ippocampo, la parte del cervello responsabile di memoria e orientamento.

            Se non fosse una cosa seria, ci sarebbe da scherzare dicendo “speriamo che il cambiamento dei cervelli sia in meglio, non in peggio”!

                                                                                                                                           

       

Pubblicato in La gravidanza modifica per sempre il cervello delle donne?, unica categoria | Contrassegnato | 3 commenti

MILANO: SASSATE E CALCI AD UNA 13ENNE IN DIFFICOLTA’!


PONTEDERA (PISA) 6 NOVEMBRE 2006 PEDOFILIA:CONVEGNO POLIZIA, PIU' DENUNCE, SPECIE IN FAMIGLIA -FOTO FRANCO SILVI/ANSA

                                                    (FOTO D’ARCHIVIO)

     Per fortuna, il gruppo di ragazzi che nei giorni scorsi aveva aggredito ed insultato una razazzina 13enne con lieve ritardo nello sviluppo mentale in un parchetto cittadino della periferia di Milano è stato identificato dalla polizia.

     Si tratterebbe di un gruppetto di una decina di persone tra i quali alcuni alla soglia della maggiore età ed altri più piccoli che hanno svolto ruoli diversi nell’aggressione alla ragazzina culminata con il lancio di alcuni sassi.

     La polizia  continua la propria inchiesta anche all’interno del plesso scolastico frequentato dalla ragazza aggredita anche per verificare se si sia trattato di un episodio o, viceversa, la ragazzina abbia subito altre aggressioni in passato.

        Personalmente non definirei mai l’episodio “una ragazzata”!                                                                                                                                       

Pubblicato in sassate ai più deboli che coraggio!, unica categoria | 9 commenti

AUMENTANO LE TRUFFE AGLI ANZIANI – CONSIGLI DELLE FORZE DELL’ORDINE CONTRO I RAGGIRI.


    Campagna contro le truffe agli anziani

     Aumentano in modo esponenziale le truffe agli anziani e, per il secondo anno consecutivo, si ripete la “Campagna nazionale” contro questo odioso reato a danno dei più deboli organizzata da Confartigianato d’intesa col ministero dell’Interno in vista dei prossimi mesi estivi quando, solitamente, si moltiplicano i rischi per chi  rimane da solo in città.

     Le forze di polizia, attraverso una serie di incontri in tutta Italia ed un vademecum contro truffe e borseggi, forniscono informazioni e consigli per difendersi dai persone poco raccomandabili.

     Lo slogan della campagna in atto, come ha indicato il direttore del servizio analisi criminale della Polizia, Maria Teresa Sgaraglia, nella conferenza stampa per presentare l’iniziativa, è AUTOTUTELA” che vuol dire:

– NON FARE ENTRARE PERSONE ESTRANEE E SCONOSCIUTE IN CASA

– NON TENERE OGGETTI PREZIOSI IN VISTA

– NON DISTRARSI MENTRE SI MANEGGIA IL DENARO O SI HA IL                         PORTAFOGLI IN MANO

– IN CASO DI SOSPETTO O DUBBIO CHIAMARE SENZA INDUGIO LE FORZE DELL’ORDINE (POLIZIA O CARABINIERI).

                                       

Pubblicato in ATTENZIONE ALLE TRUFFE | Contrassegnato | Lascia un commento