NOTIZIE DA GREENPEACE: ATTIVISTI BLOCCANO ROMPIGHIACCIO SHELL DIRETTA IN ARTICO!


     

Activists hang under the St. Johns Bridge In an attempt to block the Shell leased icebreaker, MSV Fennica from passing under the bridge and joining Shell's Arctic drilling fleet. According to the latest federal permit, the Fennica must be at Shell’s drill site before Shell can reapply for federal approval to drill deep enough for oil in the Chukchi Sea.

Activists hang under the St. Johns Bridge In an attempt to block the Shell leased icebreaker, MSV Fennica from passing under the bridge and joining Shell’s Arctic drilling fleet. According to the latest federal permit, the Fennica must be at Shell’s drill site before Shell can reapply for federal approval to drill deep enough for oil in the Chukchi Sea.

     26 ATTIVISTI USA sono appesi da più di 24 ore ad un ponte per impedire alla nave rompighiaccio di Shell di lasciare Portland e dirigersi verso l’artico per fare delle perforazione inquinando e distruggendo l’ambiente naturale in cui vive l’Orso polare.

     Anche ciascuno di noi  può fare   qualcosa per l’Artico unendoci al Movimento delle persone contro la Shell e la sua dissennata politica e far comprendere agli attivisti che condividiamo la loro lotta, non sono soli.

       Per firmare l’appello di Green Peace cliccare su:

greenpeace.italia@act.greenpeace.org

    Ovviamente, io ho già firmato!

      

Pubblicato in CON GREENPEACE CONTRO LA SHELL, NO ALLE PERFORAZIONI IN ARTICO | Contrassegnato | Lascia un commento

FIRMATA L’INTESA SPARTITORIA PER LA MORTE DEL PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO!


    PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO-LA LOTTIZZAZIONE DECISA DA RENZI

              Parco Nazionale dello Stelvio, la lottizzazione decisa da Renzi.

    

Il versante valtellinese del Passo dello Stelvio in un'immagine tratta da Wikipedia, Roma, 30 luglio 2012. ANSA/INTERNET   +++NO SALES - EDITORIAl USE ONLY+++

 L’attuale strada dello Stelvio che collega la Valtellina con l’Alta Val Venosta.

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e quello della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher firmano il Protocollo per la valorizzazione dell'area del Passo dello Stelvio e per avviare uno studio di fattibilita' per la realizzazione di un collegamento permanente fra l'Alta Valtellina e la Val Venosta, Milano, 27 Luglio 2015. ANSA/ UFFICIO STAMPA/ REGIONE LOMBARDIA  +++ NO SALES EDITORIAL USE ONLY +++

     Dopo la spartizione in tre lotti, una alla Lombardia, una alla provincia di Trento ed una alla provincia di Bolzano, con moltiplicazione delle >Presidenze, dei Consigli di Amministrazione, delle sedi e del personale, i presidenti della Lombardia, Maroni, e della Provincia di Bolzano, Kompatscher, si sono incontrati per firmare un protocollo d’intesa che, di fatto, determinerà la morte per speculazione e danno ambientale, naturale e paesaggistico dello stupendo Parco Nazionale dello Stelvio prevedendo, la realizzazione di un “TRAFORO STRADALE PERCORRIBILE” tra la Lombardia, provincia di Sondrio, e la provincia di Bolzano, Alta Val Venosta.

       I nuovi barbari, pronti a distruggere la natura, l’ambiente, il paesaggio, la flora e la fauna locale e quanto di bello è ancora rimasto dopo le tonnellate di cemento e tondini di ferro, ufficialmente, per costruire “fienili” che, dopo il collaudo diventeranno appartamenti per vacanze, avranno pensato, visto che in Val  Venosta hanno l’obiettivo di bandire da tutto il territorio, come hanno fatto a Malles, i pesticidi, facciamo arrivare un po’ più di automobili perchè muoiano di anidride carbonica ed altre schifezze emesse dai tubi di scappamento!

     In “ERA RENZIANA” può succedere di tutto anche, come è successo stamani, che, CON VOTO SEGRETO PER NASCONDERE LA LORO FACCIA DI BRONZO, dopo l’inciucio Pd-Ncd  (che coppia ragazzi!!!) i senatori abbiano respinto la richiesta di arresto per AZZOLINI (Ncd), quello che, intercettato dagli inquirenti, mentre era sotto inchiesta, in Puglia, con l’accusa di associazione per delinquere, bancarotta e corruzione per induzione, per il crac  della Casa di Cura avrebbe minacciato le Suore della Divina Provvidenza, che la gestivano, di “pisciare loro in bocca“. Che finezza per un senatore di area cattolica! 

                                                                                                                                     

Pubblicato in NELL'ERA RENZIANA PUO' SUCCEDERE DI TUTTO!, unica categoria | 2 commenti

RIFORMA DEL PROCESSO PENALE: GRATTERI DICE “””QUESTO PARLAMENTO SEMBRA UN LAVANDINO OTTURATO”””!


         nicola-gratteri-640

     Ricordate? Nicola Gratteri, Procuratore aggiunto di Reggio Calabria, è colui che Renzi disse fosse nell’elenco dei componenti il suo governo come Ministro di Grazia e Giustizia il cui nome, però, sarebbe stato d’imperio depennato da Giorgio Napolitano, leggemmo dopo, con motivazione farlocca e menzognera.

      Questo fu ciò che affermò Renzi ma potrebbe essere anche una delle sue tante bugie, delle sue tante fandonie, delle sue tante balle altrimenti non si riuscirebbe a comprendere l’affermazione lapidaria di Nicola Gratteri a proposito della riforma del processo penale LA CUI RESPONSABILITA’, FORMALMENTE E’ DEL PARLAMENTO-LAVANDINO OTTURATO CHE, DI FATTO NON CONTA NULLA COME SA BENISSIMO GRATTERI, MA SOSTANZIALMENTE E’ DEL GOVERNO O, MEGLIO, DI MATTEO RENZI CHE, IMPOSSESSATOSI DEL GOVERNO CON UN COLPO DI MANO, COMPLICE NAPOLITANO, HA ACCENTRATO IN SE’ TUTTI E TRE I POTERI DELLO STATO, LEGISLATIVO, ESECUTIVO E GIUDIZIARIO, TRASFORMANDO IL PAESE LEGALE NON IN UN LAVANDINO OTTURATO, COME EDUCATAMENTE DICE GRATTERI, MA IN UNA FOGNA OTTURATA E MALEODORANTE IL CUI FETORE SI SPANDE DALLA PIU’ LONTANA ZONA DELLA SICILIA SINO ALL’ULTIMO LEMBO DELLA PROVINCIA DI BOLZANO con effetti devastanti per le ISTITUZIONI e per la DEMOCRAZIA PARLAMENTARE E COSTITUZIONALE e per la DEMOCRAZIA TOUT COURT!

     Gratteri, infatti, nell’intervista concessa  a Beatrice Borromeo e pubblicata su “il Fatto Quotidiano” di ieri col titolo “””QUESTA LEGGE BAVAGLIO E’ UN REGALO AI CRIMINALI”””  non riesce a considerare una cosa seria questa riforma del processo penale le cui magagne, ben nascoste, di fatto, rendono “””impossibile le indagini di mafia”””.

     Sarà un caso di ignoranza, di sciatteria o di connivenza? Del resto le sue riforme erano state concordate con un “PREGIUDICATO” che considerava alcuni condannati per mafia, alcuni che frequentavano la sua casa, degli EROI  e, quando era presidente del consiglio, uno dei suoi ministri, aveva pubblicamente teorizzato che CON LA MAFIA BISOGNA IMPARARE A CONVIVERE e molti dei successori lo presero in parola e ci vivono benissimo e continuano a far parte dei governi e delle istituzioni.

     Dice, infatti, Gratteri: “””NOI  SPRONIAMO CONTINUAMENTE I CITTADINI A COLLABORARE CON LO STATO NELLA LOTTA ALLE MAFIE, CHIEDIAMO CHE DENUNCINO, CHE NON SIANO OMERTOSI. E’ DAVVERO MOLTO GRAVE LANCIARE IL MESSAGGIO CHE LO STATO ADESSO VUOLE L’OPPOSTO, OPPURE PUNIRE L’IMPRENDITORE CHE HA LA PRONTEZZA DI REGISTRARE COL CELLULARE CHI LO MINACCIA O GLI CHIEDE IL PIZZO. ANCHE PERCHE’ GLI AVVERTIMENTIAVVENGONO UNA VOLTA SOLO, POI ARRIVANO LE BOMBE. NON POSSIAMO PERMETTERE CONTRADDIZIONI COSI’ EVIDENTI E ABBIAMO  DAVVERO BISOGNO DELL’AIUTO DELLA GENTE NELLA RACCOLTA DELLA PROVA”””.

     Quanto alla “Norma Pagano” che costringe a chiedere in modo tassativo il rinvio a giudizio o l’archiviazione entro 3 mesi, Gratteri dice chiaramente “””SPERO CHE QUESTA SIA UNA SCIOCCHEZZA. FACCIO FATICA A CREDERE CHE SIA UNA PROPOSTA SERIA.ABBIAMO BISOGNO DI NORME CHE SEMPLIFICANO, NON DI GHIGLIOTTINE CHE CI IMPEDISCANO DI TROVARE LE PROVE”””.

     Già, le “ghigliottine” tanto care a Renzi che è riuscito ad ottenere dalla complicità dei presidenti delle Camere per impedire al Parlamento persino di leggere il testo scritto dei decreti legge da approvare! Discutere, analizzare, proporre modifiche, per Renzi è pura perdita di tempo! UNA VERA DITTATURA!!!

     Non possiamo, tra l’altro, dimenticare che l’emendamento Pagano (Ncd) prevede carcere da 6 mesi a 4 anni per chi filma o registra di nascosto un’altra persona. Cosa che avviene in alcune trasmissioni come “Le Iene” e “Report”, quest’ultimo molto più fastidioso perchè scopre altarini ben coperti!

     Non possiamo nemmeno tacere che tutto ciò avviene frettolosamente a ridosso del Caso Crocetta in Sicilia e, molto più a fagiolo, dopo la pubblicazione da “il Fatto Quotidiano” delle intercettazioni tra Renzi ed Adinolfi su Letta e dello stesso generale della Guardia di Finanza con Nardella su Napolitano e figlio.

     Eppure ci sono grandi giornali e sedicenti grandi giornalisti che sono succubi o complici di questa “dittatura” strisciante!!!

     Ed il livello della fogna sale ed il fetore aumenta!!!                                                                                                       

Pubblicato in UN REGALO AI BOSS DELLE MAFIE, unica categoria | Contrassegnato | Lascia un commento

LAIVES: INTERVENTO SERALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI PER SALVARE UN CANE.


    Vigili del fuoco salvano cane incastrato in rete a Laives

          Provvidenziale, ieri sera, l’interventodei vigili del fuoco volontari di Laives per salvare un cane rimasto incastrato con la testa in un robusto recinto di una casa in via Stazione.

     E’ stato necessario l’intervento con un taglia bulloni per tagliare la recinzione e liberare il cane da quella scomoda posizione e dalla quale, spaventatissimo, non era stato più in grado di liberarsi da solo,                                                                                                                                                               

Pubblicato in unica categoria | Contrassegnato | Lascia un commento

E’ MORTO LO SCRITTORE SEBASTIANO VASSALLI.


    Sebastiano Vassalli

     Nell’ospedale di Casale Monferrato dove era stato ricoverato per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute, la notte scorsa è morto, all’età di 73 anni, Sebastiano Vassalli, uno dei più grandi scrittori contemporanei, vincitore dei maggiori premi letterari tra cui lo Strega ed il Campiello.

           Era nato a Genova ma trascorse quasi tutta la sua esistenza a Novara dove ci siamo conosciuti e diventati amici e dove entrambi insegnavamo prima che lui abbandonasse l’insegnamento al Liceo Artistico della citta dopo una delle tante pseudo riforme della scuola ad opera di politici spesso ignoranti, come gli attuali, passando sulla testa degli insegnanti e degli studenti, cervelloticamente, intervenendo e continuando ad intervenire con provvedimenti penalizzanti la scuola pubblica statale e favorendo quella privata, prevalentemente confessionale!

        Dopo avere abbandonato l’insegnamento, più che in città, dove viveva comunque la sua Famiglia, in una viuzza del centro storico a ridosso della Basilica di San Gaudenzio e della Mole Antonelliana, Sebastiano Vassalli si era ritirato nella campagna circostante la città, tra le risaie di Biandrate, come un monaco laico in una specie di “castello” da dove imboccò con successo la strada della letteratura.

      Il suo primo, grandissimo successo che lo fece conoscere ad un vasto pubblico fu “La Chimera” del 1990, romanzo storico ambientato nel 1628 nel quale narrò di un processo vero ad una strega con le modalità descritte nella Milano dei Promessi Sposi.

     Oltre a “La Chimera”, molto noti e di notevole successo,La Notte della Cometa, la biografia-romamzo di Dino Campagna, Marta e Mattio, Cuore di Pietra, Un numero infinito.

     Pochissimi mesi fa, a maggio, aveva ricevuto dall’Accademia del Nobel la candidatura al premio 2015 per la Letteratura. Spero gli sia assegnato anche se, purtroppo, alla memoria!

     Si era occupato anche come inviato speciale di “l’Espresso” dei fatti di cronaca che caratterizzavano in quel tempo l’Alto Adige e sulle stesse vicende  scrisse almeno due opere, con un’analisi stringente ed analatica delle difficoltà dei rapporti, dopo il 1919, tra i cittadini di lingua italiana e quelli di lingua tedesca e sull’opera deleteria del Fascismo sugli abitanti dell’Alto Adige, dando alla fine, ai fatti storici narrati una soluzione possibile ed equa in chiave europea molto apprezzata sia a livello politico che sociale tra coloro che non si nutrono ancora di odio anti italiano, in questa provincia dove, finalmente, le due componenti convivono e collaborano con prospettive di rapporti decentemente civili per il futuro, incominciando dalle cose più semplici, i rapporti tra il CAI e l’AVS (alpenverein sudtirol) che da subito si occuperanno insieme dell’affidamento dei Rifugi alpini e della loro gestione, della manutenzione e gestione dei sentieri alpini e della segnaletica degli stessi.Cose che possono sembrare minimali ma che, in passato, hanno scatenato liti furibonde specialmente quando si sono intromessi i politici, soprattutto quelli italiani.

     Esprimemdo alla famiglia le più sentite condoglianze, mi congedo dal collega ed amico Sebastiano Vassalli.  

Pubblicato in E' morto Sebastiano Vassalli candidato al Nobel 2015 per la Letteratura. | Contrassegnato | 2 commenti

FINALMMENTE IN COMMERCIO IL SEGGIOLINO CHE DA L’ALLARME SE IL BIMBO RESTA SOLO IN AUTO!


       Forse eviterà altri drammi! E’ stato appena messo in vendita negli USA al prezzo non esorbitante di 149 dollari, pari a 135 euro, il seggiolino che fa scattare l’allarme appena si accorge che il bimbo è rimasto da solo chiuso in macchina magari, come è già successo, sotto il sole cocente.

       Messo in vendita dal colosso americano Walmar, è dotato di wirelles e di allarme come quelli degli antifurto.

       Speriamo che tutti i genitori di bambini piccoli lo facciano monttare subito sulla propria auto!

      NOI, però, CONYINUIAMO A DARE UN’OCCHIATA ALLE AUTO IN SOSTA ACCANTO ALLA NOSTRA QUANDO POSTEGGIAMO PRONTI A DARE L’ALLARME SE DOVESSE SUCCEDERE ANCORA CHE UN BIMBO SIA CHIUSO IN MACCHINA!

      

Pubblicato in unica categoria | Lascia un commento

NUOVO RECORD MONDIALE “DOMINO DI LIBRI”.


   

Record mondiale di domino di libri oggi, 26 luglio 2015, a Bolzano, nella biblioteca dell'università. ANSA/UFF STAMPA UNIVERSITA' DI BOLZANO ++NO SALES, EDITORIAL USE ONLY++

Record mondiale di domino di libri oggi, 26 luglio 2015, a Bolzano, nella biblioteca dell’università. ANSA/UFF STAMPA UNIVERSITA’ DI BOLZANO 

   Battuto il precedente record dell’Università di San Gallo, Svizzera.

           Il nuovo record di “domino di libri”  6.631 conto il precedente di 5.337, è dell’Università di Bolzano e l’idea era partita dagli studenti per simboleggiare l’urgenza di rinnovare il sistema di consultazione a scaffale libero.

           I libri sono stati pazientemente disposti dagli studenti sui quattro piani della biblioteca formando il “logo” della stessa università

       Uni Bolzano

                    Il nuovo record, come il precedente di S.Gallo, non sarà registrato nel Guinnes dei primati a causa degli alti costi di registrazione.

                     E’ stata, comunque, una bella ed interessante, oltre che utile, iniziativa goliardica.   

 

Pubblicato in NUOVO RECORD MONDIALE DI "DOMINO DI LIBRI" | Lascia un commento

IL “CAZZARO PAROLAIO” PIU’ PERDE CONSENSI, PIU’ AUMENTA IL VOLUME DEI SODAGGI E PIU’ SPRECA I SOLDI DEI CONTRIBUENTI!


       renzi-pinocchio

         Il “cazzaro parolaio nazionale” più straparla facendo promesse a vanvera e più, settimanalmente, perde consensi. Più avverte il vuoto accanto a sè, anche all’interno di Palazzo Chigi dove si trova all’ingrasso e più aumentala sindrome del volume di “sondaggite”. Più aumenta la soglia della sua sondaggite e più spende i soldi dei contribuenti per aumentare il numero dei sondaggisti.

             Come ha documentato oggi “il Fatto Quotidiano” – la spina quotidiana nel fianco del “bulletto di Rignano” – nel 2013, l’anno delle ultime elezioni politiche, la spesa in euro per i sondaggi di Palazzo Chigi, prima con Monti e poi con  Enrico Letta ERA DI 71 MILA EURO.

             Anche nel 2014 la spesa per sondaggi rimase al di sotto dei 100 mila europer i due contratti firmati quando a Palazzo Chigi c’era ancora Enrico Letta (Renzi gli subentrò (CON SCARSO STILE, ABUSIVAMENTE E CON UN COLPO DI MANO GARANTITO DAL QUIRINALE!)  il 23 febbraio.

          Per il 2015, soprattutto dopo la scoppola ricevuta, brucia ancora, alle elezioni regionali ed amministrative, la spesa per i sondaggi di Palazzo Chigi, vigente il tremebondo Renzi, è lievitata,come il pane casareccio,sino ad oggi,  a quasi 300 mila euro, per la precisione280 mila euro. QUASI TRE VOLTE LA SPESA DEL 2014!!! e CON LA STESSA COSTANZA CON LA QUALE AUMENTA IL DEBITO PUBBLICO DEL QUALE NON SI PARLA PIU’!

          Figuriamoci quanti sondaggisti sguinzaglierà Renzi nel Paese se veramente aumenterà la febbre africana che avrebbe colpito l’ENI e con esso anche Renzi in una inedita forma spuria detta dagli specialisti “descalzite acuta” !!!                                                                                            

Pubblicato in SONDAGGITE ACUTA E SOSPETTA "DESCALZITE"! | Lascia un commento