UN PAESE ALLO SBANDO OSTAGGIO DELLO STRAVAGANTE “BOSS” DEL CONSIGLIO MANIPOLATORE DELLA REALTA’ E DEI SUOI “PICCIOTTI” GUARDA SPALLE.


ART.54 DELLA COSTITUZIONE: “””Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi.                                                                                                                                                                                                I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi prescritti dalla legge”””.                                                                                                                                                                                                                                                                                                        A nessuno credo sia sfuggito che sarebbe stata sufficiente la puntuale osservanza ed applicazione di questo solo articolo della Costituzione perchè la “banda” che ci governa fosse da tempo in galera per ALTO TRADIMENTO E SPERGIURO.                                                                                                                                                                                                                                                                                                      Di fronte a certe enormità, infatti, sempre più spesso siamo indotti a chiederci, soprattutto nel corso di questa legislatura, se la Costituzione italiana, nata dalla Resistenza, sia ancora in vigore o, viceversa, sia già stata, di fatto, abrogata dalla “COSCA” berlusconiana-bossiana al governo.                                                                                                                                                                        Da una parte, infatti abbiamo il “Boss” del Consiglio che calpesta tutte le leggi che lo obbligherebbero a rispettarle come tutti gli altri cittadini, salvo essere indagati, giudicati e, se colpevoli, condannati dalla magistratura. Ma per quanto lo riguarda, di solito a questo punto entrano in gioco i suoi “picciotti” guardaspalle che, guidati dai suoi avvocati pagati dai cittadini contribuenti in quanto parlamentari, approvano qualsiasi provvedimento per metterlo al riparo insieme ai suoi più stretti amici, soprattutto quelli che sarebbero in grado di ricattarlo.                                                                                                                                                                                                                                                        E così, sottosegretari o parlamentari potenti, stretti collaboratori di ministri tanto importanti quanto bugiardi, nei confronti dei quali sono stati emessi mandati di arresto da parte della magistratura inquirente per gravi o gravissimi reati, si trovano la sua stessa rete di protezione di una maggioranza parlamentare priva ormai di dignità ed onore che, violando a loro volta tutte le norme in materia, arbitrariamente, li lascia in libertà con motivazioni eclatanti di stampo mafioso-camorristico, “””ALTRIMENTI DI QUESTO PASSO PUO’ TOCCARE A CIASCUNO DI NOI””” come ha dichiarato ad alta voce in Aula nella sua motivazione l’esperto del Pdl Paniz, il quale non aveva affatto esitato, analogamente, a dichiarare qualche tempo prima che Berlusconi credeva davvero che Ruby fosse la nipote di Mubarak, non rendendosi conto che con tale dichiarazione gli stava dando dell’allocco pur di raggiungere il suo scopo o pensando, invece, che fossero stati gli Italiani ad essere i veri allocchi quando li hanno votati entrambi!                                                                                                                                                                                            Questo il quadro generale di una maggioranza parlamentare che, mentre il Paese è sull’orlo della bancarotta ed i cittadini sono con il fiato sospeso, nega l’evidenza e tiene l’Italia ostaggio di una banda di delinquenti, alcuni reali, altri ancora potenziali, che pensa soltanto a salvare se stessa e la cricca che l’ha nominata.                                                                                                                                                                                                                                                                               Il capocosca, invece, quantunque obbligato, si rifiuta di presentarsi ai Pm di Napoli che lo avevano convocato quale testimone e si fa un viaggetto estemporaneo e immotivato di piacere a Bruxelles, parlando in italiano e senza interprete col presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, affermando che non era necessario l’interprete perchè bastava che lo avessero capito i giornalisti italiani alle domande dei quali, comunque, si è poi sottratto.                                                                                                                                                                                                                                                                                                          Intanto, tutto il mondo pensa, ed i giornali stranieri lo scrivono, che la rovina dell’Italia sia proprio lui.                                                                                                                                                                                                                                                                L’autorevole New York Times, in un editoriale dedicato agli scandali del cav. banana, non ha affatto esitato a scrivere: “””Non dovremmo solo restare a bocca aperta e ridere. Il cammino dell’Italia dalla gloria al ridicolo, spianato dalle distrazioni legali e carnali del premier, minaccia la stabilità finanziaria dell’Europa e non beneficia nessuno”””.                                                                                                                                                                                                      Ma Berlusconi, invece, si preoccupa solamente di tenere lontano dall’Italia un testimone eventualmente scomodo come Valter Lavitola al quale, intercettato, ordina “Resta li, vi scagionerò tutti”. Lo stesso Lavitola che in altre circostanze ha viaggiato sull’aereo presidenziale, da vero ministro degli esteri, mentre il titolare faceva il figurante, cosi’ come era stato descritto dai documenti riservati dell’ambasciata americana al proprio governo.                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Nel frattempo, la menzogna fattasi persona, come aveva detto Indro Montanelli, non esita ad attribuire la crescita del debito pubblico italiano a 30 anni di amministrazione di sinistra, sbrodolando.                                                                                                                                                                                                                     Analizzando gli annali italiani, notiamo, infatti che:                                                                                                                                                                                                             – la Democrazia Cristiana governò dal 1946 al 1981;                                                     – il Partito Repubblicano dal 1981 al 1982 ed una piccola parentesi con Craxi    nel 1986/87;                                                                                                                                   – ancora la Democrazia Cristiana dal 1987 al 1992;                                                       – Amato (PSI) 1991 – 1992;                                                                                                           – Sinistra indipendente (Ciampi) 1993/1994;                                                                     – Berlusconi con Forza Italia 1994/1995;                                                                             – Coalizione di sinistra 1996 – 2001;                                                                                       – Berlusconi e soci 20o1 – 2006;                                                                                               – Prodi 2006 – 2008;                                                                                                                       – Berlusconi dal 2008 ad oggi.                                                                                                                                                                                                                                                                       Ed allora, dopo averli invitati a ripassare la storia degli ultimi 65 anni, vorremmo anzitutto capire dove sono i “””trent’anni di sinistra””” di cui parla Berlusconi e scondinzolanti pdiellini.                                                                                                                                                                                                                                        IL DEBITO PUBBLICO, è storia non mistificazione a tanto al chilo, incominciò a lievitare con Craxi, il suo padre politico putativo:

ANNO     DEBITO PUBBLICO                 PIL                      % DEBITO P. SUL PIL                                                                                                                                                                         2005             1.512.779                          1.429.479                                   105,83%                     2006            1.582.009                        1.485.377                                   106,51%                     2007            1.602.115                          1.546.177                                    103,60 %                     2008           1.666.603                         1.567.761                                    106,30%                     2009           1.763.864                          1.519.702                                    116,10%                       2010           1843.015                           1548.816                                     119.00%

A GIUGNO 2011 IL DEBITO PUBBLICO ERA ATTESTATO A 1911,00 MILIARDI CIOE’, NEI PRIMI SEI MESI DI QUEST’ANNO IL DEBITO PUBBLICO DELL’ITALIA E’ STATO GONFIATO DA QUESTO GOVERNO CHE NON GOVERNA DI ALTRI 69 MILIARDI RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE!!! Sarà colpa della sinistra!                                                                                                                                                                                                                                            A fronte di questa voragine, basta guardare i numeri. si comprende benissimo, se si vuole, dove risiedono le responsabilità. Ma ciononostante, il parlamentare STRACQUADANIO, un berluscones di lungo corso, quello del predellino, ha avuto il coraggio o, meglio, la faccia di tolla di affermare l’11 maggio 2010 dai microfoni di “La Zanzara” che bisognava aumentare gli stipendi dei parlamentari perchè “I PARLAMENTARI GUADAGNANO POCO”!                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      E le menzogne continuano! Il 13 settembre 2011, Angelino Alfano, a Ballarò, ha cercato di di rassicurare gli Italiani  affermando che Berlusconi è un grande leader, un punto di riferimento internazionale, apprezzato dai governi di mezzo mondo. Forse la parte ancora inesplorata!                                                                                                                                                                                                        Ma oltre al dialetto siciliano, Angelino è in grado di leggere o di farsi tradurre gli articoli con i quali i giornali stranieri massacrano il nostro Paese per colpa del suo capo del governo?                                                                                                                                                                                                                                              L’ormai quasi storico bunga.bunga, la Minetti superstar, le corna nelle foto ufficiali internazionali, le bestemmie, i “regali” ai coniugi Tarantini e le 5 finanziarie in un mese, gli insulti agli avversari politici e l’aver definito l’Italia un “””PAESE DI MERDA” sono il vero copione sul quale i giornalisti stranieri possono, con ottime ragioni, sbizzarrirsi.

     Come dire “””BORDELLI PRIVATI E PUBBLICA MISERIA””” che rischia di compromettere le prospettive  europee del nostro Paese.

     E, provocatoriamente, il New York Times, si chiede in che modo il “lussurioso imperatore” italiano vorrà festeggiare il suo 75° compleanno.

        Forse è meglio non saperlo!!!

     Da parte sua, la Lega, l’alleato più fedele che gli tiene bordone, gli dà i voti in Parlamento ma poi, imitando i  buffoni di corte, parla, anzi farfuglia, a Venezia di secessione.  Forse dal cervello di chi la guida?

     Ma il Capo dello Stato, il Presidente della Repubblica, il Custode della Costituzione, dimenticando forse i contenuti dell’art. 54, si limita, minimizzando, a dire che “””LA SECESSIONE E’ FUORI DA STORIA E REALTA’ “””.

     NO, SIGNOR PRESIDENTE!!! Una affermazione del genere da parte di un ministro della Repubblica che ha giurato (o spergiurato?) di rispettare la Costituzione, in presenza di altri ministri, tra cui  quello di Polizia che manda le sue squadre in assetto antisommossa contro gli inermi manifestanti che esprimono il loro dissenso da questo governo, che, a loro volta hanno giurato (0 spergiurato?) fedeltà alla Costituzione ed alle leggi, non solo sono fuori dalla storia e dalla realtà. SONO FUORI DALLA LEGALITA’ COSTITUZIONALE, SONO TRADITORI DELLA PATRIA e meritano ben altro che non  la rampogne che Le rivolge, signor Presidente, lo zotico capogruppo leghista alla Camera.

     Meritano le manette, quelle che, ce lo ricorda persino il Financial Times., l’imbelle Vittorio Emanuele III, nello stesso Palazzo del Quirinale, dove Lei risiede, ebbe il fegato di fare mettere ai polsi di Benito Mussolini, dopo il  suo 25 luglio trasferendolo sul Gran Sasso.

     Cosa deve succedere ancora in Italia, signor Presidente della Repubblica, perchè la legalità ed il rispetto della Costituzione, della democrazia e dei cittadini italiani trionfino?

     Intanto mentre i nostri mezzi di comunicazione di massa, non solo quelli padronali ma anche quelli della Rai, pagati con i soldi degli abbonati obbligatori, trascurano di dare le notizie che potrebbero dispiacere al “boss” del Consiglio, la stampa estera afferma “””L’ITALIA E’ UN BORDELLO”””.

     Il Financial Times invoca il ritorno del 25 luglio 1943; Le Monde, titola “L’Italia è in coma berlusconiano”; il New York Times scrive che “L’Italia è più vicina al Medio Evo che all’Europa”; il Guardian osserva e nota la differenza tra la crisi economica spagnola e quella italiana, “””Non si sentono tanti industriali spagnoli fare commenti””” come quelli fatti da Sergio Marchionne sugli italiani “Stufi di essere uno zimbello internazionale”; Der Spegel, dalla Germania è il più duro: “””L’ECONOMIA ITALIANA E’ IN DECLINO E POTREBBE TRASCINARE TUTTA L’EUZONA CON SE’. IL PRIMO MINISTRO BERLUSCONI HA PROBLEMI PIU’ IMPORTANTI PER CUI ESSERE PREOCCUPATO: HA QUATTRO PROCESSI SUL COLLO, OGNI GIORNO QUALCOSA DI NUOVO CHE RIVELA LA SUA STRAVAGANTE VITA PRIVATA. RIMANE POCO TEMPO PER LA POLITICA”””. Ma ogni mattina, quando si alza e si guarda allo specchio, “””RIPETE ‘MI PIACCIO, MI PIACCIO, MI PIACCIO’ ed anche in pubblico si lascia andare a frasi come “PENSO SOLO ALLE MIE BAMBINE” o “IERI SERA C’ERA LA FILA DIETRO LA PORTA, CE N’ERANO 11, IO ME NE SONO FATTE SOLO 8…” e a Tarantini “VOGLIO CHE TU ABBIA LE TUE, POI CE LE PRESTIAMO”.”””

     E’ normale un presidente del consiglio di 75 anni che parla così? O è un caso clinico?

     Il N.Y.T, ancora: “””IL GOVERNO BERLUSCONI SI E’ TRASFORMATO IN UNA CORTE REALE IN CUI OGNUNO, DAI PARTNER POLITICI ALLE GIOVANI E ATTRAENTI OSPITI, AGISCE PER IL PIACERE DEL PRINCIPE. I SUOI FEDELI SONO AL SUO FIANCO”””.

     El Mundo: “””DAI TEMPI DI BORGIA NESSUNO AVEVA SVILITO TANTO LA POLITICA ITALIANA COME DON SILVIO”””. Significativo quel “don”!

     Due vignette della stampa britannica valgono più di mille parole: una di Indipendent ritrae Berlusconi sorridente intento a suonare una viola che ha il corpo di donna nuda inginocchiata ai suoi piedi e lo spartito col titolo “bunga-bunga” mentre  alle spalle del signor B, brucia Roma.

Il Sun, allude a Nerone che suonava la cetra mentre Roma brucia. In questo caso Berlusconi, accompagnato da due giovani donne in abiti discinti, viene affrontato da un centurione con la scritta Fondo Monetario Internazionale sul mantello a cui dice “””CRISI? QUALE CRISI?””” mentre dietro di lui brucia il Colosseo e crolla il Pantheon.


     Ma i nodi stanno venendo al pettine anche per i suoi amici della “cricca”  che, per il G8, è stata rinviata a giudizio in 18, tra cui Bertolaso , ex potente capo della Protezione civile.

     Il 23 aprile 2012, si aprirà il processo oltre che per Bertolaso,  per Diego Anemone, imprenditrore; Angelo Balducci, ex presdidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, Mauro della Giovanpaola, funzionario pubblico Grandi eventi; Fabio De Santis, ex provveditore alle opere pubbliche della Toscana; ed altri meno noti.

     A destare l’ilarità mondiale ci ha pensato, però, Maria Stella Gelmini,  ministro dell’istruzione, dell’ università e della ricerca scientifica (?) che per commentare la scoperta epocale dei neutrini che hanno viaggiato ad una velocità superiore a quella della luce avrebbe dichiarato “””ALLA COSTRUZIONE DEL TUNNEL TRA IL CERN ED IL LABORATORIO DEL GRAN SASSO, ATTRAVERSO IL QUALE SI è SVOLTO L’ESPERIMENTO, L’ITALIA HA CONTRIBUITO CON UNO STANZIAMENTO OGGI STIMABILE INTORNO AI 45 MILIONI DI EURO”””.

     Braccia sottratte all’agricoltura!!! si diceva una volta!

     Ma visto che non esiste e non è mai esistito alcun tunnel, quei 45 milioni di euro di cui parla, la Gelmini a chi li ha dati? Come sono stati utilizzati? Da chi?                                                                                                                                 

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in ART.54 DELLA COSTITUZIONE. Contrassegna il permalink.

7 risposte a UN PAESE ALLO SBANDO OSTAGGIO DELLO STRAVAGANTE “BOSS” DEL CONSIGLIO MANIPOLATORE DELLA REALTA’ E DEI SUOI “PICCIOTTI” GUARDA SPALLE.

  1. Donatella ha detto:

    Sono così amareggiata, Osvaldo…
    Hai sintetizzato perfettamente tutte le vergogne di questa situazione che ogni giorno diventa sempre più critica…ti confesso che sto perdendo l’ottimismo. Vedo che a questa cricca di mangioni e al suo scandaloso leader( in questo sicuramente è un grande leader!!)tutto è permesso…mentre l’Italia affonda loro fanno quello che gli pare.E ho sentito che adesso vogliono anche “imbavagliare” i blog…

    "Mi piace"

  2. pasyro ha detto:

    Tuttavia, nel mio commento precedente, io avrò scritto con ironia ma penso, purtroppo, di non essermi allontanato troppo dal vero pensiero di molti italiani. E questo fa un pò meno ridere…

    "Mi piace"

    • cordialdo ha detto:

      Se fosse vero che la maggior parte dei cittadini italiani ragionasse così ma senza ironia, si comprenderebbe meglio perchè la casta e le cricche possano impunemente continuare a prosperare. Io sono più ottimista e confido nell’assioma che la pazienza degli Italiani dura al massimo 20 anni ed il ventennio di Berlusconi sta per finire. Mi auguro non a Piazzale Loreto ma in galera come merita.

      "Mi piace"

  3. pasyro ha detto:

    La Costituzione di cosa?
    Ah, quella vecchia roba di più di 63 anni?!?!? Nata dalla Resistenza?
    Che poi, resistenza da chi? “Resistere, e resisteremo!” o era “Vincere…”
    Cose vecchie. Bisogna andare avanti… (Avanti con la-vita…to-la)
    Avere il coraggio di passare per allocco pur raggiungere lo scopo (con Ruby appunto…); avere il coraggio di rifiutarsi di presentarsi ai Giudici, convocato quale testimone, per andare afarsi un viaggetto a Bruxelles. I giornali stranieri? Komunisti!
    E poi sappiamo che il debito italiano c’è per colpa dei komunisti che hanno amministrato 30anni!
    … A GIUGNO 2011 IL DEBITO PUBBLICO ERA ATTESTATO A 1911,00 MILIARDI CIOE’, NEI PRIMI SEI MESI DI QUEST’ANNO IL DEBITO PUBBLICO DELL’ITALIA E’ STATO GONFIATO DA QUESTO GOVERNO CHE NON GOVERNA DI ALTRI 69 MILIARDI RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE!!! Sarà colpa della sinistra!… Certamente si!!!!
    Per non parlare dei miseri stipendi dei parlamentari.
    Per fortuna che Silvio c’è, ed Angelino lo ha detto: Berlusconi grande… vabbè.
    Eh, quanto la fate lunga con il bunga bunga. E che sarà mai: una festina per distrarsi da questo paese di merda.
    La Lega? La Lega ce l’ha duro! Ancora l’Articolo 54 della vecchia Costituzione?!?! Non è sufficiente che il Capo dello Stato abbia detto che la secessione è fuori da storia e realtà? E secondo me lo ha anche aggiunto un “per favore”. Che gentile.
    E poi, penso che a volte si parli male di Silvio perché si è un po’ invidiosi. Lui si piace perché è bello, il migliore, circondato dalle sue bambini; generoso perché ne lascia anche ai suoi amici. Ha 75 anni, allora? Invidiosi!
    E che dire dei super eroi che hanno e che continuano a circondare Silvio. Per dirne uno a caso: Bertolaso, quello che ha monitorato la costruzione del tunnel CERN-GRAN SASSO.
    Chiedi dove sono finiti i 45milioni di euro, che non sono nel tunnel gelminiano? Beh, ma che te frega. Abbiamo un debito più di 1911,00MILIARDI di euro. E tu stai a guardare 45milioni?!?!?

    Post lungo (che sebbene non ero obbligato, ho avuto il piacere di leggerlo) risposta lunga. Non dettagliata come il post, lo ammetto, come confesso che mi sono divertito nello scriverlo.

    PS: per evitare equivoci, io ho scritto in ironia. NON credo a nulla di ciò che ho scritto. Non si sa mai.

    PS2: Attenzione, è in arrivo lo ammazza blog… https://pasyro.wordpress.com/2011/09/26/lammazza-blog/

    "Mi piace"

  4. rosanna44 ha detto:

    non posso che condividere in pieno ciò che hai scritto ,noi gli possiamo fare tutti gli insulti di questo mondo ma lui con la sua faccia di bronzo non fa neanche una piccola piega .Spero solo che anche per lui arrivi al più presto il giorno del giudizio ….

    "Mi piace"

  5. cordialdo ha detto:

    Lo so che il post è molto lungo ma avevo bisogno per me stesso e per il mio archivio di produrre un documento che sintetizzasse quanto è successo nella scorsa settimana quando sono stato nell’impossibilità di scrivere dei fatti del giorno.

    Comunque, nessuno è obbligato a leggere!

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.