IL PEGGIORISTA E I GUASTATORI.


                              costituzione-italiana

     Da un po’ di tempo a questa parte, sempre più spesso, di fronte ad un presidente della Repubblica che, quasi quotidianamente, ci ammannisce indigeste esternazioni catalogabili, a mio modesto avviso, come lezioncine di parte, mi chiedo se, senza che nessuno se ne sia accorto, la Costituzione italiana sia stata azzerata o modificata chi sa da chi o se, soprattutto, sia stato cancellato il Titolo II, dall’art.83 al 91, nei quali sono elencate tutte le norme per la nomina e tutte le funzioni e le prerogative del presidente della Repubblica.

     Ripetutamente, ho letto e riletto, in diverse ore della giornata, soprattutto dopo avere ascoltato o letto la quotidiana esternazione del Colle, per capire se siano lecite e legittime tutte le pressioni verso le Parti sociali, verso il Parlamento, verso le opposizioni, verso i partiti che sostengono il governo, alcuni a mezzo servizio come il Pd ed il suo segretario, Bersani, forse a sua insaputa, fateci caso, appena osa fiatare fuori dagli schemi, dai paletti fissati da altri, riceve subito una nuova esternazione che assomiglia maledettamente ad una reprimenda.

     Queste riflessioni mi assalgono tutte le volte che mi chiedo se esista ancora un Parlamento che abbia tra le sue prerogative quella di approvare, bocciare o emendare qualsiasi proposta del governo o, come con scarso, scarsissimo rispetto della democrazia e della Costituzione italiana, la Fornero (continuerò a mettere l’articolo determinativo davanti al suo cognome anche se a lei dà fastidio perchè a me dà fastidio il suo tono!) possa dire impunemente, riferendosi alle Parti sociali, sostanzialmente ai sindacati, “”NON SI PUO’ DISCUTERE ALL’INFINITO, INDIETRO NON SI TORNA“””.

     Vale a dire se gli interventi a gamba tesa della presidenza della Repubblica non tendano, non corrispondano, indebitamente, alla realizzazione  del retrodisegno del tutto politico di neutralizzare e fare tacere le voci discordanti dall’assioma espresso dal “pensiero unico” come ha fatto ieri, finalmente, la CGIL e, da sempre, la FIOM, la Sel ed i movimenti della società civile e l’Idv, con l’obiettivo di rendere sempre più ferreo l’inciucio per una futura “grande coalizione” tra Pdl-Pd-Terzo Polo.

     Vorrei, cioè che qualcuno autorevole, non inutilmente autoritario, desse a me ed a Marco Travaglio che oggi se lo chiede su “il Fatto Quotidiano,“””SE IL PARLAMENTO DEVE RATIFICARE, SENZA BATTERE CIGLIO, I DECRETI DEL GOVERNO E I PARTITI E LE PARTI SOCIALI DEVONO PRENDERE ORDINI DAL COLLE E DAL GOVERNO SOTTOSTANTE, SIAMO SICURI DI VIVERE ANCORA IN UNA DEMOCRAZIA PARLAMENTARE?  E IN UNA DEMOCRAZIA?”””.

     Vorremmo che venisse dipanato il mistero di come mai un governo di emergenza, insediatosi senza elezioni, senza aver ricevuto alcun mandato popolare, stia marciando sempre più spesso e chiaramente come uno schiacciasassi nella stessa direzione con provvedimenti sempre più funzionali alla “casta politica” del recente passato ed agli imprenditori  con essa collusi, con l’obiettivo sempre più palese di rendere più poveri i lavoratori e sempre più ricchi gli sfruttatori, i corrotti ed i corruttori e con l’intento di fare riacquistare loro persino l’impunità anche in presenza di processi già in atto per reati, ad esempio, come la concussione dopo aver sbandierato, novelli sepolcri imbiancati, la bandiera della loro falsa EQUITA’ pelosa.

     E non sarà certamente sfuggito a nessuno  che ieri sera, subito dopo che Camusso, finalmente, si è decisa a dire NO alla decisione unilaterale, senza costrutto e senza effetti positivi per nessuno, di abrogare le garanzie per i lavoratori previste dall’art.18 dello Statuto dei Lavoratori, il vicesegretario del Pd Letta, del Pd, si sia affrettato a dichiarare senza consultare nessuno, che comunque il Pd in sede parlamentare non potrà sottrarsi alla responsabilità di votare SI. Ma a nome di chi ha parlato? Forse solo del posto caldo già approntato nell’ovile di Casini?

     E Bersani, sino a prova contraria, segretario nazionale, oltre alla litania monotona e monocorde pubblicata stamani sul sito del Pd non ha nulla da dire? Come sempre? Non riesce a distinguere da che parte stanno gli sfruttati e da quale gli sfruttatori? La Confindustria lo ha sempre saputo; non ha mai sbagliato da quale parte stare. Il  Pd, variamente denominato, lo ha sempre fatto arruolando nelle sue truppe gente che non sa cosa sia LAVORARE!                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Art. 1 della Costituzione, Attualità, Biografie, DEMOCRAZIA, EQUITA', GIUSTIZIA, LA MENZOGNA COME SISTEMA, Legalità, LIBERTA', MENZOGNE, Metodi mafiosi, POLITICA E SOCIETA', RISPETTO E TUTELA DELLA COSTITUZIONE, SERIETA', SOCIETA'. Contrassegna il permalink.

10 risposte a IL PEGGIORISTA E I GUASTATORI.

  1. Teresa ha detto:

    Buongiorno Osvaldo…..Leggo…rifletto e cerco sempre di capire perchè l’Italia deve meritare tutto ciò…
    Ti auguro un sereno fine settimana.
    Un abbraccio

  2. giselzitrone ha detto:

    Die grossen dieser Welt wachen doch sowiso was sie wollen Grüsse dich und einen schönen Freitag wünsche ich dir Gislinde.

  3. unpodimondo ha detto:

    Io spero solo che alle prossime amministrative questi inciucioni del PD-PDL-UDC prendano una tale sberla, tirata così forte dagli elettori da far cadere tutto il governo Monti. Io non sarò chiamato a votare ma confido negli italiani che andranno alle urne… Ragazzi tirate così forte che i partiti non possano nascondersi dietro al paravento che si tratta solo di un voto locale…

    • cordialdo ha detto:

      Lo spero anch’io senza alcuna riserva. Gli Italiani prima o poi capiranno la differenza tra essere “SUDDITI” o essere “CITTADINI”?

  4. Claudio's ha detto:

    Mi domando, caro Osvaldo > Noi poveri italiani paghiamo a palate d’oro un presidente della repubblica per non fare nulla e dare continuamente direttive manipolatorie degne del più bieco ipocrita di questo mondo? Quale connivenza con il dittatore nazista Super Mario Monti?
    Un caro saluto
    Claudio
    P.S.: Grazie del link delle Tue foto!!!!
    Lo visionerò con calma lascindoTi il mio attento commento
    Claudio

  5. mizaar ha detto:

    osvaldo, cosa devo aggiungere che tu non abbia già detto? sono convinta che se questo governo è stato voluto e sta facendo quello che fa è per fare ciò che il precedente assembramento non ha voluto mettere in atto, per mantenersi l’elettorato. spettava a quelli essere impopolari come questi che fanno danni perchè hanno la possibilità e l’appoggio politico per farlo. e pensare che napolitano era un comunista! 😦

    • cordialdo ha detto:

      Un comunista ma della peggiore specie. Della corrente dei cosiddetti “miglioristi” quelli che volevano l’inciucio anche con Craxi!

I commenti sono chiusi.