MARIO MONTI SIN DA GIOVANE E’ STATO UNA ROVINA PER L’ITALIA!


MONTI1981-400x395

      Questa foto di Mario Monti giovanissimo la pubblicai qui, su questo blog, il 16 maggio 2012  in un post riguardante uno dei primi danni conosciuti arrecati all’Italia.

     Era il 16 giugno del 1981  ed alla Banca d’Italia si era insediata una commissione di studio presieduta di Paolo Baffi, direttore generale di BANKITALIA alla quale era intervenuto un “professorino” portato avanti come molto stimato dai Rothschild.

     Quel “professorino” era proprio Mario Monti che già respirava solamente l’aria viziata e l’odore sgradevole della banche e della finanza più agguerrita.

     In conclusione di quella giornata di lavoro e di discussioni abbastanza animate, spinta dalla aureola  fornita dai Rothschild,  la Commissione deliberò di adottare lo schema fornito dal giovanotto il quale aveva proposto per risolvere il problema affrontato con l’emissione di “titoli di Stato a lunga scadenza, con aste quindicinali e mensili, in modo che, egli disse, il rendimento cedolare fosse fissato dal mercato con scadenza tra i 5 ed i 7 anni.

     Ciò, disse il già presuntuoso professorino, garantiva il potere d’acquisto e, secondo l’esito delle aste, un piccolo rendimento dell’1 – 2%.

     In tal modo, affermò il giovane “genio” della finanza e dell’economia  che, già , sapeva vendere bene la sua merce anche se valeva poco,  il Tesoro avrebbe avuto da 5 a 7 anni per programmare e finanziare senza affanno la spesa pubblica.

     La proposta, espressa con tanta sicurezza e sicumera, passò con una “standing ovation” ma…IL DEFICIT ANDO’ SU COME UN MISSILE TERRA-ARIA E LE SPESE AUMENTARONO INVECE DI DIMINUIRE, proprio come  in questi 13 mesi in cui ha  governato Mario Monti.

     Infatti, mentre Mario Monti procurava il credito a tassi impossibili, OGGI  si direbbe che lo spread continuava a salire, AUMENTARONO SIA LE TASSE CHE LA BENZINA e LE SPESE SANITARIE SFONDARONO IL TETTO DEI MILLE MILIARDI DI LIRE.

     Naturalmente, quel grave danno alle risorse economiche dell’Italia venne taciuto ed io solo a maggio del 2012 ho potuto commentare che QUESTI SONO I SOGGETTI CHE PORTANO IMPUNEMENTE, FACENDO CARRIERA, GLI STATI ED I POPOLI ALLA ROVINA E, CIO’ NONOSTANTE, PERCEPISCONO MENSILMENTE UNO STIPENDIO COMPLESSIVO DI 72 MILA EURO MENTRE OPERAI IN CASSA INTEGRAZIONE O DISOCCUPATI, PENSIONATI AL MINIMO PICCOLI IMPRENDITORI SI SUICIDAVANO e Monti, a sua volta, poteva affermare che i suicidi in Italia erano di gran lunga inferiori a quelli che avvenivano in Grecia.

     Fu allora che, prima lo pensai e poi lo scrissi, mi chiesi come mai il presidente della Repubblica avesse nominato Monti senatore a vita quando l’Italia già annoverava tra i suoi figli che davano lustro alla Patria come dice la Costituzione, personaggi di gran lunga più importanti e famosi quali, ad esempio,  il prof. Rubbia, Enzo Biagi, Monicelli e molti altri.

     La stessa domanda l’ho fatta anche recentemente chiedendo allo stesso presidente della Repubblica se nel momento in cui nominava Monti senatore a vita fosse a conoscenza dei suoi trascorsi così miseri e dannosi. Ma, poi, ho capito immediatamente quando ho saputo che Marfio Monti era stato il principale collaboratore di Cirino Pomicino quando era ministro del Bilancio, tra il 1989 ed il 1992, PROPRIO QUANDO IL DEBITO PUBBLICO SCHIZZAVA ALLE STELLE ED ANCORA OGGI NE PAGHIAMO LE CONSEGUENZE E MONTI E’ RIUSCITO A FARE SCHIZZARE LO STESSO DEBITO PUBBLICO OLTRE IL TETTO DEI 2014 MILIARDI!!!

     Ma c’è ancora qualcuno tra coloro che hanno contribuito all’aumento del debito pubblico ed hanno portato fior di mafiosi in Parlamento, mettendo la mano sul fuoco sulla loro onestà guadagnandosi da me il titolo di “monco”, che vorrebbero per l’Italia un governo Monti Bis!

     Deficienza mentale o partecipazione agli utili???                                              

Oggi è mister 72.mila euro al mese!!!

mario-monti-presidente-638x425-e1361213560920                                                                             

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

2 risposte a MARIO MONTI SIN DA GIOVANE E’ STATO UNA ROVINA PER L’ITALIA!

  1. BaRbArEtTa ha detto:

    Buon inizio settimana caro Osvaldo…
    Barby!

  2. SpirAnima ha detto:

    Annichilimento della coscienza….mi sembra il termine adatto!!!.
    L’italiano medio, pecora addormentata dal regime di stato di polizia finanziaria, è ormai incapace di intendere e di volere…asservito alle malie incantatrici dei partiti politici e dei gerarchi di stato!!!…
    W la libertà di coscienza e di pensiero!!!

I commenti sono chiusi.