BERLUSCONI E MONTI: DUE CIARLATANI CON LA FACCIA DI “TOLLA”!


Monti sorride soddisfatto-ma il debito pubblico è salito a 2020 miliardi di €

     BERLUSCONI, MONTI SU IMU TESTA DURA NON SI CONVINCE

    La sua di bronzo Berlusconi l’aveva mostrata giovedì della settimana scorsa durante la trasmissione di “Servizio Pubblico” di Michele Santoro.

     Analoga faccia di “tolla” ha mostrato Mario Monti a “Porta a Porta”.

     Possiamo sicuramente concludere che Monti ha fatto molto in fretta ad apprendere il ruolo di ciarlatano che apparteneva politicamente a Berlusconi il quale, in qualche caso, è stato superato dal “Professor disastro” che sa infiocchettare le sue cialtronerie nascondendo, come teme persino Bersani, la polvere delle sue iniquità sotto il tappeto sia di Palazzo Chigi che dei salotti buoni romani.

     Entrambi, cioè, politicamente parlando, sono due abili pifferai, due accattivanti televenditori delle loro bugie, due piazzisti che vendono prodotti avariati, due ladri di verità e giustizia sociale, due autentici bari che truccano le carte in tavola sostituendole con quelle che hanno nascosto nelle maniche, due autentici falsari della politica italiana!

     Di Berlusconi non è più nemmeno il caso di parlare. Per qualificarlo è sufficiente ricordare ciò che ha detto e fatto nei 18 anni in cui ha governato destando l’ilarità dell’Europa alle spalle dell’Italia o la sua migliore battuta nella trasmissione di Santoro quando, da consumato attore del “Bagaglino”, ha detto:  “Nessuno come me contro la mafia” destando l’ilarità dei presenti.

     All’egregio prof. Monti, che ha già assunto le sembianze dell’arrogante democristiano storico, la-mario-nettinaper farlo arrossire sarebbe sufficiente ricordargli che la sua specialità è sempre stata, dal 1981 in poi, quella documentata di causare gravi danni al Paese con la sua presunta capacità di economista, servitore di altri soggetti diversi dai cittadini  italiani,monti-giovaneattraverso la quale, in pochi mesi di governo, è riuscito a fare lievitare il debito pubblico che ieri ha raggiunto il tetto dei 2.020miliardi di euro, derubare dei loro scarsi redditi i lavoratori a reddito fisso ed i pensionati ai quali, rozzamente, ha bloccato l’adeguamento delle pensioni superiori ai 14oo euro mentre, con la sua nomina a Senatore a vita regalatagli dal suo contitolare di governo, Napolitano, il suo reddito è lievitato oltre i 72 mila euro al mese, vale a dire 51 volte il reddito di un pensionato a 1400 euro mensili.

     A tale proposito mi viene spontaneo chiedere al campione dei terroristi dei poveri se possa ritenere anche che la sua dignità superi di 51 volte quella di qualsiasi lavoratore e pensionato esistente in Italia, qualunque sia il suo reddito, ad eccezione della categoria “castale” alla quale egli, lo stesso Napolitano e tutti i membri del suo governo appartengono.

     Quella dignità che, di fronte a gente come lui, per tutelare la quale in Francia vi fu quella storica rivoluzione e l’uso a tempo pieno della ghigliottina che dovrebbe essere installata anche in Italia davanti ai “Palazzi” in cui i nostri faccendieri, corrotti e corruttori, esercitano il loro insensato e crudele potere!

     Ma non sono solo questi i danni causati al Popolo italiano da Monti e dal suo governo: oggi, dati ufficiali, i consumi sono così bassi che non lo erano nemmeno all’indomani del dopoguerra.  Monti, per l’Italia e gli Italiani, peggio della 2^ guerra mondiale!

     La disoccupazione giovanile, come già scritto qualche giorno fa, ha raggiunto il record mondiale del 37%; a novembre 2012, il PIL, prodotto interno lord, è sceso del 2,4% annuo, anno su anno, cioè dal momento in cui egli ha usurpato il governo al suo parallelo Berlusconi.

     Tra poco, gli Italiani avranno, avremo, l’opportunità col voto di scacciarvi, speriamo per sempre, senza fare la rivoluzione. Sarà sufficiente usare bene la scheda elettorale senza farci rimbecillire prima dalle TV schiave del potere come i giornali, non solo quelli di famiglia, foraggiati con i soldi dei cittadini tartassati.

     Non lasciamoci turlupinare dai professionisti della politica che già parlano di voto utile e fanno il teatrino dagli schermi televisivi mentre Bersani cerca accordi sottobanco di desistenza  con Ingroia perchè non presenti le liste per il Senato in Lombardia, Campania e Sicilia per garantirsi il premio di maggioranza che sente sfuggirgli di mano nel momento in cui rassicura Monti, lo stesso Monti che gli consiglia di tagliare le ali, che dopo le elezioni riprenderanno ad incontrarsi per dividersi le spoglie del Paese.

     E Vendola, alleato di Bersani ed ala da tagliare, cosa fa? Ha ricevuto e letto la lettera aperta che gli è stata indirizzata dai disoccupati, l’ultimo scampolo della storica Alfa Romeo che Prodi, non ancora politico ma “tecnico”, REGALO’  alla Fiat che in cambio produsse solo disoccupati i quali assorbiti attraverso le scatole cinesi delle cosiddette “relazioni industriali” dalla “INNOVA SERVICE”, azienda di servizi e manutenzioni, che da due anni li ha scaricati per servirsi di cooperative che utilizzano personale a bassissimo costo ed ultraprecariato.

     E’ lo stesso precariato che è frutto della filosofia  Marchionne-Monti

Fiat, the new investment plan for Melfi plantanche se, da ieri, Marchionne ha preso le distanze da Monti! Non gli serve più!

     Ed allota tu, Niki Vendola, se quella lettera l’hai ricevuta e letta cosa intendi fare? Il “pesce in barile” come hai fatto con l’Ilva di Taranto?

      Spero proprio di no!!!                                                                                            

                                                                                                                                                 

        

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in ARROGANZA, Art. 1 della Costituzione, ART.53 DELLA COSTITUZIONE, ART.54 DELLA COSTITUZIONE, Attualità, Biografie, COMPARAGGiO, Complicità tra mafia e politica, Cronaca, delinquenza di Stato, DEMOCRAZIA E LIBERTA', DIRITTI E DOVERI, EQUITA', EVERSIONE ED EVERSORI, GIUSTIZIA, La figliolanza delle "Caste", LA MENZOGNA COME SISTEMA, Legalità, LIBERTA', millantato credito, Notizie e politica, POLITICA E AFFARI, POLITICA E SOCIETA', POLITICA INTERNAZIONALE, Rispetto dei cittadini, RISPETTO E TUTELA DELLA COSTITUZIONE, SERIETA', SOCIETA', Uso delle risorse, VERGOGNOSA DECADENZA, VIOLAZIONE DEL CONCORDATO. Contrassegna il permalink.

4 risposte a BERLUSCONI E MONTI: DUE CIARLATANI CON LA FACCIA DI “TOLLA”!

  1. mizaar ha detto:

    dai, che adesso prof virus ci toglie le tasse che aveva applicato un anno fa! 😀

    "Mi piace"

  2. lucadic67 ha detto:

    Interessante opinione la tua caro Osv. Mi hai fatto venire in mente una cosa:come mai gli italiani hanno creduto nell’ultimo ventennio ad un venditore di fumo e poi a un salvatore mascherato da lobbysta europeo?come mai?Forse perche’ i politici nell’ultimo ventennio non sono esistiti e allora tra soubrette e candidati voluti dai segretari di partiti,l’italiano ha dimenticato i vari Berlinguer,Moro o Almirante?Domanda la mia,considerazione nata da questo dualismo di immagine tra brutto(il cavaliere) e il bello(mascherato e falso Monti).ciao e a presto…o Ingroia adesso su Ballaro’,ciao….

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.