FACEBOOK? UN PERICOLOSO VIRUS!


FONTE E FOTO ANSA.it

US authorities clear way for Facebook's purchase of Instagram

     Secondo una ricerca di alcuni studiosi dell’università di Princeton, Facebook è assimilabile ad una malattia infettiva che ha raggiunto il massimo della sua diffusione e che, per fortuna, entro il 2017 dovrebbe perdere l’80% degli utenti.

       Lo studio è stato reso noto a pochi giorni dalla ricorrenza dei dieci anni del social network di Mark Zuckerberg, nato il 4 febbraio 2004.

      La ricerca  dei due dottorandi John Cannarella e Joshua Spechler si è basata sull’esperienza di ascesa e caduta di altri social network come MySpace, precursore della piattaforma di Menlo Park.

     “””E’ stato dimostrato che le idee come le malattie, si propagano tra la gente come un’infezione, prima di morire. E’ questo è descritto con successo nel modello epidemiologico”””.

     Secondo i due studiosi, Facebook ha raggiunto il suo apice nel 2012, per poi inziare la discesa.

     La piattaforma che sta già affrontando la disaffezione dei giovanissimi, si ridimensionerà del 20% entro dicembre 2014 e perderà l’80% dei suoi utenti tra il 2015 ed il 2017.

     I dati hanno stupito non poco considerato che il social Network apparentemente sembra godere di buona salute con il suo creatore, Mark Zuckerberg, 29 anni, che ha raggranellato già una fortuna economica stimata in 19 miliardi di dollari e la sua numero 2 Sheryl Sandeberg, è da poco entrata nel club dei miliardari in virtù dell’aumento del prezzo delle azioni della società.

     Lo studio dei due dottorandi in ingegneria meccanica e aerospaziale è già stato pubblicato sul web ed è in fase di valutazione pubblica e privata.

     Personalmente, rimasi iscritto solamente per circa 2 ore e non mi piacque affatto per i suoi contenuti, compresi quelli riservati, e, poichè allora non era difficile come sembra lo sia oggi, immediatamente cancellai la mia adesione senza incontrare ostacoli.

     Si mormora, soprattutto, che la fortuna economica del fondatore del network derivi dalla vendita per ragioni commerciali, deri dati degli aderenti poichè, sulla base di una clausola del contratto di adesione, i dati personali degli iscritti sono legalmente proprietà privata della piattaforma, cosa che per le leggi italiane sarebbe impossibile far firmare. Ma il contratto di iscrizione prevede che le autorità competenti in caso di conflitto, sono quelle americane e l’applicazione è quella della loro legislazione.

                                          

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

3 risposte a FACEBOOK? UN PERICOLOSO VIRUS!

  1. Rebecca Antolini ha detto:

    Faceboock non e la vita… come piattaforma non e chi sa cosa… mi piaciono posti come wordpress…

    "Mi piace"

  2. semprecarla ha detto:

    Se facebook fa il botto io non soffrirò … Eh, eh, eh, non mi ci sono mai iscritta! Buon fine settimana Osvaldo. Carla

    "Mi piace"

    • cordialdo ha detto:

      Non hai perso proprio nulla sai, Carla!
      Io ho fatto toccata e fuga perchè ero curioso di comprendere il suo così rapido successo. Mi sono bastate solo 2 ore per capirlo!
      Ciao, cara amica, buona serata, buon WE. Un abbraccio. Osv.

      "Mi piace"

I commenti sono chiusi.