I RETROSCENA DELLA “GHIGLIOTTINA” USATA DALLA BOLDRINI!


 

     Laura Boldrini

    Cosa c’era di così importante ieri in discussione alla Camera per costringere la presidente a ricorrere ad una misura così odiosa quanto non prevista dal Regolamento dell’Assemblea come strozzare l’intervento della più attiva opposizione parlamentare PUR DI FARLA APPROVARE ENTRO LA MEZZANOTTE E NON FARLA DECADERE?

     C’era in discussione che riguardava sì la cancellazione della seconda rata dell’IMU che riguardava i cittadini interessati ma c’era anche, contrabbandato nello stesso decreto in scadenza un’altra “porcata” che nulla aveva a che fare con la materia dell’Imu, non aveva nessuna attinenza con essa, in violazione della Costituzione che prevede che i decreti non possono riguardare materia eterogenea, cosa che lo stesso presidente della Repubblica, in altre circostanze, aveva sottolineato.

     C’era da parte del Governo UN REGALO DI 7,5 MILIARDI ALLE BANCHE PRIVATE CON I SOLDI DELLA BANCA D’ITALIA, CIOE’ CON I NOSTRI SOLDI

     Era questo che,  con l’ostruzionismo legittimo perchè regolamentare, i deputati dei 5Stelle stavano cercando di evitare con la decadenza di quel Decreto e che i pennivendoli della stampa di regime sovvenzionata con i soldi pubblici, cioè sempre i nostri, ha ignorato tranquillamente senza scrivere nemmeno una sillaba per evitare che i propri lettori fossero informati correttamente e fare in modo che fossero odiati parlando solo della rata dell’IMU che si rischiava dfi dover pagare se quel decreto fosse decaduto.

     Era un decreto, cioè, omnibus nel quale erano confluite cose che non avevano alcuna attinenza tra loro e di ciò la presidente Boldrini ne era pienamente cosciente ma si guardava bene di ammetterne la sua illegittimità costituzionale.

     Quando ci sono di mezzo le banche e, non solo, senza distinzione di colore politico, destra e sinistra uniti fanno i pesci in barile. Chissà perchè!

     Il governo Letta che, come e più del precedente espressione del Colle, porta i lavoratori ed i pensionati alla miseria, ha portato il debito pubblico ad un livello mai raggiunto prima, superando di circa 9 miliardi quello del 2013, con le sue invereconde balle, smentite immediatamente a livello europeo, fa lievitare il numero dei senza lavoro, soprattutto i più giovani, zitto zitto ha fatto con il decreto blindato alla Camera un bel regalo alle Banche private, in particolare, a Intesa San Paolo e Unicredit.

     La Banca d’Italia è di proprietà delle più importanti banche italiane, le quali, sino agli anni ’80, erano pubbliche. Tra gli attuali proprietari ci sono anche l’Inps e le assicurazioni Generali.

      Il suo valore complessivo del capitale è rimasto  invariato ed è qui che, attraverso calcoli astrusi il governo cerca di dimostrare, senza riuscirci che lo Stato ci guadagnerebbe.

     Gli unici che non ci guadagneranno saranno i conti dello Stato.

     Infatti, lo Stato subirà una perdita e gli unici che ci guadagneranno saranno le banche, l’Inps ed il suo supermanager indagato Mastrapasqua che rifiuta di dimettersi, e le assicurazioni.

       Ma Letta “palle di plastilina”, non lo ammetterà mai! E nemmeno la Boldrini!                               

 

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

Una risposta a I RETROSCENA DELLA “GHIGLIOTTINA” USATA DALLA BOLDRINI!

I commenti sono chiusi.