NOTIZIE IN BREVE.


*Lancio con tuta alare su Alpi, 2 morti! 

    Proprio ieri uno di questi sparicolati aspiranti suicidi era stato presentato ed intervistato in una trasmissione della 3^ rete Rai dove aveva narrato le sue avventure e presentato foto e filmati.

    Mentre quel tale  sparava le sue smargiassate raccontando di non avere alcune paura quando “vola” alla velocità di oltre 200 Km all’ora centrando un bersaglio o un’apertura di soli 7 metri in una roccia, altri due giovani, un francese di 34 anni ed un neozelandese di 33 sono morti in Svizzera durante un lancio con addosso le cosiddette tute alari mentre un terzo “base jumper” è rimasto gravemente ferito.

     I tre, secondo la polizia cantonale di Berna, sono saliti su un elicottero nel comune di Lutshental, nel Canton Berna, sino a sorvolare la regione di Hintisberg, con l’obiettivo di planare nella vallata.

     Dopo il lancio, però, per, cause sconosciute i tre si sono schiantati nella zona dell’Alpe di Sengg.

di Alexander  Polly l'uomo volante che ieri sera in Tv Rai

    Ecco un fermo immagine di Alexander Polly, l’uomo volante che ieri sera era TV Rai! Forse la Tv di Stato dovrebbe evitare di far vedere immagini del genere che possono fare da stimolo d’imitazione di altri ragazzi magari più giovani che non sono in grado di valutare il rischio reale in esibizioni del genere!

NUOVE NORME EUROPEE CONTRO LE TRAPPOLE DEL WEB DA PARTE DEI GESTORI  DI INTERNET.

   L’Unione Europea ha, finalmente, deciso di bandire costi nascosti e trappole contrattuali dai parte di chi gestisce internet in modo banditesco.

      Basta contratti conclusi solo per telefono. Fine dei labirinti per ricevere i rimborsi. Basta con i caratteri microscopici, invisibili nei contratti. Fine delle norme capestro non indicate chiaramente nei contratti. Basta costringere i cittadini a presentare esposti-denuncia alle Procure della Repubblica come sono stato costretto a depositare io non più tardi di ieri con la cronaca della mia disavventura con l’allegra amministrazione di Fastweb che abusa anche del disinteresse del sistema bancario nei confronti dei propri clienti:

  ESPOSTO-DENUNCIA  ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI BERGAMO.

    Io sottoscritto….nato a…..il…. espongo quanto segue:

-in data 20 novembre 2009 firmavo con FASTWEB l’attivazione del servizio di collegamento ad internet.

-con raccomandate, rispettivamente n…….per Fastweb e n…..per UNICREDIT, entrambe in data 16.01.2014, NOTIFICAVO DISDETTA dei servizi con decorrenza fine bimestre gennaio-febbraio 2014.

-Fastweb, anche se i servizi era stati pagati anticipatamente sino al 28 gìfebbraio 2014, ha interrotto il collegamento ad internet sin dal 19 dello stesso mese senza fornire alcuna preventiva notizia o giustificazione, causando un palese danno allo scrivente che dovette rivolgersi, per un collegamento provvisorio (con il gestore della società subentrante), al Dott. Ing….. il quale ha rilasciato la fattura n… in data 19.02.2014 dichiarando la tipologia della prestazione come “””INTERVENTO DI EMERGENZA PER CONSENTIRE AL CLIENTE DI LAVORARE SU RETE INTERNET DOPO L’INTERRUZIONE DEL SERVIZIO DA PARTE DEL GESTORE FASWEB, per un compenso di €….

-Fastrweb, nonostante avesse ricevuto disdetta del servizio e lo avesse già bloccato anticipatamente sin dal 19.02, ha emesso nuova fattura di €85,56 per il bimestre marzo-aprile 2014, successivo alla data di decorrenza della disdetta, addebitandola sulla mia carta di credito.

-Unicredit, anche se preventivamente e senza dare alcuna risposta, avesse ricevuto la raccomandata A.R. con la quale si dava disposizione di “””SOSPENDERE ALLA FASTWEB QUALSIASI PAGAMENTO SUCCESSIVAMENTE ALL’ULTIMO ADDEBITO GIA’ EFFETTUATO SULLA MIA CARTA DI CREDITO”””, mi comunicava via sms avviso di addebito da parte di Fastweb per il bimestre marzo-aprile 2014, costringendomi successivamente alla procedura in atto per il recupero della somma pagata indebitamente a Fastweb nonostante in data 3 marzo, con nuova raccomandata diretta al al Servizio clienti Fastweb ed a Unicredit SpA avevo diffidato Fasteweb a stornare ed accreditare quanto addebitatomi e Unicredit a farsi parte dilingente per il recupero delle somme addebitatemi.

     Alla luce delle considerazioni addotte, la presente a richiesta di Unicredit SpA da allegare alla procedura di recupero di credito e come atto preliminare per i danni subiti da parte della Fastweb sia col distacco preventivo del servizio, sia per le spese sostenute per il nuovo collegamento (fattura….) e sia per i danni morali conseguenti qualora codesta Procura ravvisi nei comportamenti descritti qualsiasi ipotesi di reato. Con riserva di costituzione in giudizio.

   27 marzo 2014    –   Firma….”””

     Il cittadino, sarà maggiormente tutelato dalla nuove norme che entreranno in vigore dal 14 giugno per effetto, appunto, della direttiva Ue sui diritti dei consumatori, recepita dal Parlamento il 21 febbraio.

     A vigilare sull’applicazione, è stata indicata l’Antitrust che ottiene la competenza esclusiva delle pratiche commerciali scorrette anche nei settori regolati come l’energia elettrica e potrà sanzionare i contravventori con multe sino a 5 milioni di euro.

*L’ORGANIZZAZIONE SEA SHEPHERD HA SALVATO 750 BALENE DAGLI ARPIONI DELLE NAVI GIAPPONESI!

     L’organizzazione ecologista Sea Shepherd ha reso noto di avere salvato, nel corso della sua decima campagna in difesa dei cetacei, 750 balene dagli arpioni delle navi giapponesi nel mare australe con attività spesso segnata da scontri violenti con le baleniere.

     Per fortuna, è di oggi la notizia che la Corte internazionale di Giustizia dell’Aia ha deliberato che la caccia alle balene sostenuta dal Giappone nell’Oceano Antartico E’ ILLEGALE non riconoscendo la foglia di fico dei fini scientifici dietro il cui paravento il governo giapponese si nascondeva e ne ha disposto la sua soppressione!

Balena

Sea-Shepherd-580x360

                                                                                         

             

                                                                                                  .

    

                                                                            

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in AMICIZIA, Animali, ARROGANZA, Art. 1 della Costituzione, Rispetto per la natura. Contrassegna il permalink.