DOLCI TRADIZIONALI: LA PASTIERA NAPOLETANA.


     La pastiera napoletana

    Non sono un esperto di dolci ma, domenica scorsa, quando sono andato a Novara, sono entrato in un ristorate-pizzeria gestito da almeno tre generazioni dai membri di una famiglia di napoletani.

     La mia attenzione è stata attratta da una foto che troneggiava accanto alla cassa con l’invito a prenotare per tempo la famosissima pastiera napoletana.

     Accanto all’invito ai clienti, c’era una specie di racconto-poesia, in perfetto dialetto napoletano, che narravano la leggenda, a mio avviso, della nascita, dell’invenzione di questo dolce tipico della tradizione pasquale di Napoli.

     L’ho ricopiata, spero senza errori, e ve la propongo:

A Napule regnava Ferdinando

Ca passava a jurnata zompettando

Mentr’invece a’ mugliera, ‘Onna Teresa

Stewva sempre arraggiata. A’ faccia appesa

O’ musso lungo, non redeva maje,

Comm’avesse passate tante guaje.

Nù bellu juorno Amelia, a’ cammeriera:

Le dicette: “Maestà, chest’è a’ Pastiera.

Piace e’ femmene, all’uommene e e’ creature:

uova, ricotta, grano, e acqua de ciure,

‘Mpastata insieme o’ zucchero e a’ farina

A può purtà nnanz o’ Rre e pur’ a Rigina”.

Maria Teresa facett a’ faccia brutta:

Mastecanno, riceva: “E’ o’ Paraviso!”

E le scappava pure o’ pizz’a riso.

Allora o’ Rre dicette: “E che marina!

Pe fa ridere a tte, ce vò a Pastiera?

Moglie mia, vien’accà, damme n’abbraccio!

Chistu dolce te piace? E mò c’o saccio

Ordino al cuoco che, a partir d’adesso,

Stà Pastiera la faccia un pò più spesso.

Non solo a Pasca, che altrimenti è un danno;

pè te fà ridere adda passà n’at’anno!”

    La pastiera capace, quindi, di far sorridere anche una austera regina come Maria Teresa d’Austria!

    Presumo che in Internet si possa forse trovare anche la ricetta per chi volesse cimentarsi nella preparazione di questo dolce.

     Io, non sarò a Novara ma al cospetto delle “mie” amate montagne e, quindi forse mangerò solo una fetta di strudel!

      Ciao a tutti e buona serata con l’acquolina in bocca!                                                                                              

                                                                             

                                        

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Cibo e bevande, CULTURA, Ricorrenze, Saggezza, Tradizioni popolari, TURISMO E CULTURA. Contrassegna il permalink.

3 risposte a DOLCI TRADIZIONALI: LA PASTIERA NAPOLETANA.

  1. Annalisa D'Oto ha detto:

    CIAO, SCUSA, TI POSSO CHIEDERE IN QUALE PIZZERIA? GRAZIE

    "Mi piace"

    • cordialdo ha detto:

      Ciao, Annalisa.Rispondo volentieri alla tua domanda.
      Si tratta del “RISTORANTE-PIZZERIA TRE LANTERNE” – Novara centro – zona pedonale – nei pressi di P.zza Cavour e della Basilica di San Gaudenzio: VIA GAUDENZIO FERRARI N.7 – tel. 0321 – 30230 (spero che il telefono non sia cambiato – non lo uso da parecchio – ci vado senza telefonare).
      Ti consiglio di telefonare, eventualmente, per prenotare il dolce napoletano. “LA PASTIERA”.

      Buona Pasqua e torna a trovarmi. Ciao. Osv.

      "Mi piace"

  2. Rosa Andronaco ha detto:

    Buona domenica delle palme, un abbraccio.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.