LA FOTO E LA CURIOSITA’ DEL GIORNO.


     (ANSA.it  –  Photostory  –  Primopiano)

Venezia, in migliaia per 'bocolo' vivente in piazza San Marco                                    (Rosa vivente in P.zza S.Marco a Venezia)

 

   Un enorme bocciolo vivente, un “bocolo” in veneziano, per celebrare un’antica leggenda diventata usanza il 25 aprile per celebrare il patrono di Venezia, San Marco.

    In questa giornata, infatti, è ormai tradizione secolare che ogni veneziano regali alla donna amata una rosa rossa.

  Quest’anno l’hanno disegnata nella piazza più famosa del mondo circa 1200 persone che vestite gli adulti di rosso ed i più piccoli di verde hanno composto la rosa in un grande quadro vivente.

     A firmare la performance collettiva che voleva trasmettere il messaggio di Venezia città viva, moderna ed unica l’artista veneziana Elena Tagliapietra e lo scrittore Alberto Toso Fei. Quest’ultimo, in italiano, inglese e veneziano ha raccontato la leggenda della rosa donata nel giorno di San Marco: quella dell’amore tra la nobile Maria Partecipazio ed il cantastorie Tancredi che per conquistare la fiducia del padre della ragazza che si opponeva alla loro storia d’amore non esitò ad arruolarsi tra le schiere dei Paladini di Francia.

     Il giovane morirà nel tentativo ma riuscirà a mandare un ultimo dono alla sua bella: un bocciolo di rosa macchiato col suo sangue.

     Una storia romantica e tragica la cui performance moderna rientra nel progetto “Venezia Rivelata”, ideato da Toso e Tagliapietra: tredici appuntamento in un biennio in altrettanti luoghi particolari della città, fatti del racconto della tradizione popolare ed aneddoti legati al passato della Serenissima ed accompagnati da performance artistiche in tema ed ogni volta diverse.

    Una iniziativa artistica, artistica e culturale, a mio avviso, da valorizzare e da seguire con simpatia.                                                                                                                        

 

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in amore, ARTE, Attualità, CULTURA. Contrassegna il permalink.

3 risposte a LA FOTO E LA CURIOSITA’ DEL GIORNO.

  1. Misterkappa ha detto:

    Bel post, complimenti! 🙂

    "Mi piace"

  2. Rosa Andronaco ha detto:

    bellissimo

    "Mi piace"

  3. tachimio ha detto:

    Molto suggestiva Piazza San Marco con quella rosa umana… grazie Osvaldo. Isabella

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.