LA LIBERTA’ CONDIZIONATA, IL DECLINO DELLA DEMOCRAZIA E DELLA COERENZA AL TEMPO DEL “CAZZARO” BOY SCOUT PAROLAIO FIORENTINO!


    ++ Padoan, molto molto grave se non passa riforma Senato ++

    Per comprendere compiutamente i guasti che sta producendo, non possiamo non ricordare che questo arrogante ed immaturo presidente del Consiglio non ha mai ricevuto alcuna consacrazione ed alcun mandato a governare perchè mai eletto al Parlamento.

     La sua abusiva presenza a Palazzo Chigi è il frutto del suo fratricidio perpetrato a danno di Enrico Letta, solo due giorni dopo avere affermato che mai avrebbe accettato di governare se non dopo una regolare elezione al Parlamento,  e della complicità dell’inquilino pro-tempore del Quirinale che aveva riconosciuto in lui l’unico allocco che avrebbe potuto garantirgli il suo agognato “governo delle grandi intese” che comprendesse anche i grandi inciuci segreti con il campione dei pregiudicati per reati fiscali, in parte caduti in prescrizione, espulso dal Parlamento ma non ancora decaduto da “cavaliere” perchè la sua amica ministra Guidi, le cui aziende di famiglia delocalizzerebbero, sino ad oggi non ha mai trovato il tempo per decretarne la revoca ma per andare a cena dal suo referente politico Berlusconi sì.

     Non possiamo neanche ignorare che oltre a pugnalare alle spalle chiunque resiste al simulacro della democrazia, secondo il vangelo renziano, anche in presenza dell’art.67 della Costituzione che, non a caso, recita “””OGNI MEMBRO DEL PARLAMENTO RAPPRESENTA LA NAZIONE ED ESERCITA LE SUE FUNZIONI SENZA VINCOLO DI MANDATO“””. Ma, nonostante ciò, anche si rappresenta la Nazione ma non rappresenta la volontà catto-fascista di Renzi, il senatore Corradino Mineo, non avendo obbedito al dictat del “guappo” fiorentino è stato in tutta fretta sostituito, epurato, nella Commissione Affari Costituzionali del Senato secondo il verbo renziano ed al suoi posto è andato un “pezzo da novanta”, il capogruppo Zanda.

     Con l’occasione, l’epurazione, sembra suggerita anche dai suoi fedeli colonnelli, ha coinvolto anche Vannino Chiti e Luciano Pezzetti, sostituiti, rispettivamente, da Migliavacca e da Roberto Cociancich, mentre per Mauro del Pi la sostituzione era già avvenuta il giorno prima con input proveniente dallo stesso “cerchio magico”.

     Ma questa cervellotica mossa di Renzi, non è stata affatto indolore, subita in silenzio dalla minoranza interna e ben 14 parlamentari del Pd, Partito deceduto, si sono immediatamente autosospesi dal gruppo parlamentare non senza ricordare che il boss Zanda è lo stesso che è già stato per 9 anni presidente del Consorzio Venezia Nuova, lo stesso Consorzio già chiacchierato prima ed oggi nell’occhio del ciclone sia per le “mazzette” del Mose e sia per quelle degli armatori della Grandi Navi da crociera nel bacino di San Marco. Una evidente coincidenza, però.

     Il bleso “epurator” sembra abbia affermato che non tollererà nessun ostacolo sul cammino delle riforme. “””Il gruppo del Pd è compatto nel volere le riforme, non era possibile tenere appeso un paese alle voglie di protagonismo di Mineo””” precisa un senatore dem il quale aggiunge, ma non credo che Renzi gradisca, “””Renzi deve presentarsi all’incontro con Berlusconi facendo vedere che vuole andare sino in fondo e che ha risolto i problemi nel partito”””. Democraticamente, si intende,secondo il concetto malato di democrazia renziana, la stessa che si propone di diventare il padrone assoluto del partito che ha colonizzato ed occupato facendolo identificare nel “Partito Nazione” di marca fascista.

     Ma, siccome i “cazzari” dovrebbero essere attenti ad essere coerenti con quello che dicono e sostengono, Renzi non si rende conto della sua incoerenza quando, sottovalutando la messa in minoranza per 7 voti alla Camera dove il suo governo gode di un’ampia maggioranza, mentre è in giro turistico per il mondo a fare il piazzista industriale, afferma che la maggioranza al Senato cambierà  la norma, cioè a quel ramo del Parlamento che  lui vuole abolire proprio per evitare la seconda lettura di garanzia ed approvazione delle leggi affida il compito di ristabilire le regole del gioco. Ma, visto come sono andate le cose alla Camera. è sicuro che al Senato da lui bistrattato, avrà la maggioranza per cambiare ciò che l’Aula di Montecitorio ha già approvato in modo difforme da ciò che voleva lui? Un “cazzaro” ottimista o al limite della temerarietà?

     Intanto, per non smentire di essere un “cazzaro” doc, mentre lui ed il suo ministro dell’economia, entrambi inaffidabili, hanno sostenuto sino alla noia. che non ci sarà una manovra aggiuntiva, sta per arrivare la stangata con la quale il governo si riprenderà gli 80 euro distribuiti ai pochissimi Italiani che li hanno ricevuti (a proposito la busta paga sbandierata sbiancheggiata in un TG era la sua!).

     Infatti scatta quasi immediatamente la furbesca clausola di salvaguardia per tre miliardi di buchi prodotti in bilancio e relativi a SCOPERTURE dell’abolizione dell’IMU che saranno sanate con rincari della benzina e degli alcolici e per ripianare anche altre scoperture derivanti, secondo i tecnici della Camera, dal fatto che “””SONO SBAGLIATI I CONTI SUL BONUS IRPEF””” oltre a spese non finanziate, un grosso buco PER LE MISSIONI MILITARI, LA CASSA INTEGRAZIONE ed altro.

     Presto arriverà il conto da pagare! Bisognerà trovare 20 miliardi per mantenere gli impegni di bilancio assunti con l’Europa. E non sarà facile cazzeggiare!!!

ELENCO DEI 14 SENATORI AUTOSOSPESI DAL GRUPPO PARLAMENTARE PD :

CASSON

CHITI

CORSINI

D’ADDA

DIRINDIN

GATTI

GIACOBBE

LO GIUDICE

MICHELONI

MINEO

MUCCHETTI

RICCHIUTI

TOCCI

TURANO

La mia solidarietà a questi senatori che non conosco personalmente, tranne Casson per la loro coerenza.

Invito alla, ahinoi, ministra Boschi di leggersi almeno la Costituzione prima di rilasciare certe dichiarazioni all’ANSA!                                

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in ARROGANZA, Attualità, Cronaca, DEMOCRAZIA, DEMOCRAZIA E LIBERTA', DIRITTI E DOVERI, EVASIONE ED EVASORI FISCALI, EVERSIONE ED EVERSORI, GIUSTIZIA, LA MENZOGNA COME SISTEMA, Legalità, LIBERTA', MENZOGNE, Notizie e politica, Parlamento, Politica, POLITICA E SOCIETA', Povera Italia!, PROGRESSO, Rispetto dei cittadini, RISPETTO E TUTELA DELLA COSTITUZIONE, SERIETA', SOCIETA'. Contrassegna il permalink.