LA VERGOGNA DELLA CACCIA DI FRODO NEL PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO!


    Armi e attrezzatura sequestrati da carabinieri Compagnia di Bolzano a due bracconieri nella zona di Prato allo Stelvio

     Vergognoso e criminale ciò che i Carabinieri della Compagnia di Bolzano hanno scoperto: una macelleria clandestina di animali selvatici protetti.

     Sorprendendoli in un maso di proprietà di uno dei due uomini, nei pressi di Prato allo Stelvio, hanno trovato all’interno del locale cinque ungulati e 130 Kg di carne selvatica conservata in una cella frigorifera e gli “arnesi del mestiere” fucili modificati con silenziatore e non registrati, telecamera a infrarossi, visore notturno e cannocchiali.

     Da quando il Parco Nazionale dello Stelvio è stato smembrato in in tre tronconi ad opera del “Pregiudicato” al governo in cambio dei tre voti necessari  all’ultimo suo Governo traballante allora in Parlamento, nel Parco Nazionale dello Stelvio Succedono cose vergognose tutte derivanti da altrettante DEROGHE vergognose da parte di chi governava la Provincia autonoma.

     Oltre all’indiscriminata caccia in deroga ad animali protetti, tonnellate di cemento hanno deturpato il Parco con edifici mostruosi in cemento armato  che nulla hanno a che fare con l’attività di contadini e allevatori che vivono nel parco  ma che nessuno si sogna di contestare dopo che i relativi sindaci, compreso quello di Prato allo Stelvio, che ha vergognosamente autorizzato tonnellate di cemento per la costruzione di una mastodontica costruzione contrabbandata  per FIENILE!!!

     La Procura della Repubblica di Bolzano lo sa perchè in data 30 luglio ho presentato un esposto-denuncia perchè oltre a deturpare l’ambiente il via vai delle mastodontiche betoniere su stradine, poco più di sentieri dove a stento e solo a tratti possono transitare contemporaneamente due auto di piccole dimensioni, costituivano un pericolo costante per i turisti che si spostavano all’interno del Parco.

     Sto aspettando di sapere cosa il Procuratore della Repubblica di Bolzano abbia fatto o intenderà fare!                                                                  

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in unica categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a LA VERGOGNA DELLA CACCIA DI FRODO NEL PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO!

  1. aboer65 ha detto:

    Purtroppo certa gente pensa di poter fare ciò che vuole, magari solo perché nata e vissuta da quelle parti e quindi convinta di essere la legittima proprietaria di quegli ambienti naturali. Ma la natura non appartiene a nessuno ed è giusto che chi commette questi crimini paghi! Per fortuna ci sono persone come te Osvaldo, che non mancano di denunciare questi scempi e non ne fanno passare una a questi delinquenti

  2. aboer65 ha detto:

    Purtroppo certe persone pensano di poter fare della natura ciò che vogliono solo perché sono nati e vissuti in quella zona. Ma la natura non è di nessuno ed è giusto che questi delinquenti paghino. Meno male che ci sono persone come te Osvaldo, sempre pronte a denunciare questi reati e a non farne passare una!

  3. Donatella ha detto:

    E’ terribile… ma come è possibile che le autorità non riescano ad arginare tutto ciò? 😦
    Buona giornata di Festa carissimo Osvaldo, un abbraccio ❤

I commenti sono chiusi.