PADRE DI MATTEO RENZI: BANCAROTTA SOSPETTA – INTERROGATO DAI PM – Gdf IN BANCA PER PRESTITI SENZA GARANZIA.


  TIZIANO RENZI PADRE DI MATTEO

     Il padre di Matteo Renzi, indagato per bancarotta fraudolenta, è stato sentito qualche giorno fa dai Pm di Genova sulla movimentazione della Chil Post mentre i militari della Guardia di Finanza hanno acquisito la documentazione bancaria della società relativa, soprattutto, dei prestiti ricevuti alcuni dei quali privi di garanzie, come il mutuo stipulato poco prima del fallimento con il Credito cooperativo di Pontassieve diretto da Matteo Spanò.

     Matteo Renzi, figlio di Tiziano, dal 1999 al 2004 era tra i soci, con il padre e le sorelle Matilde e Benedetta della Chil Post per poi, lasciata la società, essere assunto come DIRIGENTE poche settimane prima di essere candidato alla presidenza della Provincia di Firenze  e, una volta eletto, scaricare sui conti pubblici della Provincia e subito dopo del Comune di Firenze il versamento dei suoi contributi previdenziali e l’accantonamento del suo Tfr.

     Stando all’accusa, Tiziano Renzi prima di dichiarare il fallimento della sua società con debiti di 1 milione 300 mila euro, nel novembre del 2013 – come scrive nell’inchiesta condotta da Ferruccio Sansa e Davide Vecchi “il Fatto Quotidiano” – l’avrebbe spogliata del ramo sano cedendo i beni disponibili alla Eventi6, azienda di proprietà della moglie. Si sarebbe in questo modo realizzato, secondo gli inquirenti, il classico schema di tante altre bancarotte fraudolente.                                                                                                                            

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in unica categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.