USA-SAINT LOUSIS: UN ALTRO RAGAZZO NERO UCCISO DA UN POLIZIOTTO.


   Memorial for two police officers killed in Brooklyn

     Non se ne può più. Nell’America che viene additata come patria della civiltà dove, però, il razzismo non è mai stato vinto e dove ancora nella gran’ parte degli Stati esiste ancora la pena di morte somministrata a volte in modo crudele, anche oggi, vigilia di Natale, un poliziotto bianco, tanto per cambiare, ha ucciso un ragazzo nero di appena 18 anni.

     A questa sequela di “esecuzioni senza processo, di ragazzi, anche giovanissimi, magari 13enni, di colore, corrisponde l’immancabile ed incomprensibile dichiarazione di “NON PUNIBILITA’ da parte  dei Gran Giurì degli Stati.

          Per meglio comprendere la situazione, la vittima, uccisa sul colpo, era con la sua fidanzata che non aveva  ancora rilasciato ai giornalisti alcuna dichiarazione essendo, evidentemente, in stato di shock  ma stasera ha smentito  le dichiarazioni ufficiali secondo le quali il ragazzo fosse armato e che avesse puntato una pistola contro il poliziotto.

         Gli inquirenti stanno cercando di stabilire la reale dinamica dei fatti attraverso la telecamera di sicurezza di cui è dotata la stazione di servizio lì vicina.

       Del resto, anche in Italia, Patria del diritto, anche se non per motivi razziali, alcuni morti si sono verificati tra alcuni fermati dalle forze di polizia e la Magistratura ha fatto e continua a fare fatica a stabilire la verità dei fatti e le eventualità penali.

     Evidentemente essere patria della civiltà e del diritto sono soltanto due etichette appiccicate prive di valore reale.                                    

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Polizia violenta, Razzismo. Contrassegna il permalink.