NAPOLI: DRAMMA DELL’INCIVILTA’ TUTTA ITALIANA – AUTO IN DOPPIA FILA BLOCCANO AMBULANZA E L’UOMO A BORDO MUORE!


      NAPOLI-ambulanza-bloccata-DA-AUTO IN DOPPIA FILA

     A Napoli, domenica sera verso le 22,30, a causa dell’inciviltà tutta italiana, si è consumato il dramma di un uomo morto sull’ambulanza bloccata da alcune auto in doppia fila.

     L’ambulanza a sirene spiegate correva veloce verso l’ospedale ma alcuni incivili avevano parcheggiato le loro auto in doppia fila costringendola a fermarsi . Quando riuscirà a passare, per l’uomo colto da malore è troppo tardi. In ospedale possono solo constatarne la morte!  

    Altro che multa per sosta in doppia fila. Qui ci troviamo in presenza di un omicidio quanto meno colposo con tutte le aggravanti del danno eventuale previsto!

     Sia chiaro che non è solo a Napoli che può succedere un fatto del genere; potrebbe essere successo a Roma o a Napoli, a Bolzano o a Palermo perchè l’arroganza degli incivili che posteggiano le loro auto in doppia o tripla fila è all’ordine del giorno in molte città ed anche piccoli centri in Bergamasca!

     Bisognerà proprio che sia inserito nel CODICE PENALE un reato specifico, quello di OMICIDIO STRADALE che contempli tutte le fattispecie, dall’ubriaco che guida a folle velocità, alla guida contromano,alla soste in doppia o tripla fila , a chi non dà la precedenza ai pedoni che attraversano sulle strisce pedonali.

     Speriamo che stanotte altri incivili oltre ai botti, succede anche a questo, non sparino anche con pistole e fucili sicuri di non essere scoperti!!!                                                                                                             

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in INCIVILTA', unica categoria. Contrassegna il permalink.