MESSAGGIO PER I 266 LETTORI DI QUESTO BLOG.


anatre_in_volo 

     STAMANI HO SCRITTO A MARGINE DEL POST “””AL CONSIGLIO COMUNALE DI MALLES VENOSTA MOLTI AMICI DEI PESTICIDI E TROPPI NEMICI DELL’AMBIENTE, DELLA SALUTE DEI CITTADINI E DELLA DEMOCRAZIA””” IL SEGUENTE COMMENTO E NON MI PENTO AFFATTO DI AVERLO SCRITTO:

“””SONO DELUSO ED AMAREGGIATO CHE SU TANTO SQUALLORE DI POLITICI IN ERBA, TRA QUANTI HANNO LETTO IL POST L’UNICA CHE HA COMMENTATO SIA STATA UN’AMICA STRANIERA, CITTADINA DELLA REPUBBLICA CECA, FORSE L’UNICA CHE SA ANCORA APPREZZARE IL VALORE DELLA DEMOCRAZIA SOLO IN PARTE RICONQUISTATA!!! ECCO PERCHE’ GLI ASPIRANTI DITTATORI ED I FASCISTI DI RITORNO TROVANO TERRENO FACILE A GOVERNARE L’ITALIA CHE DIMOSTRA DI NON MERITARE LA DEMOCRAZIA CHE CI HA REGALATO LA RESISTENZA ED I SUOI MORTI. DEDICATanatre_in_voloO AI 266 LETTORI DI QUESTO BLOG CHE DUE MESI FA ERANO STATI RIDOTTI A 56. OPERAZIONE DA RIPETERE: L’AFFOLLAMENTO NUOCE ALLA DEMOCRAZIA!”””.

Pertanto informo la “platea” che per i 4/5 di loro, con riflessione e ponderazione, questa potrà essere l’ultima lettura di un mio post. E’ già avvenuto in passato e continuerà ad avvenire perchè questo non è un diario intimistico e nemmeno uno spettacolo leggero e rilassante, soprattutto quando si affrontano temi che, a giudizio di chi scrive, sono seri e dovrebbero interessare la maggior parte di noi. Chi non ha gli stessi interessi si trovi altri interlocutori ed altri spettacoli più divertenti. Nei miei blog difficilmente troverete cose su cui ridere, salvo eccezioni.

     Buona serata, comunque a tutti. 

    Se qualcuno vuole aiutarmi, per cortesia si cancelli spontaneamente e mi cancelli dai propri interlocutori sapendo che NON SOFFRO DI SOLITUDINE e non aspiro a diventare simpatico a qualcuno!

     coniglio nero in campo nero

                    

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in nessuna categorias, NO AI PESTICIDI CHE PROVOCANO IL CANCRO e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

18 risposte a MESSAGGIO PER I 266 LETTORI DI QUESTO BLOG.

  1. chezliza ha detto:

    :chiedo scusa x l’assenzaOsv ma avendo problemi di linea entro poco e molte cose mi sfuggono…se devo autoeliminarmi lo faccio..
    ma mi spiacerebbe molto i tuo articoli visto che la maggiorparte rispecchiano la mia opinione.Liza

  2. annapos ha detto:

    Jsme jedné krve, ty i já. A máme stejný problém, lidskou lhostejnost !

    • cordialdo ha detto:

      Ciao, Anna. Mi fa molto piacere sapere che noi due siamo siamo fratelli di sangue. mi spiace, però, che abbiamo anche gli stessi problemi, le stesse incomprensioni. Ce ne faremo una ragione. Io, intanto, da 266 ho ridotto a 51 i miei lettori!
      Ciao, buona serata ed un abbraccio fraterno. Osv.

  3. gageier ha detto:

    Hallo Cordialdo einen schönen Mittwoch mit ganz vielen Grüßen Klaus

  4. quarchedundepegi ha detto:

    Ti conosco da poco ed ho letto qualcosa di te. Non lessi quanto menzioni.
    Penso sia sbagliato amareggiarsi troppo di fronte all’apatia degli italiani. Non hai letto il mio ultimo articolo e non credo tu voglia pensare che ai pazienti italiani piaccia stare giorni e giorni su una barella di un pronto soccorso. Forse, se succede, non è solo colpa dell’apatia ma di una “stanchezza decennale” dovuta all’incapacità (o volontà) dei nostri Governanti di snellire la Burocrazia.
    Bisogna insistere… ed io lo sto facendo.
    Buona giornata.
    Quarc

    • cordialdo ha detto:

      Ciao, Quarc. Chi attende per ore o giorni al pronto soccorso non è responsabile dei disservizi. Le responsabilità sono altrove e sono politiche. Ma i politici, prima delle legge porcata, se li sceglievano i cittadini esprimendo le loro preferenze ma le cose non funzionavano certo meglio. E’ iul qualunquismo italico che pesa come un macigno, l’indifferenza, l’inciviltà di credere che ciò che è pubblico sia di nessuno che determina le maggiori distorsioni e fornisce l’alibi al “cazzaro” di turno di fare e disfare ciò che vuole e di farlo, tra l’altro, con arroganza, affamando il popolo e fornendo privilegi alla casta alla quale appartiene. La libertà e la democrazia non si conquista una volta per sempre. C’è sempre qualcuno che tenta di toglierla al popolo per proprio vantaggio. I Cittadini devono partecipare e vigilare per evitare che ciò avvenga. Ecco perchè quando ciò non c’è, sono i più anziani, come te e me, che s’incazzano di fronte all’indifferenza sociale che diventa complicità.
      Ciao, buona giornata.
      Osv.

  5. kalosf ha detto:

    Poiche potrebbe essere l’ultima volta che leggi un mio commento se deciderai di tagliarmi… Bè grazie per i tuoi post.

    • cordialdo ha detto:

      Il tuo messaggio l’ho ritenuto un personale segno di stima e ti ringrazio con la considerazione che devo a chi, come te, ama la bellezza e la sa trovare soprattutto nella natura. Non potrei privarmi mai della tua presenza. Ciao, continua a guardare e ad indicarci le cose belle. Le schifezze le indico già io con scarsi risultati sugli indifferenti che diventano complici incoscienti del “cazzaro” di turno.

      • kalosf ha detto:

        …vedi Aldo, sono convinto che in fondo c’è nel nostro popolo (ma forse in tutti quelli che condividono l’area mediterranea, probabilmente per motivi storici), il bisogno di un leader che abbia tra i suoi piedi il bastone del comando (o almeno dia l’impressione di averlo). Un bastone popolare, caciaroso, allegrone, che faccia quasi dimenticare che in realtà il suo ruolo è quello di governare uno stato. Per fare un esempio estremo, l’uomo mussolini, la sua umanità (famiglia, erotismo, ecc…) erano al centro dell’immaginario del popolo italiano. Solo più tardi la mascella si indurì nelle foto dell’uomo e rimase il comandante… Ecco. Ciò che desidero dire è che in fondo il bisogno è ancora quello di un “duce”, ma il volto che si vuole è quello del “vicino”. Così da poter ammirarlo ma quando è il momento giusto, abbandonarlo. Strano popolo gli italiani…

        • cordialdo ha detto:

          L’ho detto e scritto tante volte e lo ripeto. Quello italiano non è mai stato “popolo” e mai lo diventerà proprio per le caratteristiche da te descritte. Noi Italiani siamo solo un INSIEME DI INDIVIDUI che per caso abitiamo nello stesso territorio e parliamo pressappoco la stessa lingua ma spesso senza capirci.
          Mi sembra un ritratto molto più verosimile. Io il fascismo di Mussolini l’ho vissuto da ragazzo e ne ho patito i danni attraverso le vicende paterne e non sopporto più il pressappochismo del NON popolo italiano che ha combattuto due guerre mondiali incominciando entrambi con alcuni alleati e finendole, entrambe, con altri. NON sopporto più i voltagabbana e gli approfittatori alla Renzi che non è altro che un Berlusconi più giovane e meno intelligente, politicamente parlando.
          A me sembrerebbe che, un dibattito, un commento come questi, tuo e mio,sarebbe veramente un modo intelligente di dibattere e molto più produttivo sotto il profilo formativo, anche in modo dialettico, piuttosto che, spesso SENZA LEGGERE, cliccare su “mi piace” che non riesco ad abolire definitivamente ed a volte mi dimentico di cancellare. Spero di sbagliarmi, ma ho brutte previsioni sul futuro dell’Italia.

          • kalosf ha detto:

            …Non credo tu stia sbagliando, sul futuro…

          • cordialdo ha detto:

            Spero di non esserci più quando dovesse succedere ciò che temo. D’ora in avanti toccherà a voi giovani assumervi la responsabilità di fare i “grilli parlanti” comwe abbiamo fatto e stiamo facendo ancora noi anziani con le nostre “prediche inutili” come le definiva le sue il nostro primo grande Presidente della Repubblica ELETTO all’avvento della Repubblica Italiana,il piemontese Einaudi. Ciao e buona giornata.

            • quarchedundepegi ha detto:

              Entro nella discussione con la presunzione dell’ottimismo… anche se, dalle piccole cose si dovrebbe capire quale sarà l’andazzo. Il funzionamento della Sanità e delle poste… peggiorano.
              E allora divento pessimista.
              Penso però che si potrà arrivare a qualche giovane benpensante… e far fare il passaparola.
              Quarc

I commenti sono chiusi.