ESCURSIONE 2015 AL RIFUGIO MADRICCIO QUOTA 2.820m.


       La giornata di ieri, mercoledì, è iniziata molto presto per me e per Spillo. Avevamo, infatti, appuntamento con due coppie di  nostri amici,Carlotta e Giò, sardi, Emanuela e Luciano, veronesi, perchè avevamo fissato da due giorni prima la nostra destinazione odierna.

     Avevamo controllato le condizioni meteo e sapevamo che in serata nella nostra zona ci sarebbe stato un temporale più sostenuto dai soliti serali di calore.

     Alle 8,40 eravamo già in Solda da dove avremmo usato la funivia per superare il primo tratto di quota.

      La giornata era calda e soleggiata. Faceva eccezione solamente S.M. l’Ortles che per tutto il giorno non si è mai fatto vedere!

        Alle 10,30 eravamo già a destinazione per la gioia dei nostri quattro amici che non avevano mai affettuato un’escursione con destinazione una quota così elevata.

      Mentre noi chiacchieravamo, fotografavamo, in Alta Val Venosta, posto distante da dove trascorriamo le nostra vacanze, nella laterale Valle Lunga, nei pressi del Rifugio Pio XI, quota 2.542, si consumava la prima tragedia della giornata.

     Un improvviso temporale, ricco di tuoni e fulmini -pericolosissimi in alta montagna – aveva sorpreso due escursionisti su un sentieri dove non era possibile alcun riparo. Il fulmine colpiva inesorabilmente la coppia uccidendo il marito, 53 anni, mentre la moglie è stata solamente sfiorata dalla scarica elettrica ad alto potenziale ed è stata ricoverata con lievi ferite all’ospedale di Silandro, il più vicino.

     Solo a sera, verso le 18, quando siamo rientrati dalla nostra escursione, abbiamo appreso che alla prima tragedia  verificatasi dalle nostre parti già nella tarda mattinata, se ne era aggiunta un’altra nel pomeriggio, con un altro morto per fulmine, in una valle più lontana, sul Catinaccio, sulla Roda di Vael, quota, 2.800 m, la stessa altitudine dove eravamo stati noi per tutto il giorno ignari di quanto stava succedendo altrove anche se mentre, eravamo seduti ancora a pranzo, improvvisamente erano arrivate delle folate di vento gelido durate non più di 5 minuti che ci avevano costretto ad indossare indumenti più caldi per proteggerci.

     Solo verso le 21, il temporale, fortissimo, con tuoni e fulmini e pioggia scrosciante, è arrivato anche nella nostra zona e si è esaurito nel giro di poco più di un’ora ma il nostro gruppo era al riparo nelle proprie residenze.

     Oggi, abbiamo nuovamente cielo sereno e sole ma, è previsto qualche temporale pomeridiano.

       Ecco alcune immagini della nostra escursione:HPIM3311

                                 Il laghetto a forma di “cuore” dietro il Rifugio.

HPIM3313

                                           Il Gruppo dell’Ortles – Cevedale

HPIM3314

                  Siamo stati tra i primi ad arrivarae- il nostro gruppo al primo tavolo a Ds

HPIM3315

                Ibidem- di spalle da ds Carlotta e Giò – di fronte Manuela e Luciano HPIM3316                                                                    Ibidem

HPIM3317

                                     Panoramica verso Nord.est e la Val Martello

     Ma la cima dell’Ortles è rimasta sempre nascosta dalle nuvole! Ci tornerò anche per salutare Sep che ieri era di riposo e lo sarà tutti i mercolerdì. Da ricordare!

                                                         

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Escursioni in alta quota, unica categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a ESCURSIONE 2015 AL RIFUGIO MADRICCIO QUOTA 2.820m.

  1. semprecarla ha detto:

    I tuoi racconti, nel bene e nel male, mi rapiscono e gli scatti mi danno modo di dar colore alla immaginazione. La montagna, in tutta la sua bellezza, mi spaventa, come il mare aperto, del resto. Amo seguire le persone come te, nutrirmi della loro generositá …. Un abbraccio 😘

I commenti sono chiusi.