E’ MORTO LO SCRITTORE SEBASTIANO VASSALLI.


    Sebastiano Vassalli

     Nell’ospedale di Casale Monferrato dove era stato ricoverato per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute, la notte scorsa è morto, all’età di 73 anni, Sebastiano Vassalli, uno dei più grandi scrittori contemporanei, vincitore dei maggiori premi letterari tra cui lo Strega ed il Campiello.

           Era nato a Genova ma trascorse quasi tutta la sua esistenza a Novara dove ci siamo conosciuti e diventati amici e dove entrambi insegnavamo prima che lui abbandonasse l’insegnamento al Liceo Artistico della citta dopo una delle tante pseudo riforme della scuola ad opera di politici spesso ignoranti, come gli attuali, passando sulla testa degli insegnanti e degli studenti, cervelloticamente, intervenendo e continuando ad intervenire con provvedimenti penalizzanti la scuola pubblica statale e favorendo quella privata, prevalentemente confessionale!

        Dopo avere abbandonato l’insegnamento, più che in città, dove viveva comunque la sua Famiglia, in una viuzza del centro storico a ridosso della Basilica di San Gaudenzio e della Mole Antonelliana, Sebastiano Vassalli si era ritirato nella campagna circostante la città, tra le risaie di Biandrate, come un monaco laico in una specie di “castello” da dove imboccò con successo la strada della letteratura.

      Il suo primo, grandissimo successo che lo fece conoscere ad un vasto pubblico fu “La Chimera” del 1990, romanzo storico ambientato nel 1628 nel quale narrò di un processo vero ad una strega con le modalità descritte nella Milano dei Promessi Sposi.

     Oltre a “La Chimera”, molto noti e di notevole successo,La Notte della Cometa, la biografia-romamzo di Dino Campagna, Marta e Mattio, Cuore di Pietra, Un numero infinito.

     Pochissimi mesi fa, a maggio, aveva ricevuto dall’Accademia del Nobel la candidatura al premio 2015 per la Letteratura. Spero gli sia assegnato anche se, purtroppo, alla memoria!

     Si era occupato anche come inviato speciale di “l’Espresso” dei fatti di cronaca che caratterizzavano in quel tempo l’Alto Adige e sulle stesse vicende  scrisse almeno due opere, con un’analisi stringente ed analatica delle difficoltà dei rapporti, dopo il 1919, tra i cittadini di lingua italiana e quelli di lingua tedesca e sull’opera deleteria del Fascismo sugli abitanti dell’Alto Adige, dando alla fine, ai fatti storici narrati una soluzione possibile ed equa in chiave europea molto apprezzata sia a livello politico che sociale tra coloro che non si nutrono ancora di odio anti italiano, in questa provincia dove, finalmente, le due componenti convivono e collaborano con prospettive di rapporti decentemente civili per il futuro, incominciando dalle cose più semplici, i rapporti tra il CAI e l’AVS (alpenverein sudtirol) che da subito si occuperanno insieme dell’affidamento dei Rifugi alpini e della loro gestione, della manutenzione e gestione dei sentieri alpini e della segnaletica degli stessi.Cose che possono sembrare minimali ma che, in passato, hanno scatenato liti furibonde specialmente quando si sono intromessi i politici, soprattutto quelli italiani.

     Esprimemdo alla famiglia le più sentite condoglianze, mi congedo dal collega ed amico Sebastiano Vassalli.  

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in E' morto Sebastiano Vassalli candidato al Nobel 2015 per la Letteratura. e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a E’ MORTO LO SCRITTORE SEBASTIANO VASSALLI.

  1. popof1955 ha detto:

    Quando ho sentito la notizia ho pensato a te dicendo tra me e me che di sicuro l’avevi conosciuto da vicino.

    • cordialdo ha detto:

      I nostri edifici scolastici erano uno di fronte all’altro e lui era anche iscritto al sindacato scuola CGIL di cui io ero segretario provinciale. L’ultima volta ci siamo visti alla fiera del libro di Torino di una decina di anni fa.

I commenti sono chiusi.