RIFORMA DEL PROCESSO PENALE: GRATTERI DICE “””QUESTO PARLAMENTO SEMBRA UN LAVANDINO OTTURATO”””!


         nicola-gratteri-640

     Ricordate? Nicola Gratteri, Procuratore aggiunto di Reggio Calabria, è colui che Renzi disse fosse nell’elenco dei componenti il suo governo come Ministro di Grazia e Giustizia il cui nome, però, sarebbe stato d’imperio depennato da Giorgio Napolitano, leggemmo dopo, con motivazione farlocca e menzognera.

      Questo fu ciò che affermò Renzi ma potrebbe essere anche una delle sue tante bugie, delle sue tante fandonie, delle sue tante balle altrimenti non si riuscirebbe a comprendere l’affermazione lapidaria di Nicola Gratteri a proposito della riforma del processo penale LA CUI RESPONSABILITA’, FORMALMENTE E’ DEL PARLAMENTO-LAVANDINO OTTURATO CHE, DI FATTO NON CONTA NULLA COME SA BENISSIMO GRATTERI, MA SOSTANZIALMENTE E’ DEL GOVERNO O, MEGLIO, DI MATTEO RENZI CHE, IMPOSSESSATOSI DEL GOVERNO CON UN COLPO DI MANO, COMPLICE NAPOLITANO, HA ACCENTRATO IN SE’ TUTTI E TRE I POTERI DELLO STATO, LEGISLATIVO, ESECUTIVO E GIUDIZIARIO, TRASFORMANDO IL PAESE LEGALE NON IN UN LAVANDINO OTTURATO, COME EDUCATAMENTE DICE GRATTERI, MA IN UNA FOGNA OTTURATA E MALEODORANTE IL CUI FETORE SI SPANDE DALLA PIU’ LONTANA ZONA DELLA SICILIA SINO ALL’ULTIMO LEMBO DELLA PROVINCIA DI BOLZANO con effetti devastanti per le ISTITUZIONI e per la DEMOCRAZIA PARLAMENTARE E COSTITUZIONALE e per la DEMOCRAZIA TOUT COURT!

     Gratteri, infatti, nell’intervista concessa  a Beatrice Borromeo e pubblicata su “il Fatto Quotidiano” di ieri col titolo “””QUESTA LEGGE BAVAGLIO E’ UN REGALO AI CRIMINALI”””  non riesce a considerare una cosa seria questa riforma del processo penale le cui magagne, ben nascoste, di fatto, rendono “””impossibile le indagini di mafia”””.

     Sarà un caso di ignoranza, di sciatteria o di connivenza? Del resto le sue riforme erano state concordate con un “PREGIUDICATO” che considerava alcuni condannati per mafia, alcuni che frequentavano la sua casa, degli EROI  e, quando era presidente del consiglio, uno dei suoi ministri, aveva pubblicamente teorizzato che CON LA MAFIA BISOGNA IMPARARE A CONVIVERE e molti dei successori lo presero in parola e ci vivono benissimo e continuano a far parte dei governi e delle istituzioni.

     Dice, infatti, Gratteri: “””NOI  SPRONIAMO CONTINUAMENTE I CITTADINI A COLLABORARE CON LO STATO NELLA LOTTA ALLE MAFIE, CHIEDIAMO CHE DENUNCINO, CHE NON SIANO OMERTOSI. E’ DAVVERO MOLTO GRAVE LANCIARE IL MESSAGGIO CHE LO STATO ADESSO VUOLE L’OPPOSTO, OPPURE PUNIRE L’IMPRENDITORE CHE HA LA PRONTEZZA DI REGISTRARE COL CELLULARE CHI LO MINACCIA O GLI CHIEDE IL PIZZO. ANCHE PERCHE’ GLI AVVERTIMENTIAVVENGONO UNA VOLTA SOLO, POI ARRIVANO LE BOMBE. NON POSSIAMO PERMETTERE CONTRADDIZIONI COSI’ EVIDENTI E ABBIAMO  DAVVERO BISOGNO DELL’AIUTO DELLA GENTE NELLA RACCOLTA DELLA PROVA”””.

     Quanto alla “Norma Pagano” che costringe a chiedere in modo tassativo il rinvio a giudizio o l’archiviazione entro 3 mesi, Gratteri dice chiaramente “””SPERO CHE QUESTA SIA UNA SCIOCCHEZZA. FACCIO FATICA A CREDERE CHE SIA UNA PROPOSTA SERIA.ABBIAMO BISOGNO DI NORME CHE SEMPLIFICANO, NON DI GHIGLIOTTINE CHE CI IMPEDISCANO DI TROVARE LE PROVE”””.

     Già, le “ghigliottine” tanto care a Renzi che è riuscito ad ottenere dalla complicità dei presidenti delle Camere per impedire al Parlamento persino di leggere il testo scritto dei decreti legge da approvare! Discutere, analizzare, proporre modifiche, per Renzi è pura perdita di tempo! UNA VERA DITTATURA!!!

     Non possiamo, tra l’altro, dimenticare che l’emendamento Pagano (Ncd) prevede carcere da 6 mesi a 4 anni per chi filma o registra di nascosto un’altra persona. Cosa che avviene in alcune trasmissioni come “Le Iene” e “Report”, quest’ultimo molto più fastidioso perchè scopre altarini ben coperti!

     Non possiamo nemmeno tacere che tutto ciò avviene frettolosamente a ridosso del Caso Crocetta in Sicilia e, molto più a fagiolo, dopo la pubblicazione da “il Fatto Quotidiano” delle intercettazioni tra Renzi ed Adinolfi su Letta e dello stesso generale della Guardia di Finanza con Nardella su Napolitano e figlio.

     Eppure ci sono grandi giornali e sedicenti grandi giornalisti che sono succubi o complici di questa “dittatura” strisciante!!!

     Ed il livello della fogna sale ed il fetore aumenta!!!                                                                                                       

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in UN REGALO AI BOSS DELLE MAFIE, unica categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.