STRAGE DI BOLOGNA: DOPO 35 ANNI DI SILENZI, DEPISTAGGI E SEGRETI DI STATO, ANCORA UNA VOLTA IL CAPO GOVERNO DEI QUACQUARAQUA’ SARA’ ASSENTE PER PAURA DEI FISCHI!!!


   

Strage stazione di Bologna 6

       Bologna e noi con la città e quei cittadinicontinueremo a non dimenticare gli 85 morti ed i 203 feriti di quella strage.

Strage stazione di Bologna 4

     Ma non dimenticheremo nemmeno che quell’eccidio, quella carneficinaha causato anche una ferita gravissima alla DEMOCRAZIA italiana e che questa ferita non è stata ancora rimarginata a causa dei silenzi, dei depistaggi, dei segreti di Stato urtilizzati vergognosamente dai Governi quacquaraquà che si sono succeduti per proteggere i mandanti, i veri responsabili, di quel gravissimo atto terroristico alla nostra Storia e alla nostra Repubblica.

Strage stazione di Bologna 3

       Scoperti e condannati gli esecutori di quell’atto rivendicato dagli stessi fascisti,

Strage stazione di Bologna 1

     coperti e protetti gli altri fascisti, i mandanti di quell’atto vile che si annidano ancora all’interno delle nostre Istituzioni e, senza vergogna e senza mandato hanno l’ardire di dichiarare, arrogantemente e da ignoranti, con buona pace della loro laurea in giurisprudenza, confondendo il Pm con il Gip, giudice terzo, la cui ordinanza è già stata vagliata e confermata da altri TRE giudici del RIESAME e di altra sede del Pm, “””NON SIAMO PASSACARTE DEL PM”””  omettendo di aggiungere, SIAMO I PROTETTORI DI UN INDAGATO SOTTO INCHIESTA PER BANCAROTTA FRAUDOLENTA DA MEZZO MILIARDO, che temendo i fischi domani non saremo presenti a Bologna. 

       Toccherà quindi, al presidente del  Senato, Pietro Grasso, metterci la faccia domani a Bologna e magari prendersi i fischi diretti al Governo che protegge i delinquenti di qualsiasi risma, anche gli stragisti.

          35 anni fa, subito dopo la strage, Sandro Pertini era a Bologna accanto al Sindaco ed ai cittadini colpiti nelle loro carni e nei loro affetti, negli ospedali accanto ai feriti, ai mutilati ed alle famiglie delle vittime

Strage stazione di Bologna - Pertini arrivò 5

      Avevo sperato che, domani, ci fosse anche Sergio Mattarella!

           

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in NO AI FASCISTI DI IERI E DI OGGI!, unica categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.