SUI DATI ISTAT C’E’ POCO DA ESULTARE!


  

Italian Prime Minister Matteo Renzi delivers a speech at the Senior School of Italian Police, Rome, 17 March 2015. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

        Il nostro capo dei “pataccari parolai” è andato persino a New York ad esaltare i taroccati, miracolosi effetti  del Jobs Act (ancora una volta gli dico che sarebbe oltremodo utile si esprimesse nella lingua materna!) e le immagini dell’Assemblea generale dell’ONU hanno fatto vedere quanto interesse abbiano destato negli astanti!

        L’esattezza degli effetti reali della sua controriforma sul lavoro, dalla cancellazione dell’aert.18 con relativo diritto dei “padroni” di licenziare i lavoratori a loro piacimento,  era stata già documentata dallo staff di Diacona a “PRESA DIRETTA” due domeniche fa ed era emerso come il dato dell’occupazione che risulterebbe in crescita, oltre che misero, in effetti sia “drogato” e dipende dagli sgravi garantiti ai padroni per le assunzioni stabili (8 mila euro l’anno per tre anni per ogni posto) indipendentemente che si tratti di posti di lavoro nuovi o, come sta succedendo, di trasformazione di precariato in posti stabili con variazione infinitesimale e creazione ridotta di altri precari  al loro post e che il governo aveva promesso di debellare.

           A conferma del “fuoco di paglia per il quale sono già stati spesi 11,7 miliardi e per il 2015 ne mancano altri 3, ci ha pensato subito l’UE raffreddando le nuove promesse (“””Basta imu sulla 1^ casa!””” ) ricordando al fanfarone che  “””TOGLIERE LE TASSE NON FA CRESCERE L’ECONOMIA””” fa crescere solo il debito pubblico che, con l’attuale governo galoppa a ritmo vertiginoso.

           Il dato dell’UE, del resto è stato ripreso e confermato immediatamente dalla Corte dei Conti e dai “Tecnici” delle Camere (Gufi anche loro!) i quali hanno affermato che i numeri, taroccati, di Padoan “NON TORNANO” e che le mine vaganti dell’aumento dell’IVA e delle accise sui carburanti – norme di salvaguardia – sono state disinnescate solo per il 2016.

             E’ vero, invece,  che l’analisi di tutti i dati sul lavoro fa emergerne uno inquietante sulla percezione della ripresa in atto basata sul microscopico aumento dei consumi  e sulla presenza di intere famiglie nei Centri Commerciali nei giorni festivi. Spesso è il solo modo di svagarsi, stare insieme e mangiarsi forse un gelato.

            Quindi ieri sera Renzi dal palcoscenico del TG3 dove avrebbe dovuto limitarsi a smentire  ma lo ha fatto solo parzialmente!) l’attacco alle Reti Rai ed al TG3, ha perso una buona occasione per evitare di gioire di dati che conosce o dovrebbe conoscere invece di sparare numeri a casaccio. C’è poco o nulla di cui gioire o per suonare la grancassa.

       Forse avrebbe fatto meglio a preoccuparsi, ricordandolo, che la disoccupazione giovanile è arrivata al 40,7% e offrendo anche al cardinale Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale, l’occasione per rammentargli che “””LE INFORMAZIONI E I DATI SI RINCORRONO E NON DI RADO SI CONTRADDICONO. CIO’ NON GIOVA A RESTITUIRE FIDUCIA. E’ SOPRATTUTTO L’ECONOMIA REALE CHE DEVE FORNIRE DATI CERTI E CONCRETI!”””.

                                                                   

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, CAFONAGGINE, Cronaca, DEMOCRAZIA E LIBERTA', EQUITA', iL FUTURO ASFITTICO CHE UCCIDE LA DEMOCRAZIA, INAMMISSIBILI METODI RITORSIVI, LA MENZOGNA COME SISTEMA, MENZOGNE, millantato credito, Povera Italia!, Rispetto dei cittadini, Rispetto della lingua italiana, rispetto della salute dei cittadini, RISPETTO E TUTELA DELLA COSTITUZIONE, SUL LAVORO DIFFUSI DAL GOVERNO DATI TAROCCATI. Contrassegna il permalink.

4 risposte a SUI DATI ISTAT C’E’ POCO DA ESULTARE!

  1. popof1955 ha detto:

    A giorni (30 per essere esatti) verrà fuori il dato corretto con i disoccupati del dopo expò, diranno che è un dato stagionale come se expò fosse un elemento strutturale.

    • cordialdo ha detto:

      ma siamo solo tu ed io che ci rendiamo conto che ci prendono per i fondelli o tutti gli altri Italiani se le bevono come se fossero rosolio? Ciao, Paolo. Buona notte.

      • popof1955 ha detto:

        Il segreto è che la maggior parte della gente preferisce leggere le previsioni del tempo piuttosto che aprire la finestra e vedere se piove. Renzi risponde bene al folle bisogno di ottimismo di una società articolata in dove ognuno si accontenta del piccolo ruolo anonimo che interpreta sperando di trarne il maggior vantaggio possibile o il minor danno probabile.

I commenti sono chiusi.