NON SOLO GIUSTIZIA A DUE VELOCITA’, ANCHE CORRETTEZZA POLITICA E MORALE PER IL “CAZZARO RIPULITO ALL’INGRASSO”!


Renzi-sembra un porcellino messo all'ingrasso

 

     Continua a fare il “commesso viaggiatore” per conto delle industrie e degli industriali per i quali lavora; si è ripulito, non si veste più, fuori tempo, alla Fonzie; dopo avere occupato indegnamente Palazzo Chigi usa vestiti di “sartoria” di qualità e qualcuno gli ha insegnato allacciarsi il paltoncino senza saltare un bottone  o  le asole facendo la figura di chi lo abbia indossato per la prima volta nella sua vita.                                                                   

     L’unica cosa che non ha ancora imparato è quella di rispettare le regole del vivere civile, rispettare il Parlamento compresi gli oppositori del suo stesso, si fa per dire, partito, rispettare il Consiglio comunale quando era Sindaco di Firenze, compresi gli oppositori degli altri gruppi (il suo era stato ben selezionato o in sacrestia o nei raduni  dei Boy Scout) e presentare le fatture dettagliate di quanto ha mangiato e con chi  considerato che il costo di un pasto non può corrispondere a quello consumato da una sola persona.

     Mentre il nostro, anzi vostro o loro, sicuramente non mio, arrogante parolaio ha costretto l’ex sindaco di Roma Marino  non solo a dimettersi ma addirittura ad essere iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma, non qualcuno ma Renzi dovrebbe spiegarci come mai sia lui che  l’ex suo vice, oggi nuovo sindaco di Firenze, alle pressanti richieste dei gruppi consiliari di opposizione, qualcuno addirittura per ben 4 volte,  di poter prendere visione, di avere accesso alla documentazione relativa alle spese di rappresentanza sostenute da Matteo Renzi  quando era sindaco di Firenze e dal suo successore, Dario Nardella, con motivazioni speciose ed assurde sino a ieri abbiano ricevuto un rifiuto, come se del denaro pubblico i sindaci e gli ex sindaci di Firenze non siano tenuti, non si sa in virtù di quale legge, a rendere conto ai consiglieri d’opposizione ed ai cittadini della Città.

     E non è un caso che proprio ieri il capogruppo di Sel in Consiglio comunale a Firenze, sia stato costretto ad occupare per 25 ore Palazzo Vecchio costretto poi ad uscire dal palazzo comunale sia perchè denunciato per occupazione e abusiva, come se la sede del Comune fosse di proprietà del sindaco o dell’ex sindaco e della maggioranza e non dei rappresentanti di tutti i cittadini elettori, prevalentemente dei consiglieri di opposizione a guardia degli interessi di TUTTI  i cittadini di Firenze.

     Anche la Procura di Firenze forse dovrebbe dirci come mai le stesse procedure aperte per Marino a Roma, l’iscrizione nel registro degli indagati, non venga applicata, per la stessa ipotesi di eventuale reato, a Firenze nei confronti di un ex sindaco e dell’attuale sindaco di Firenze.

      O si deve pensare che nella “Repubblica del Giglio” ci sia un codice penale diverso da quello vigente a Roma Capitale?

     L’arroganza  degli eredi politici dell’ex sindaco Renzi è arrivata al punto di CHIUDERE l’occupante all’interno del “Palazzo Civico” isolandolo in una stanza privandolo anche dell’uso del servizio igienico. Il metodo “Capo’” ha costretto il consigliere che reclamava un suo diritto, il “libero accesso alla documentazione delle spese di rappresentanza sostenute dall’ex e dal sindaco in carica” mentre i Vigili urbani (si fa per dire!) impedivano l’accesso a chiunque lasciando il povero Tommaso Grassi senza nemmeno un goccio d’acqua da bere per ben 25 ore. Per tanto tempo ha resistito al ricatto di tipo nazista! 

     Per il  “Boy Scout di Rignano sull’Arno”, sembrerebbe VALGANO DUE PESI E DUE MISURE!!! 

                                                                                                                                                                      

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in E' GIA' REGIME?, IMPUNITA', Legalità, MORALE AD ASSETTO VARIABILE, NELL'ERA RENZIANA PUO' SUCCEDERE DI TUTTO!, POLITICA E SOCIETA', ROMA E FIRENZE: DUE PESI E DUE MISURE, soldi pubblici e vizi privati. Contrassegna il permalink.

2 risposte a NON SOLO GIUSTIZIA A DUE VELOCITA’, ANCHE CORRETTEZZA POLITICA E MORALE PER IL “CAZZARO RIPULITO ALL’INGRASSO”!

  1. unpodimondo ha detto:

    In aggiunta alla notizia: quando è uscito da Palazzo Vecchio Tommaso Grassi è stato intervistato, proprio sugli scontrini di Renzi, dalla trasmissione “Le iene”. Purtroppo l’intervista che, doveva andare in onda il 9 Novembre, non è mai stata trasmessa…

I commenti sono chiusi.