GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE.


      SPECIALE ANSA PER LA GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE-W37a51152098b574054a89c33426970b4

     Questa è la foto-simbolo con la quale l’ANSA  oggi ha pubblicato un eccellente SPECIALE sulla “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”!

          La ricorrenza CHE NON E’ UNA FESTA perchè ricorda un lontano  delitto avvenuto nel 1960 nella Repubblica Dominicana ai tempi della dittatura di Trjillo contro tre sorelle, oppositrice del dittatore, stuprate ed uccise come avviene anche oggi in molti Paesi del mondo, compresa “Casa nostra” l’Italia.

                 Sì, questa Giornata contro la violenza ed il femminicidio fu istituita dall’ONU con la risoluzione 54/134 del 17 dicembre 1999 e tende a farci riflettere sui meccanismi socio-politici che, ancora oggi, presiedono alle diseguaglianze nei rapporti tra uomini e donne in molti campi della vita, dalla famiglia al lavoro.

              Non è sicuramente un caso che, secondo i dati raccolti dall’ONU, il 35% delle donne nel mondo ha subito una violenza fisica o sessuale dal proprio partner, da un familiare, da un amico o da un’altra persona ed il due terzi delle vittime degli omicidi in ambito familiare sono delle donne.

             Anche in Italia, dove proprio in questa giornata una donna è stata uccisa dal marito a fucilate alla presenza della figlia di 6 anni, secondo i dati ISTAT di giugno 2015, 6 milioni 788 mila donne hanno subito nel corso della propria vita una violenza fisica o sessuale. Si tratta del 31,5% delle donne tra i 16 ed i 70 anni.

              In Italia, teoricamente, le leggi per combattere la violenza contro le donne esistono ma spesso non sono prese sul serio, vengono disapplicate non solo dalle forze dell’ordine che dovrebbero essere di primo e pronto intervento, ma anche da qualche giudice, è successo nei giorni scorsi, quando il partner violento è stato assolto perchè la denuncia da parte della donna è stata presentata molto tardi rispetto alle violenze subite in silenzio per molto tempo! Per quel giudice, la violenza ha una scadenza, come il latte o le uova delle galline pratoline!!!

     Forse in Italia, quello che manca è una diversa maturità culturale a partire da subito nelle scuole  ma anche centri di protezione reale da parte di di strutture statali e non lasciate alla gestione ed all’intervento solo del volontariato.

       Ciascuno di noi, rifletta e raddrizzi, sul piano culturale ed etico la barra del proprio operato nei rapporti ed in ogni altra istanza della vita con l’altra nostra metà del Cielo!!!                                                                                                                                       

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in L'Altra metà del nostro Cielo!. Contrassegna il permalink.

7 risposte a GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE.

  1. tramedipensieri ha detto:

    Non è per niente una festa….😔

  2. Scusami Cordialdo! In errore mi è venuta incollata tutta la pagina dell’articolo, del quale avrei voluto pubblicarne solo un pezzettino. toglila pure a tua discrezione!! Scusami ancora e grazie per il tuo importantissimo post !Fabiana Schianchi

    • cordialdo ha detto:

      Non ti preoccupare. Ritengo che sia utile lasciare il tuo commento così come è. Tranquilla, non c’è alcun problema. Ciao Osv.

      P.S.: vorrei sapere se hai ricevuto da G+ l’invito a vedere le mie foto pubblicate in internet. Ciao

  3. Giustamente è stata festeggiata con l’uccisione di una donna!PERUGIA – L’ennesimo delitto che oggi farà da ombra nera alla Giornata contro la violenza sulle donne. Riporto un pezzo del q È accaduto a Perugia, dove un uomo, Francesco Rosi, ha ucciso la moglie, Raffaella Presta, avvocato di 43 anni, originaria del brindisino. Le ha tolto la vita tra le pareti di casa, sparandole con una doppietta, un fucile da caccia, un solo colpo.

    A sparare è un agente immobiliare che si è poi costituito, chiamando lui stesso i carabinieri. Stamattina era stato visto al lavoro, tranquillo. Al momento dell’omicidio in casa c’era anche il figlio di sei anni. L’uomo – difeso dall’avvocato Luca Maori – non ha risposto nell’interrogatorio al quale è stato sottoposto in procura. È stato quindi rinchiuso nel carcere del capoluogo umbro. “Venite, è successa una cosa grave a mia moglie…” le prime parole che Rosi ha detto chiamando il 112 dopo avere sparato. L’operatore del numero di emergenza dei carabinieri lo ha però trattenuto al telefono e quindi l’uomo ha ammesso di avere ucciso la moglie.
    Perugia: uccide la moglie a colpi di fucile, poi si consegna
    Condividi
    PUBBLICITÀ

    L’omicidio è avvenuto a via Bellocchio, dietro la stazione Fontivegge, forse a causa di una lite per gelosia. I vicini hanno sentito gli spari e dato l’allarme poco prima delle quattro del pomeriggio. Sul posto sono arrivati il 118 e i carabinieri che hanno blindato la zona. Per lei non c’e stato nulla da fare, i soccorsi sono stati inutili, è morta all’istante.

    Il colonnello Cosimo Fiore, comandante provinciale dei carabinieri di Perugia, è arrivato sul luogo dell’omicidio e rispondendo ai giornalisti presenti ha parlato di “omicidio per futili motivi”. La coppia era sposata da una ventina d’anni e secondo i primi accertamenti non avrebbe avuto particolari dissidi. “Stiamo valutando la situazione ed è presto per fare qualsiasi considerazione” ha detto il difensore dell’uomo, l’avvocato Luca Maori.

    “Nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, piangiamo una giovane donna uccisa dal marito. E come volete chiamarlo se non femminicidio? Questa è una vera emergenza sociale e culturale” scrive su Facebook è la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini. “Nei prossimi giorni, d’intesa con altre istituzioni, assumerò una iniziativa pubblica per azioni concrete utili a tutelare le donne. Sono addolorata come donna e come presidente di una regione che non riesce a fermare questa odiosa strage di donne”, conclude.

    Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, piangiamo una giovane donna perugina uccisa dal marito. E...
    Posted by Catiuscia Marini on Mercoledì 25 novembre 2015
    

    Tags

    Argomenti:
    femminicidio
    Perugia
    violenza sulle donne
    omicidio
    stazione Fontivegge

    Protagonisti:

    © Riproduzione riservata
    25 novembre 2015
    by Taboola
    Guarda anche
    Ucciso in piazza Sanità il boss Pietro Esposito
    Roma, pregiudicato ucciso a colpi di pistola al Casilino
    Uccide un ladro, Sicignano con FdI: ‘La politica deve cambiare le leggi: raddoppiare le pene’
    Stock di iPhone rimasto in magazzino, valore 619€ in vendita per 40€sponsorizzato da Swoggi
    Gli hotel non vogliono svelarti questo trucco segreto per ottenere sco…Secret Escapes
    Titoli di stato ai minimi. Ecco dove investire i risparmi.sponsorizzato da MoneyFarm
    Con Repubblica+ e IBS 3 mesi di notizie a 19,99
    Top Video
    Ucciso in piazza Sanità il boss Pietro Esposito
    Roma, pregiudicato ucciso a colpi di pistola al Casilino
    Stock di iPhone rimasto in magazzino, valore 619€ in vendit…sponsorizzato da Swoggi
    Gli hotel non vogliono svelarti questo trucco segreto per ottenere …Secret Escapes
    by Taboola
    Promoted Links

    I più letti
    I più condivisi
    
    Terrorismo, misure di sicurezza rafforzate a Roma e Milano
    Addio a Valeria Solesin, tre religioni in piazza per i funerali di Stato. Risuonano inno italiano e Marsigliese. Il padre: "Giovani non si arrendano"
    "Gli attentati di Parigi minacciano anche noi". Un italiano su due è pronto a cambiare stile di vita
    Parigi, assalto al covo dei terroristi: due jihadisti morti, sette arresti. Il procuratore: "Stavano per colpire". Forse Abaaoud tra gli uccisi
    Turchia abbatte caccia russo al confine con la Siria. Putin: "Pugnalata alla schiena". Obama: "Ankara ha diritto a difendersi"
    Renzi: "Un miliardo di euro per la cultura e bonus di 500 euro per i 18enni"
    Mali, attacco jihadista a hotel di Bamako. Il presidente: "Almeno 21 morti. Tra loro due terroristi"
    Cdp: la Zecca dello Stato sarà un hotel della cinese Rosewood
    
    la Repubblica
    

    Il mio libro / e-book

    ilmiolibro
    ebook
    
    Ebook a 0,99
    Il pomodoro va rispettato
    di Alfonso Celotto
    Libri e Ebook
    Progetti europei: chi vince e chi perde
    di Matteo Lazzarini
    
    La rivoluzione del libro che ti stampi da solo. Crea il tuo libro e il tuo ebook, vendi e guadagna
    Guide alla scrittura
    Concorsi letterari e iniziative per autori e lettori
    

    ilmiolibro

  4. semprecarla ha detto:

    A nome di tutto l’universo femminile, grazie!

I commenti sono chiusi.