MERITATO RICONOSCIMENTO PER GINO STRADA FONDATORE DI EMERGENCY.


      

Foto Federico Ferramola / LaPresse 25-04-2015 Milano Politica 70° Anniversario della liberazione. Il corteo del 25 Aprile nella foto: Gino Strada Photo Federico Ferramola / LaPresse April 25-2015 Milano Politic Liberation Day. The parade in the photo: Gino Strada

          Gino Strada, il medico senza confini fondatore di Emergency ha ricevuto ieri, come ha scritto oggi “il Fatto Quotidiano”, in SVEZIA, “””a Stoccolma, il Premio Nobel alternativo dal Parlamento PER LA SUA UMANITA’ E LA SUA CAPACITA’ DI OFFRIRE ASSISTENZA MEDICA E CHIRURGICA DI ECCELLENZA ALLE VITTIME DELLA GUERRA E DELL’INGIUSTIZIA””” .

            “””Il PremioRight Livelihood è stato concepito per “onorare  e sostenere COLORO CHE OFFRONO RISPOSTE PRATICHE ED ESEMPLARI ALLE MAGGIORI SFIDE DEL NOSTRO TEMPO”.

                       Credo che Gino Strada abbia ben meritato questo premio e che sia stato contento di riceverlo per la motivazione con la quale gli è stato attribuito e per lo scopo per il quale è stato istituito.

                      Sono felice di contribuire ad Emergency con il mio 5 per mille da sempre!!! 

 

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Gino Strada Medico senza confini!. Contrassegna il permalink.