COME AL SOLITO, LA COLPA E’ SEMPRE DEGLI ALTRI!


   BANCA DITALIA

     

      Come alla scuola dell’infanzia, tra i bambini dai 3 anni in su, la “colpa” non è mai di chi ha commesso la “marachella” ma sempre del compagno vicino!

       Solo che questa volta non si tratta di una marachella ed a commetterla non è stato un bimbo di tre anni. Si tratta del capo della Vigilanza della Banca d’Italia, Carmelo Barbagallo, e l’argomento è quello di avere ridotto sul lastrico i clienti di 4 banche per “salvare” le quali i risparmi di tanta povera gente, uno dei quali si è addirittura impiccato,  sono diventati CARTA STRACCIA A VALORE ZERO!

      Nel corso di una audizione alla Camera dei deputati, il suddetto capo della Vigilanza di Bankitalia, per giustificare il buco della Vigilanza di cui è responsabile, ha cercato di mettere una “pezza” che, a mio parere, è stata peggio del buco, quando avrebbe dichiarato che “””L’INTERVENTO DEL FONDO INTERBANCARIO DI TUTELA DEI DEPOSITI NEL SALVATAGGIO DELLE 4 BANCHE IN CRISI NON E’ STATO POSSIBILE PER LA PRECLUSIONE MANIFESTATA DA UFFICI DELLA COMMISSIONE EUROPEA, DA NOI NON CONDIVISA. L’INTERVENTO DEL FONDO, INSIEME ALLE RISORSE DI ALTRE BANCHE AVREBBE CONSENTITO DI PORRE I PRESUPPOSTI PER IL SUPERAMENTO DELLE CRISI SENZA ALCUN SACRIFICIO PER I CREDITORI DELLE QUATTRO BANCHE MA CIO’ NON E’ STATO POSSIBILE”””

       Già sui fatti così descritti c’è da osservare che parlare in modo indeterminato di “uffici della Commissione europea” è una toppa infantile. Se veramente questo passaggio c’è stato bisognava usare nome e cognome e livello di responsabilità della persona.

           Seconda osservazione, prima di arrivare alla fase di intervento per un salvataggio  delle 4 banche con i soldi degli altri  come mai la Vigilanza di Bankitalia, deputata appunto a Vigilare, non ha rilevato il buco che si allargava sempre di più nei conti di quelle Banche sino a portarle al fallimento?

         L’UE, infatti, senza mezzi termini e con molta irritazione, ha risposto, a muso duro, che nelle risoluzioni delle quattro banche italiane CI SONO STATE CONSEGUENZE PER MOLTE PERSONE MOLTO DURE E DIFFICILI.MA LE BANCHE IN QUESTIONE STAVANO VENDENDO PRODOTTI INADATTI AI CLIENTI CHE, PROBABILMENTE, NON SAPEVANO COSA STESSERO COMPRANDO Sottintendendo come mai la Vigilanza di Bankitalia non se ne è accorta?

          A questa durissima prima dichiarazione, il commissario dell’UE alla Stabilità finanziaria, Jonathan Hill, sulla risoluzione delle 4 banche coinvolte, ha aggiunto: “””E’ IL GOVERNO ITALIANO A ESSERE ALLA GUIDA DEL PROCESSO DI SALVATAGGIO DELLE QUATTRO BANCHE E HA RESPONSABILITA’ DI QUESTO“””.

        L’UE, infatti,  col suo Commissario alla Stabilità già citato, sostiene, infatti di avere proposto al problema TRE SOLUZIONI POSSIBILI PER SALVARE LE BANCHE:

  • UNA CON FONDI PRIVATI
  • UNA USANDO IL FONDO DI TUTELA DEPOSITI CHE, COMUNQUE AVREBBE FATTO SCATTARE LA RISOLUZIONE E LE PERDITE PER GLI OBBLIGAZIONISTI SUBORDINATI
  • LA TERZA (POI PERCORSA) USANDO IL FONDO SALVA-BANCHE                                                                                                       

       “””LA DECISIONE DI FARE SCATTARE LA RISOLUZIONE DELLE 4 BANCHE USANDO IL FONDO NAZIONALE DI RISOLUZIONE E’ STATA PRESA DALLE AUTORITA’ ITALIANE. SE VENGONO USATI FONDI DI STATO PER SOSTENERE LE BANCHE, INDIPENDENTEMENTE DA DOVE ESSI PROVENGANO, SI APPLICANO LE NORME UE COMPRESA LA CONDIVISIONE DEGLI ONERI“””.

             Forse sulla faccenda nel governo italiano si è deciso come dei dilettanti allo sbaraglio senza valutare le conseguenze pagate solo ed esclusivamente  dai creditori che ci hanno rimesso TUTTI i loro risparmi ed almeno uno, speriamo che non succeda ancora, anche la vita.  

     Ciascuno di noi credo sia in grado di valutare di chi siano le responsabilità di quanto accaduto e del pastrocchio che starebbero per fare con l’elemosina ai creditori più bisognosi! L’UE non bloccò proprio niente e propose TRE alternative. Quella scelta dal governo italiano fu la più onerosa per i cittadini che avevano depositato i loro risparmi. Punto!!!                                                                                                                                      

                  

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in DILETTANTI ALLO SBARAGLIO. Contrassegna il permalink.

5 risposte a COME AL SOLITO, LA COLPA E’ SEMPRE DEGLI ALTRI!

  1. popof1955 ha detto:

    Le obbligazioni ci illudiamo che siano un investimento esente da rischi, ma non è così, l’ingordigia dell’investitore fa sempre dimenticare che il rischio è l’elemento principale che consente eventuali guadagni, che sono sempre incerti. Le banche da parte loro si tutelano facendo firmare moduli che nessuno legge e che dicono chiaro e tonto che si tratta di investimento rischioso.

    • cordialdo ha detto:

      Hai dimenticato quale è stato il ruolo sia della Banca d’Italia – così ancora chiamata impropriamente – e sia del governo che aveva fretta di salvare la banca Etruria dove per 8 anni, sino a quando non lo hanno costretto a dimettersi, è stato vicepresidente il padre della sua bella!!! E l’Europa aveva dato al governo tre alternative. Renzi ha scelto da solo con l’avallo dei ministri più ignoranti in materia, come il sottosegretario che ieri sera era al dibattito su la7 che meritava di essere preso a calci in culo, HA SCELTO LA SOLUZIONE PIU’ RAPIDA MA ANCHE LA PIU’ PENALIZZANTE I RISPARMIATORI. iL RUOLO SIA DELLA BANCA, SIA DI BANKITALIA E SIA SOPRATTUTTO DEL GOVERNO E’ STATO CRIMINALE E QUESTO DOVREBBE ESSERE DISCUSSO E NON IL SESSO DEGLI ANGELI.

      • popof1955 ha detto:

        Oggi ho letto la cronaca dei fatti accaduti a quell’uomo che si è fidato dell’impiegato bancario. Nei rapporti con le banche non bisogna mai dimenticare che chi sta di fronte è stipendiato dalla banca, e se la manca ordina il cliente è solo una serie di numeri, che la Banca d’Italia è espressione delle banche italiane e che se c’è qualcuno che fruisce della sua tutela non è la clientela. Idem la BCE.

        • cordialdo ha detto:

          Appunto, la vigilanza da parte di Bankitalia e della Consob è come un pastore affidasse le sue pecore a un LUPO! Per questo Renzi vorrebbe una commissione super partes! Indovina a chi? Bankitalia e Consob!!! La BCE è peggio perchè è l’unica che batte moneta e la, a debito , presta ai vari Paesi!

  2. Ovvio! anche da me sul lavoro, nel nostro piccolo, la colpa è sempre degli altri

I commenti sono chiusi.