MESSAGGIO DI FINE ANNO DEL QUIRINALE: TITOLI PER I GIORNALI – OVVIETA’ – ARIA FRITTA!


Il presidente Mattarella legge il suo primo messaggio al Paese-552d56803a52a55c38ae651dd59e1a2a-5808

    Il messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica, a mio avviso, dovrebbe essere l’analisi precisa sullo “stato del Paese” con tutte le sue luci e le sue ombre ma anche le responsabilità precise dove risiedono e le indicazioni, altrettanto precise, degli interventi necessari , non solo le enunciazioni per modificarne le cause che le determinano.

     Il capo dello Stato non dovrebbe limitarsi a prendere atto delle “””DIFFICOLTA’ QUOTIDIANE DI TANTE PERSONE E DI TANTE FAMIGLIE”””. I cittadini sanno già questo come sanno anche che i giovani non sono messi nella possibilità di “””PROGRAMMARE IL PROPRIO FUTURO CON LA SERENITA’ NECESSARIA””” perchè tutto ciò lo vivono sulla propria pelle e su quella dei loro figli privi di futuro e lo leggono sulla stampa quotidiana – quella ridotta a poche unità – come “il Fatto Quotidiano” mentre la maggior parte è asservita attraverso la corresponsione selezionata di contributi da parte del governo che, oltre a distribuire mance con i soldi dei contribuenti che pagano le tasse – lavoratori e pensionati – si permette, come succede in tutte le democrazie malate di autoritarismo, di minacciare l’abolizione dell’ordine dei giornalisti -ricevendo la dura risposta di quel presidente dell’ordine – e di decidere pubblicamente quali siano i titoli degli articoli decenti e quali, invece, non lo siano e, sembrerebbe strano anche agli stessi “leccaculo” che quelli indecenti siano quelli del Fatto e forse anche di qualche altro limitato giornale e mai, ad esempio, di quelli sovvenzionati perchè scrivano e dicano, come fanno i TG della Rai colonizzata e lottizzata dai renziani,  che dicono che “tutto va bene madama la marchesa!”

     I cittadini, soprattutto quelli di ” ALCUNI AMBIENTI SOCIALI” e di “ALCUNE REGIONI HANNO PIU’ OPPORTUNITA'” di altri.

        Dal presidente della Repubblica si sarebbero aspettati di sentire di chi sia la responsabilità politica di ciò e che cosa e come bisognerebbe intervenire per modificare le cose.

         Tutti i cittadini sanno che “IL MEZZOGIORNO è UNA QUESTIONE NAZIONALE”.  Se lo sentono ripetere come una litania da quando l’Italia è una Repubblica ma le regioni meridionali continuano ad avere sviluppo e servizi da terzo mondo, la situazione è peggiorata con la regionalizzazione, ma questo Governo ha riesumato irresponsabilmente il progetto del ponte per dare una mano alle mafie calabresi e siciliane!

          Lei, signor Presidente, da Siciliano, anche se di alto rango forse avrebbe dovuto dire a Renzi che invece del Ponte sullo stretto, i Siciliani hanno bisogno di acquedotti, strade e ferrovie che cono ancora quelle del Regno di Sicilia, già regno delle Due Sicilie, a  Ferdinando IV diventato I da cui nacque la scherzosa canzoncina: “””Fosti terzo ed eri quarto, Ferdinando or sei primiero ma se seguita lo scherzo finirà che resti zero”.  Ma, a zero sono rimasti solo i siciliani privi dei servizi essenziali come l’acqua , le strade e le ferrovie!!!

         E’ cosa ben nota, soprattutto a chi ha ancora il lavoro ed anche ai pensionati, gli unici rimasti a pagare tasse ed imposte, che “L’EVASIONE VALE IL 7% DEL PIL”. MA DAL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA QUESTI CITTADINI SI SAREBBERO ASPETTATI DI SENTIRE CHE I PROVVEDIMENTI DI QUESTO SEDICENTE GOVERNO DEMOCRATICO CHE DICE DI VOLER DIMINUIRE QUESTA VERGOGNA MA LA FAVORISCE, CON L’ELEVAZIONE DA 1000 A 3 MILA EURO L’USOI DEL CONTANTE E IL PAGAMENTO DEGLI AFFITTI ANCH’ESSO IN CONTANTI, QUINDI SENZA TRACCIABILITA’ ALCUNA. Renzi quando afferma di voler combattere l’evasione, di fatto, offende la nostra intelligenza con la sua arroganza.

        Ma ci sarebbero altri  aspetti dell’anno che è finito che avrebbero meritato almeno un accenno oltre agli accertati mali endemici: ALMENO UN ACCENNO AD UN PARLAMENTO ORMAI SVUOTATO DA OGNI FUNZIOINE E PREROGATIVA, RIDOTTO A MERO SCHIACCIA PULSANTI PER VOTARE DA UN GOVERNO CHE GLI HA SOTTRATTO PERSINO L’ESAME, LA DISCUSSIONE E L’APPROVAZIONE DELLE LEGGI ATTRAVERSO LA “””D E C R E T A Z I O N E””” AMMESSA DALLA COSTITUZIONE SOLO NEI CASI LIMITATI DI REALE URGENZA. O NO, SIGNOR PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, GARANTE E CUSTODE DELLA COSTITUZIOINE CALPESTATA, STUPRATA E RIDOTTA AL VOLERE DEL GOVERNO, DI QUESTO GOVERNO NON CERTAMENTE ESPRESSIONE DEI CITTADINI ITALIANI MA DI UNA MAGGIORANZA RACCOGLITICCISA SELEZIONATA ATTRAVERSO UNA LEGGE ELETTORALE GIA’ DICHIARATA INCOSTITUZIONALE DALLA CORTE AL CUI VOTO ELLA,SIGNOR PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, HA PARTECIPATO!                                           

         Eppure quello stesso Parlamento NOMINATO CON UNA LEGGE ELETTORALE INCOSTITUZIONALE è lo stesso ed ha conservato, stranamente, tutti i suoi poteri compreso quello di DARE LA FIDUCIA AD UN GOVERNO CHE NON HA MAI RICEVUTO ALCUN MANDATO POPOLARE E DI ELEGGERE LEI ALL’ALTA ED APICALE FUNZIONE E RUOLO DI PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA!

        E’ comprensibile, quindi, che Matteo Renzi, presidente del Consiglio abusivo su mandato del suo predecessore, signor presidente  Mattarella, abbia potuto definire il suo messaggio un “DISCORSO BELLO E DIRETTO AL CUORE DEGLI ITALIANI”!

           Io, come cittadino di questa Repubblica, avrei preferito che il Suo fosse stato un messaggio che avesse parlato alla razionalità delle persone oneste di questo Paese che sono la maggioranza ma ,per la politica, tutta la politica, non contano niente.

         Se ciò fosse successo ne avremmo guadagnato in credibilità e dignità tutti, anche Lei, signor Presidente!

           Buon anno nuovo comunque, presidente Mattarella!!!

                                                                                                              

                                    

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA E DELL'AMBIENTE. Contrassegna il permalink.

3 risposte a MESSAGGIO DI FINE ANNO DEL QUIRINALE: TITOLI PER I GIORNALI – OVVIETA’ – ARIA FRITTA!

  1. babajaga ha detto:

    ma qualcuno lo ascolta ancora?

I commenti sono chiusi.