FAMILY DAY: FRANCESCO HA STOPPATO IL CARDINALE BAGNASCO ED INSIEME A LUI GLI OPPORTUNISTI TEODEM ED ASSOCIATI!!!


              Papa Francesco e Cardinale Bagnasco

       Solo un uomo di specchiata onestà intellettuale, rispettoso del Vangelo e di quel “””Date a Cesare quel che è di Cesare ed a Dio ciò che è di Dio” nella sua interezza, nella sua essenza, poteva affermare, ancora una volta, che la Chiesa NON DEVE ESSERE INVISCHIATA NEI FATTI POLITICI DELLO STATO.

      Solo un Papa come Bergoglio poteva marcare la differenza tra la Sua Chiesa e quella dei vescovi italiani che presiede Bagnasco ed i politici, soprattutto i teodem nel caso specifico, allineati a leccare il “potente” del Vaticano per ricavarne qualche piccolo vantaggio rispetto a quelli che avevano già scelto di non esibirsi con la loro presenza al Family Day, una parata di ipocrisia e di ipocriti, un miscuglio innaturale tra politica e fede con il solo obiettivo del controllo sulla società.

     Grazie, Francesco, tu, per quanto mi riguarda, sei il primo Papa che non respinge nessuno, sei il primo vero Pastore che sa accogliere tutti i fratelli anche quelli che usano un linguaggio ed un modo di essere diverso da quello che tu ritieni più consono in una società più sana.

     Non dimenticherò mai il giorno in cui, uomo tra uomini, esclamasti “””Chi sono io per giudicare?”””.

    Già, carissimo Papa Francesco. Con la stessa lealtà con la quale ti dissi, anzi ti scrissi, un giorno,  di essere agnostico, oggi devo confermarti la mia stima fraterna e dirti, però, che difficilmente, quando lascerai questo mondo per altri luoghi di pace, difficilmente a qualcuna delle tue “coppole rosse”, ai quali fa schifo vivere dignitosamente senza sfarzo in un appartamento di 49 mq come me e senza  i privilegi derivanti dalle alleanze con il potere politico, verrà mai in mente di proporti come  SANTO!!!                                                                                                                                          

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in "Dialogare non è negoziare per avere una fetta di torta", "Meglio una Chiesa sporca che una Chiesa malata". Contrassegna il permalink.