DOPO AVERE FIRMATO AFFARI COMMERCIALI COL DITTATORE ED AVERLO ELOGIATO, IL GOVERNO ITALIANO QUANTI DEPISTAGGI ACCETTERA’ DAL CAIRO SULL’ASSASSINIO DI GIULIO REGENI?


   

"L'Egitto è un'area straordinaria di opportunità. Abbiamo fiducia nell'Egitto e nella sua leadership, nelle sue riforme macroeconomiche ambiziose: sosteniamo la sua missione in favore della prosperità e della stabilità". Lo ha detto il premier Matteo Renzi nel suo intervento alla conferenza di Sharm El Sheikh lodando la "saggezza" del presidente egiziano al Sisi che lo ascoltava in platea. "La sfida egiziana - ha proseguito Renzi - è anche la nostra sfida, la stabilità dell'Egitto è la nostra stabilità. C'è l'impegno personale mio e dell'Italia per lavorare con lei anche sulla crisi siriana e libica", ha aggiunto il premier rivolgendosi sempre al leader egiziano. Sharm el Sheikh (Egitto), 13 marzo 2015. ANSA/PRESIDENZA CONSIGLIO +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

“L’Egitto è un’area straordinaria di opportunità. Abbiamo fiducia nell’Egitto e nella sua leadership, nelle sue riforme macroeconomiche ambiziose: sosteniamo la sua missione in favore della prosperità e della stabilità”. Lo ha detto il premier Matteo Renzi nel suo intervento alla conferenza di Sharm El Sheikh lodando la “saggezza” del presidente egiziano al Sisi che lo ascoltava in platea. “La sfida egiziana – ha proseguito Renzi – è anche la nostra sfida, la stabilità dell’Egitto è la nostra stabilità. C’è l’impegno personale mio e dell’Italia per lavorare con lei anche sulla crisi siriana e libica”, ha aggiunto il premier rivolgendosi sempre al leader egiziano. Sharm el Sheikh (Egitto), 13 marzo 2015.

 

        VOGLIAMO TUTTA LA VERITA’ SUL BARBARO ASSASSINIO DI GIULIO REGENI!!!

 

giulio-regeni-115949200-9782acc2-bc42-428d-af2a-529a5d494b7b

 

     Dopo aver firmato affari commerciali col dittatore egiziano, l’unica cosa in cui eccelle, ed averlo elogiato, il Governo italiano quanto altri vergognosi depistaggi accetterà passivamente dal Cairo sull’assassinio di Stato di Giulio Regeni?                                                                                                                               

      Quando la smetterà con la sua lagna -“””Ora il Cairo dica la verità”””- Gentiloni, il ministro senza palle, e convocherà l’ambasciatore egiziano per comunicargli che se entro 24 ore le autorità inquirenti italiane non riceveranno TUTTI i documenti relativi alla verità sull’inchiesta condotta dagli inquirenti egiziani sul barbaro assassinio con torture del cittadino italiano Giulio Regeni il nostro Paese interromperà i rapporti diplomatici  con quella dittatura?

 

             

 

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in verità sull'assassinio con torture di Giulio Regeni! Basta depistaggi!!!. Contrassegna il permalink.