SUL SITO DEL FATTO QUOTIDIANO SI RACCOLGONO LE FIRME PER LA CAMPAGNA LANCIATA DA ZAGREBELSKY E RODOTA’ A SOSTEGNO DELLA COSTITUZIONE!


costituzione-675-320x132

         HO FIRMATO PER DIRE, FORTE E CHIARO, IL MIO  N  O   ALLA RIFORMA CATTO-FASCISTA-PIDUISTA-DELINQUENZIALE DI RENZI E VERDINI!

               NATO NEL PERIODO FASCISTA AMO LA COSTITUZIONE PERCHE’ AMO LA DEMOCRAZIA E LA LIBERTA’ INSIEME AI 15 MILA CITTADINI CHE GIA’ IERI AVEVANO FIRMATO PRIMA DI ME.

                 Per unire la Vostra firma all’appello per il NO alla riforma della Costituzione è sufficiente cliccare su:  ilfattoquotidiano.it.

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in NO alla "riforma" catto-fascista-piduista della Costituzione!. Contrassegna il permalink.

7 risposte a SUL SITO DEL FATTO QUOTIDIANO SI RACCOLGONO LE FIRME PER LA CAMPAGNA LANCIATA DA ZAGREBELSKY E RODOTA’ A SOSTEGNO DELLA COSTITUZIONE!

  1. cinemadegenere2014 ha detto:

    La Costituzione è il nostro più grande patrimonio. Dispiace che chi ci goveran la rispetti così poco…

    • cordialdo ha detto:

      Il governo, soprattutto l’attuale che non ha mai ricevuto alcun mandato popolare attraverso libere e democratiche elezioni, approfitta dell’indifferenza della maggioranza che non mai formato una società coesa che sapesse apprezzare i frutti della democrazia e della libertà. Quale altro popolo avrebbe mai permesso ad una banda di cialtroni come quella che ci governa di ridurre tutti gli spazi di democrazia reale da quelli conquistati dai lavoratori con decine e decine di anni di lotta operaia (abolizione dell’art.18 dello Statuto dei lavoratori), a quelli civili che dovrebbero riguardare tutti? Quale altro popolo tollererebbe che i professionisti della politica vivano sulle spalle di chi lavora con stipendi che nessun altro governo europeo si permette? La realtà è che quello italiano NON è un popolo ma UN GRUPPO DI PERSONE CHE PER CASO VIVONO SULLO STESSO TERRITORIO E CIASCUNO COLTIVA I PROPRI INTERESSI INDIVIDUALI DELEGANDO AI DELINQUENTI DI STATO IL GOVERNMO DEL PAESE DEL QUALE NON SONO DEGNI!

      • cinemadegenere2014 ha detto:

        Completamente d’accordo! E’ un problema serio e annoso quello della scarsa coesione degli italiani.

        • cordialdo ha detto:

          Forse molto di più. Tipico dell’Italia e degli italiani è avere combattuto due guerre mondiali iniziandole con alcuni alleati e terminandole alleandosi con i loro avversari !!! Credo che dovrebbe bastare per qualificare l’una e gli altri. E ciò che non dimenticano mai gli stranieri, specialmente i miei amici austriaci e tedeschi, di ricordare quando sono in vena di parlare delle “virtù” degli italiani.

          • cinemadegenere2014 ha detto:

            A voler essere completamente sinceri la Prima Guerra Mondiale l’abbiamo combattuta sempre contro lo stesso nemico. Prima dello scoppio delle ostilità esisteva un’alleanza a scopi difensivi con gli imperi centrali che nel 1914 non sono stati attaccati, ma hanno attaccato. Sicuramente i nostri alleati dell’epoca allo scoppio delle ostilità non hanno fatto nulla per mantenere in vigore l’alleanza. Quella è una pagina della nostra storia poco conosciuta a che noi continuiamo a non interpretare nel modo corretto. Bisogna approfondirla. Consiglio il bel testo di Mario Isnenghi e Giorgio Rochat.

            • cordialdo ha detto:

              Chiedo scusa per il ritardo nel rispondere ma chi legge il mio blog conosce già perchè.

              Anch’io conosco la storia che resta immutabile nonostante i contorsionismi di qualche storico o pseudo tale.
              So, ad esempio che l’Italia, sia pure obbligata, faceva parte della Triplice alleanza insieme a Germania ed Austria e che allo scoppio della 1^ guerra mondiale nel 1914, poichè l’alleanza aveva un carattere difensivo, usò questo escamotage, per non rispetttare l’alleanza dichiarando la propria neutralità in attesa di vedere cosa avrebbero fatto Francia,Inghilterra e Russia. Ciò sino a quando, col Patto di Londra decise di unirsi ai Paesi dell’Intesa e di entrare in guerra il 24 maggio 1915. Non è una pagina poco conosciuta è una pagina che volutamente resta dimenticata proprio per poi dire che nella prima guerra mondiale non cambiò mai alleati.

I commenti sono chiusi.