OGGI HO PIANTO LEGGENDO IL RICORDO DEL MIO AMICO “PRETE DEGLI ULTIMI” PUBBLICATO NEL SITO DEL FATTO QUOTIDIANO L’ALTRO IERI!


Don_Andrea-Gallo-un amico-un-fratello

(Don Andrea Gallo, un amico, un fratello)

     Sai, don Andrea, stamattina appena alzato ho acceso il pc e sono entrato nel sito di “il Fatto Quotidiano” ed ho letto ciò che ha scritto di te l’altro ieri Viviana Correddu, una delle ragazze della tua fondazione, la dolcissima poetessa che recitava insieme a te sul palcoscenico a Genova. Non pensavo fosse possibile ma, leggendo, ho pianto ricordando il tuo sorriso! Ciao, don Andrea, amico e fratello!

    Ciao, Viviana, grazie per aver ricordato il nostro amico don Andrea. Permettimi di presentarti agli amici del mio blog:

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Don andrea Gallo il prete degli ultimi.. Contrassegna il permalink.

4 risposte a OGGI HO PIANTO LEGGENDO IL RICORDO DEL MIO AMICO “PRETE DEGLI ULTIMI” PUBBLICATO NEL SITO DEL FATTO QUOTIDIANO L’ALTRO IERI!

  1. alessialia ha detto:

    Eh ci sono delle persone che ti entrano dentro per un qualsiasi motivo, anche uno sguardo e poi ë difficile farli uscire… Mi unisco al tuo ricordo per lui…

  2. fanistea ha detto:

    Ci sono persone che lasciano un segno nelle nostre vite , vero Osvaldo ? Ed è bello che sia così , ed è bello ricordare .

    • cordialdo ha detto:

      Don Andrea era una persona speciale! Lo conobbi per caso una sera del 1960 a Lavagna dove era per una conferenza ed io in vacanza. Dopo la fine della conferenza, la nostra proseguì chiacchierando insieme almeno per un’altra ora a raccontarci un po’ delle nostre vite. Lui era stato appena estromesso, dalla sua parrocchia! Lo rividi, qualche anno dopo quando c’era tanto fervore sociale tra i preti cattolici. Venne a Novara, dove io abitavo, sempre per una conferenza che si tenne al Broletto. Preti come lui (e come Papa Francesco!) non ne esistono più o io non non ho avuto la fortuna di incontrarne altri! Ciao, Stephy. Un abbraccio. Osvaldo.

I commenti sono chiusi.