25 APRILE 2016 – FESTA DELLA LIBERAZIONE?


     Francamente, credo che dopo 71 anni  dalla prima volta, occorrerebbe fare “un tagliando” all’Italia, come si fa ogni due anni la “revisione” delle automobili per chiederci almeno se veramente esistano motivi per festeggiare ancora tale giorno, se veramente possiamo ancora dire, orgogliosamente come allora. che quel giorno del 1945 il nostro Paese si è liberato del REGIME FASCISTA ed anche DEI FASCISTI o, invece, come io penso, i fascisti, alcuni sotto traccia, altri arrogantemente e palesemente, abbiano immeritatamente occupato, più o meno tutte le Istuituzioni ed abbiano continuato a governare a loro piacimento, PIEGANDO LE LEGGI AI LORO INTERESSI e CALPESTANDO E VIOLANDO LA COSTITUZIONE regalataci dalla RESISTENZA e dal sangue versato dai PARTIGIANI

PARTIGIANI 1

PARTIGIANI 2

partigiane-4

25-aprile-2016

11996903_832223486892312_4130402278279977870_n

Brecht_1656243981_2759155_864643363_n

 cala-24

ORA E SEMPRE RESISTENZA

resistenza_donne_6

Resistenza-FEDELTA'

-sTAFFETTE PARTIGIANE-5

e dall’intelligenza, dall’onestà e dalla lungimiranza dei Padri Costituenti

   I VERI COSTITUENTI FIRMANO LA COSTITUZIONE ITALIANA LA STESSA CHE L'ATTUALE GOVERNO PRIVO DI MANDATO HA CALPESTATO!

                       (I VERI COSTITUENTI FIRMANO LA COSTITUZIONE)

LA COSTITUZIONE ITALIANA

     Da un’analisi politica condotta con correttezza intellettuale sulla situazione attuale emerge la MOSTRUOSA EVIDENZA di un Paese governato da un signore che non solo non ha mai ottenuto un mandato dai cittadini italiani (art.1 della Costituzione) ma NON SI E’ MAI CANDIDATO AL PARLAMENTO NAZIONALE per ricevere tale mandato; ha ricevuto la fiducia da un Parlamento di nominati e quella fiducia gli è stata concessa da una maggioranza parlamentare diversa dall’attuale, che è nuova, raccogliticcia e formatasi su basi nuove la cui legittimità è per lo meno molto dubbia.

          Ciononostante, questo governo, per quanto mi riguarda abusivo, IN POCO PIU’ DI DUE ANNI, ha fatto più guasti, a parte la guerra, dei 20 anni del fascista Benito Mussolini che, però, alla fine, prima fu fucilato e, da morto, appeso per i piedi nello stesso Piazzale Loreto

piazzale-loreto

strage-di-partigiani a_Piazzale_Loreto,_dipinto

dove i suoi sgherri avevano fatto scempio di un gruppo di partigiani, ed insieme persino delle leggi vergogna fatte approvare AD PERSONAM da Silvio Berlusconi.

     Infatti, chi governa attualmente il Paese, lo fa esautorando il Parlamento il cui ruolo, mediante abbondanza di “questione di fiducia” a raffica, è ridotto a quello di “pigia pulsanti”, spesso nemmeno l’esistenza di un testo scritto, riducendo i tempi di discussione mediante marchingegni più o meno leciti concordati o imposti ai presidenti dei due rami del Parlamento e, cosa ancora più grave stracciando e calpestando la Costituzione vigente senza che preventivamente avesse discusso con qualcuno, nemmeno all’interno del suo partito, del quale si è impossessato con lo stesso sistema e con le stesse complicità utilizzate per impossessarsi del governo e facendo approvare una nuova legge elettorale con gli stessi difetti di quella precedente dichiarata incostituzionale e con l’obiettivo di ottenere così PIENI POTERI, tutti concentrati nella sua persona, METTENDO IN DISCUSSIONE PERSINO QUELLO GIUDIZIARIO quando si avvicini pericolosamente al santuario degli amici del suo “Giglio magico” e taroccando persino un referendum per difendere gli interessi degli amici petrolieri e delle loro lobby!

     Renzi-Funerale -della-democrazia-parlamentare                                                             (funerale per morte della democrazia)

                                            RESISTERE – RESISTERE – RESISTERE!

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in RESISTERE-RESISTERE-RESISTERE. Contrassegna il permalink.

9 risposte a 25 APRILE 2016 – FESTA DELLA LIBERAZIONE?

  1. cordialdo ha detto:

    MESSAGGIO PER MARCELLO COMITINI:
    Ciao, Marcello noi non ci conosciamo direttamente ma solo perchè abbiamo in comune un’amica poetessa che, settimanalmente con un abbraccio unisce tutti gli amici augurando il suo graditissimo augurio di buon fine di settimana. Tu sai chi è.
    Oggi ho gradito molto che tu sia entrato per la prima volta e letto questo mio post che mi ripaga del fatto che ci sia qualcuno che la storia la conosce a spanne e confonde i periodi storici confondendo anche i loro protagonisti “stimandoli” tutti allo stesso modo. Foto di gruppo dell’Italia di oggi!
    A rileggerci presto nei rispettivi blog. Ciao. Osvaldo

  2. In ogni caso e rispettando il pensiero di tutti buona giornata! Se vogliamo dirla tutta anche i comunisti ci sono ancora ovunque. Qualcuno ha solo cambiato il nome. Se onesti io rispetto tutti.

    • cordialdo ha detto:

      Premesso che i comunisti al tempo del fascismo erano solo in galera. sottoterra o, nella migliore delle ipotesi, al confino o in esilio all’estero, come Pertini, e che alla caduta del fascismo, io ne conosco qualcuno, qualche fascista fece in fretta a togliersi “coraggiosamente” la camicia nera e ad indossare quella rossa, rispetto tutti quelli che, in buona fede come te, sanno commentare ciò che scrivono gli altri e di cui spesso non sanno nulla perchè nessuno gliel’ha insegnato. Molto illuminante l’inchiesta pubblicata oggi da “il Fatto Quotidiano” in alcune scuole superiori, compreso il liceo classico, la scuola più “in” dove alla domanda “””Il 25 aprile…che festa è””” LE RISPOSTE PER LO PIU’ SONO STATE DESOLANTI: SILENZI, IMBARAZZI E NON RICORDO.
      Penso che ciò potrebbe succedere anche a molti dei tuoi coetanei per i quali la Storia finisce con la prima guerra mondiale e del fascismo e di ciò che è successivo sanno poco o nulla.
      Per il resto io rispetto ciò che scrivono gli altri anche quando non lo condivido spiegando perchè. Ciao.

      • Mio padre ha fatto 18 mesi di militare più tutti glu anni della seconda guerra mondiale . I miei zii erano partigiani, mia madre staffetta e portava loro i messaggi nei boschi nascosti anche nelle ruote e nel sellino della bici. Mia nonna regalò la fede al fascio ed abito vicino alla casa dei sette fratelli cervi trucidati dal fascio. Odio i fascisti i nazisti e l’isis. I comunisti tentarono con un agguato preparato nel1952 in una cellula rossa di san rigo paesino in prov di re. E sai perchet? Perché era un democristiano di Langhirano di Parma trapiantato nel reggiano in quegli anni. Gli g
        Hanno dato tante di quelle coltellate da far morire un elefante! Si salvò. Magari fossi così giovane da non conoscere la storia….grazie in ogni caso per la giusta lezione di ripasso.

        • cordialdo ha detto:

          La storia era un ripasso per me non per te. Ma ciò che dici adesso non rende fascisti e comunisti uguali storicamente in Italia. Io mio padre lo conobbi all’età di 8 anni quando tornò a casa dal confino! Ma questa è una storia che riguarda solo me e la mia famiglia non il mio mio blog e chi lo legge. Ciao..

I commenti sono chiusi.