FIGLI CHE UCCIDONO I GENITORI!


     

Casi di omicidi avvenuti per mano di un parente (111mm x 110mm)

Casi di omicidi avvenuti per mano di un parente (111mm x 110mm)      

          Quante volte in Italia, forse anche altrove, è già successo che un figlio, da solo o in compagnia di un complice, ha ucciso i genitori?

           L’ultimo episodio di cronaca ha per protagonisti un figlio di appena 16 anni ed il suo complice, un amico, di non ancora 18 anni.

         Le vittime. Salvatore Vincelli, 59 anni, e Nunzia Di Gianni, 45 anni, sono stati uccisi in provincia di Ferrara a colpi di ascia in testa.

        Lo schema  pubblicato oggi dall’ANSA elenca i casi più eclatanti, quelli che, più di altri, ha impressionato l’opinione pubblica per la loro efferatezza ma ne sono rimasti fuori altri dimenticati dalla cronaca.

      Il più lontano che io ricordi risale a molti anni fa, il caso dei due “fidanzatini”  piemontesi, se ricordo bene vivevano in un paesino tra le risaie del novarese-vercellese.   I genitori uccisi quelli della ragazza, complice il fidanzato ritenuto al processo istigatore.                                  

       

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in assassini in famiglia. Contrassegna il permalink.

3 risposte a FIGLI CHE UCCIDONO I GENITORI!

  1. Andrea ha detto:

    Sono i delitti più difficili da capire: quelli dei figli contro i genitori, dei mariti contro le moglie e delle madri contro i propri figli. E’ strano come la sequenza di solito sia questa e non una diversa. Infatti è difficile sentire di una moglie che ammazza il marito o un padre che uccide i figli. Sembra proprio che scatti una ribellione contro chi si dovrebbe amare di più. Gli psicologi avranno certament euna risposta in merito

    • cordialdo ha detto:

      Purtroppo una risposta razionale non esiste e, quindi, nemmeno la psicologia è in grado di rispondere se non a “tentoni” e per via ipotetica. Mentre, infatti, è abbastanza facile fare la cronaca attraverso i fatti noti, nemmeno quando “confessa”, un omicida in famiglia, soprattutto un minore, un ragazzino, è in grado di spiegare a se stesso le ragioni vere, quelle più profonde, lontane, a volte, al periodo della vita intrauterina quando, questo è certo, il feto avverte tutto ciò che succede all’esterno, nella sua famiglia, soprattutto a sua madre. E’ questa la ragione per la quale la psicologia chiede ai genitori di far sentire al feto musica distensiva ed evitare di “portarlo” in ambienti rumorosi e chiassosi. La nostra psiche resta, comunque, per lo più un mistero inesplorabile.

  2. e a Roma la madre che tenta di ammazzare la figlioletta di tre anni per riconquistare il marito……la pazzia dilaga, non so che altro pensare 😦

I commenti sono chiusi.