HOTEL RIGOPIANO: I SOCCORRITORI HANNO LAVORATO ALACREMENTE E PROFICUAMENTE PER TUTTA LA NOTTE IN CONDIZIONI DI ESTREMO PERICOLO.


     

A still image taken from a video shows firefighters working at Hotel Rigopiano in Farindola, central Italy, after it was hit by an avalanche, January 20, 2017 provided by Italy's Fire Fighters.Vigili del Fuoco/Handout via REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE WAS PROVIDED BY A THIRD PARTY. EDITORIAL USE ONLY.

    Nella corsa contro il tempo per strappare nuove vite alla slavina, i soccorritori hanno lavorato alacremente e proficuamente in condizione di estremo pericolo ed al momento 11 sono le persone già salvate, tra cui alcuni bambini.

            5, invece, le vittime estratte dalla morsa del ghiaccio.

    Nel frattempo, anche se non confermate, altri segnali sarebbero arrivati da sotto le macerie.  Per l’ulteriore ricerca dei dispersi, un ruolo chiave da ora in avanti giocheranno le sofisticate tecnologie in uso alla Polizia Scientifica ed alle Fiamme Gialle che sono arrivate ieri sera tardi con un “gatto delle nevi” per localizzare  i dispersi attraverso i loro cellulari. Altri sofisticati sistemi sono stati posizionati nella mansarda dell’albergo per catturare eventuali segnali provenienti da sotto le macerie dove i soccorritori già stamani hanno trovato l’uomo vivo e ferito già ricoverato in ospedale ed anche le due donne, purtroppo morte.

      Spero che anche questi nuovi strumenti di estrema precisione che vengono utilizzate per dare la caccia ai latitanti mafiosi possano servire a salvare nuove vite.                     

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA E DELL'AMBIENTE. Contrassegna il permalink.