ROBERTO SCARPINATO, PROCURATORE GENERALE DI PALERMO, HA RACCONTATO ALL’ANTIMAFIA LE ACCUSE A UN PIDUISTA ANDREOTTIANO L’OMICIDIO DEL GENERALE DALLA CHIESA.


PROFUMO DI DEMOCRAZIA E LIBERTA'

Questo è un ritaglio di giornale che riporta la cronaca dell’omicidio del Generale, Prefetto di Palermo, di sua moglie e del suo autista il 3 settembre 1982.

Oggi quella cronaca è tornata di cocente attualità perchè, dopo 35 anni,  il Procuratore generale di Palermo, Roberto Scarpinato, chiamato in audizione dalla Commissione antimafia, per essere sentito in merito ai rapporti tra mafia e massoneria, ha lanciato le sue accuse  contro un allora deputato Dc,  andreottiano e  piduista, quale mandante di quella strage! 

(Roberto Scarpinato)

    Non  ha avuto alcuna esitazione Roberto Scarpinato a riferire tutto ciò che ha appreso in questi 35 anni trascorsi e su ciò che egli oggi considera una assoluta verità.

Parlando dell’omicidio del Prefetto di Palerno Carlo Alberto Dalla Chiesa, il procuratore Scarpinato, scandendo le parole, ha affermato: “””L’ORDINE DI ELIMINARE DALLA CHIESA ARRIVO’ A PALERMO DA ROMA. DAL DEPUTATO FRANCESCO COSENTINO”””.

Il deputato Francesco Cosentino…

View original post 70 altre parole

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA E DELL'AMBIENTE. Contrassegna il permalink.