UN ESEMPLARE INTELLIGENTE ARTICOLO DI UN GRANDE GIORNALISTA!


         

    Massimo Fini, scrittore e giornalista di “il Fatto Quotidiano”, ha scritto oggi, sul quotidiano che sono orgoglioso di leggere sin dal primo numero ogni giorno, un articolo esemplare con il titolo “VA RISPETTATA LA LEGGE NON I “VALORI” con il quale, commentando l’art.3 della nostra Costituzione, dà una  lezione di diritto costituzionale addirittura alla Corte di Cassazione  affermando -ed io sono d’accordissimo- “””E’ INCOSTI= TUZIONALE LA SENTENZA CHE OBBLIGA LO STRANIERO CHE VIVE IN ITALIA A CONFORMARSI ALLE NOSTRE TRADIZIONI”””.

Cosa sostiene Massimo Fini in sostanza un principio razionale con il quale “””LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE CHE OBBLIGA LO STRANIERO CHE VIVE IN ITALIA A CONFoRMARSI AI NOSTRI VALORI (E IMPLICITAMENTE A QUELLI OCCIDENTALI) E’ ABERRANTE, INQUIETANTE, PERICOLOSA”””.

     Lo straniero che vive in Italia legalmente ha, infatti, come tutti, solo l’obbligo di RISPETTARE LE LEGGI ITALIANE.

    Il cittadino indiano che girava con un coltello kirpan, sacro alla sua cultura, DOVEVA ESSERE CONDANNATO PERCHE’ IN ITALIA E’ VIETATO ANDARE IN GIRO ARMATI DI COLTELLO. Se si accettasse, invece, il principio enunciato dalla Cassazione un italiano che vivesse in un Paese islamico dovrebbe, in conformità alla cultura di quel Paese, farsi musulmano.

Appare, quindi, del tutto ovvio che la sentenza della Cassazione è incostituzionale perchè viola l’art.3 della nostra Carta, quella che abbiamo difeso con un referendum contro coloro (Renzi-Boschi-Napolitano) che la volevano cancellare con la loro schiforma.

Sinceramente, infatti, ci dobbiamo chiedere DOVE LA CASSAZIONE ABBIA MAI LETTO IL PRINCIPIO CHE AFFERMA IN SENTENZA SECONDO IL QUALE “””LA SOCIETA’ MULTIETNICA E’ UNA NECESSITA’, MA NON PUO’ PORTARE ALLA FORMAZIONE DI ARCIPELAGHI CULTURALI CONFLIGGENTI A SECONDA DELLE ETNIE CHE LA COMPONGONO“””.

     Lo straniero che vive legalmente in Italia NON ha l’obbligo di conformarsi alle nostre tradizioni, ha il diritto di conservare le sue SEMPRE CHE NON SIANO CONTRARIE ALLE NOSTRE LEGGI. Giuridicamente, nessuno lo può obbligare ad imparare la nostra lingua. Se lo vuol fare è una sua libera scelta perchè gli serve.

     Altra cosa è l’uso del burqa vietato non perchè è un simbolo religioso MA PERCHE’ COPRE L’INTERO VISO e la nostra legge prevede che si debba andare in giro, invece, a viso scoperto.

   Forse la Cassazione avrebbe dovuto riflettere, prima di fare certe affermazioni in una sentenza, su QUALI SONO I NOSTRI PRESUNTI VALORI? Scrive Fini “””NON VEDO UN  ALTRO VALORE CHE NON SIA “L’ADORAZIONE DEL DIO QUATTRINO”  E LA SUPINA SUBORDINAZIONE ALLE LEGGI DEL MERCATO”””.

    Fini conclude il suo articolo scrivendo “””La sentenza ci dice che anche i magistrati -che per fortuna non fanno le leggi ma devono solo applicarle e giudicare caso per caso- hanno perso di vista i principi fondamentali del nostro diritto e della nostra cultura. Ma più in generale direi che noi occidentali abbiamo perso la testa”””.

    O forse sarebbe meglio dire che a volte perdiamo una buona occasione per tacere e non sparare “cazzate”!   

 

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in RISPETTO DELLA LEGGE NON DEI NOSTRI "VALORI"!. Contrassegna il permalink.

4 risposte a UN ESEMPLARE INTELLIGENTE ARTICOLO DI UN GRANDE GIORNALISTA!

  1. sherazade ha detto:

    Prima ancora di avere letto l’articolo di Massimo Fini mi era chiaro che i valori individuali o collettivi sono intangibili e che al contrario ci si debba comunque ho torto collo uniformarsi alle leggi del paese ospitante.
    SheraunnacarezzaSpillo

  2. tramedipensieri ha detto:

    Ma certo, deve rispettare le leggi!

I commenti sono chiusi.