ANCORA UNA BIMBA MORTA DIMENTICATA DALLA MAMMA IN AUTO!!!


   

   Purtroppo sono ormai tante le volte che questo blog registra questo stesso argomento ed ogni volta sono stati segnalati i mezzi  tecnici e tecnologici che, con una spesa non esagerata, potrebbero evitare che succedano altre disgrazie come questa.

Certo che se le fabbriche di automobili adottassero di serie l’uso di quanto già esiste sul mercato la spesa sarebbe di gran lunga inferiore e le famiglie con figli piccoli sarebbero incentivate a comprare proprio quelle auto più sensibili al problema.

Nel caso specifico, la bimba di 16 mesi è morta perchè una mamma, sicuramente stressata e stanca o altrimenti disperata, ha dimenticato la sua bambina in auto, sicuramente perchè convinta di averla già accompagnata all’asilo nido prima di dirigersi verso il proprio posto di lavoro, il Municipio di Castelfranco dove è segretaria comunale.

  Come è successo tante altre volte prima, ha parcheggiato la sua auto al parcheggio più vicino e si è accorta  della sua piccola rimasta in auto solo all’uscita dal lavoro, dopo circa 6 ore, quando il suo urlo disperato e straziante ha dato l’allarme a quanti occupavano ancora la piazza. 

Subito scattato l’allarme ma anche il tentativo dell’uso del defibrillatore per rianimare la tenera bimba è stato inutile.

       Personalmente credo che servirà a poco se non a rendere quella mamma più disperata il fatto che rischierà l’accusa di “omicidio colposo e di abbandono di minore”  come freddamente recita il codice penale.

Molto di più servirebbe, in casi del genere, che dei veri professionisti del mestiere, psicologi e psichiatri, studiassero i meccanismi che che scattano nella psiche umana da fare dimenticare in auto la propria bimba nella convinzione di averla già lasciata, invece, all’asilo nido come aveva già fatto in tutte le altre giornate precedenti.

   Ma a parte la cronaca, il freddo concatenare degli eventi, sui quotidiani nessun luminare della scienza cercherà di riflettere e farci riflettere su che cosa succede nel “cervello”  di una mamma o di un padre. Ed al processo solo gli avvocati cercheranno di fornire alibi per ridurre la pena. MA QUELLE MAMME E QUEI PADRI AI QUALI E’ SUCCESSA UNA COSA DEL GENERE SONO STATI ALL’ISTANTE GIA’ CONDANNATI, SENZA PROCESSO, AD UNA PENA CHE NON FINIRA’ MAI, UN VERO ERGASTOLO, DAL GIUDICE SEVERO E IMPARZIALE, LA PROPRIA COSCIENZA! 

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato all'Istituto Magistrale . Arrivato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna soprattutto l'Alta Val Venosta in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 24 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora anche la prossima estate. Sono in WhatsApp. Se appartiene alla cerchia dei miei amici, chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in ove muoia un bimbo pianga il mondo!. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...